The Earth Day and the new video on the landscape created by the volcano of La Palma after the eruption

For the fifth consecutive year Earth Day is celebrated with careful audiovisual production that includes the wonderful and unique landscapes of the eight Canary Islands, with a special role dedicated to the new space created by the eruption of the Cumbre Vieja volcano on La Palma. This video will try to reach 5.2 million people, in particular Internet users who have a particular interest in environmental issues and nature tourism.

Earth Day, which is celebrated every 22 April, has in recent years become the perfect excuse to highlight the natural spaces of the Canary Islands which are now enriched by the newborn volcanic environment of La Palma. This new landscape is called to become a major tourist attraction that will serve to promote the economic recovery of Isla Bonita.
The celebration of this event consolidates the fact that the Islas Canarias brand has become a standard-bearer for the defense of the territory and the uniqueness of the different landscapes offered by the archipelago, great natural attributes of the destination.
With the celebration of Earth Day in recent years, the Canary Islands brand aims to strengthen in the minds of tourists its commitment to defending the territory and the uniqueness of the archipelago’s landscapes.

To achieve greater success in communicating this message, the target audience has been segmented so that the content reaches the Internet users most interested in environmental issues, nature tourism and the discovery of the landscapes of the destinations they visit.
Furthermore, it is hoped that this video will go viral on social networks thanks to the emotional message conveyed by the natural environments, fauna and flora of the eight islands.
This year the video was also made in vertical format to be able to share it on the reels of Instagram and its replica on Facebook.
The piece will be broadcast in ten markets: English, German, French, Spanish, Swedish, Italian, Dutch, Belgian, Irish and Norwegian.

La Giornata della Terra e il nuovo video sul paesaggio creato dal vulcano di La Palma dopo l’eruzione

Per il quinto anno consecutivo si celebra la Giornata della Terra con un’attenta produzione audiovisiva che include i paesaggi meravigliosi e unici delle otto isole canarine, con un ruolo speciale dedicato al nuovo spazio creato dall’eruzione del vulcano Cumbre Vieja alla Palma. Con questo video si cercherà di raggiungere 5,2 milioni di persone, in particolare utenti di Internet che hanno un interesse particolare per le questioni ambientali e il turismo naturalistico.

La Giornata della Terra, che si celebra ogni 22 aprile, è diventata negli ultimi anni la scusa perfetta per mettere in risalto gli spazi naturali delle Isole Canarie che ora sono arricchiti dal neonato ambiente vulcanico della Palma. Questo nuovo paesaggio è chiamato a diventare una grande attrazione turistica che servirà a promuovere la ripresa economica dell’Isla Bonita.
La celebrazione di questo evento consolida il fatto che il marchio Islas Canarias è diventato un portabandiera per la difesa del territorio e l’unicità dei diversi paesaggi offerti dall’arcipelago, grandi attributi naturali della destinazione.
Con la celebrazione della Giornata della Terra negli ultimi anni, il marchio delle Isole Canarie mira a rafforzare nella mente dei turisti il ​​suo impegno nella difesa del territorio e dell’unicità dei paesaggi dell’arcipelago.

Per ottenere un maggiore successo nella comunicazione di questo messaggio, è stato segmentato il pubblico di destinazione in modo che il contenuto raggiunga gli utenti di Internet più interessati alle problematiche ambientali, al turismo naturalistico e alla scoperta dei paesaggi delle destinazioni che visitano.
Inoltre, si spera che questo video diventi virale sui social network grazie al messaggio emotivo trasmesso dagli ambienti naturali, dalla fauna e dalla flora delle otto isole. Quest’anno il video è stato realizzato anche in formato verticale per poterlo condividere sui rulli di Instagram e la sua replica su Facebook.
Il pezzo sarà trasmesso in dieci mercati: inglese, tedesco, francese, spagnolo, svedese, italiano, olandese, belga, irlandese e norvegese.

Lanzarote: dal vulcano al bicchiere. La storia dell’isola che produce un ottimo vino dalla lava

Le vigne di La Geria di Thierry GUIMBERT da Adobe stock

I vigneti di Lanzarote sono diversi dagli altri. Rappresentano una delle tante “battaglie” che si sono susseguite tra l’uomo e l’ambiente. Se provate a fermarvi in una cantina di La Geria e a fare un assaggio, vi renderete conto che qui l’uomo è riuscito davvero a vincere una grande sfida. In questo caso, però, ha reso bello il paesaggio e creato qualcosa di buono per la terra e per l’economia.

I vigneti di Lanzarote crescono su un mare basaltico di rocce nere formatosi dopo l’eruzione del Timanfaya nel XVIII secolo.
Questo è solo il primo dei tanti ostacoli che un normale vigneto potrebbe incontrare se volesse produrre uva da vino.
Buon vino intendo!
A tutto questo bisogna aggiungere il clima di Lanzarote che è paradisiaco per gli uomini ma non certo per la coltivazione della vite: tanto sole, pochissima pioggia e anche vento forte.

Nonostante tutto sembri al limite dell’impossibile, i vini di Lanzarote continuano a vincere numerosi riconoscimenti per la loro bontà e il loro gusto, segno che dietro il lavoro dei contadini non c’è solo l’impegno nel voler coltivare qualcosa in condizioni difficili , ma anche la grande capacità di creare un prodotto eccellente.

El Grifo de Lanzarote ha vinto un premio in un concorso di Bruxelles per la sua Malvasia Volcanica Lias 2018 e uno per la Collezione Rossa 2019, spuntandola tra 10.000 vini provenienti da quasi 50 paesi diversi. Premiate anche le cantine di Martinon, Rubicon e La Geria.

Ma da dove arriva davvero il “segreto” della coltivazione dei vigneti di Lanzarote?
I vignaioli si sono accorti che sotto la lava e la cenere il terreno formato da sabbia e argilla era ancora fertile e così hanno scavato profonde buche a forma di imbuto e piantato 3 viti in ognuna di esse. Hanno anche aggiunto muri in pietra semicircolari per proteggere le viti dai forti venti e dalla cenere vulcanica che si muoveva con loro.

Per quanto riguarda l’assenza di pioggia, è stato sfruttato lo strato di lapilli (piccoli frammenti di lava), che hanno un effetto termoregolatore sul sottosuolo. Questo facilita la filtrazione della pioggia evitando l’evaporazione dal terreno e mantenendo una temperatura costante.



Isole Halligen: un viaggio tra rotaie, isolotti e il mare di un luogo incantato


C’è un piccolo gruppo di minuscole isole lassù di fronte alla Germania. Sono le Isole Halligen e qui ogni stagione significa dover fare i conti con il mare e il cambiamento climatico. Queste 10 isole sono così basse sul livello del mare che spesso il mare sommerge tutto per poi farlo riemergere dopo un po’.

Poche decine di abitanti vivono su ogni isola ma il rischio che con il cambiamento climatico tutto venga sommerso per sempre è davvero alto. Tuttavia, queste isole hanno una certa importanza per diversi fattori: innanzitutto proteggono le coste tedesche e, soprattutto, permettono a molte specie di uccelli di stabilirsi da queste parti.

Le regolari inondazioni che sommergono queste isole portano infatti sedimenti che aiutano la flora e la fauna a nutrirsi. Altrove questo non sarebbe possibile. È per questo e per altri motivi che lo stato costiero dello Schleswig-Holstein, che comprende le isole Helingen, sta investendo molti soldi affinché qui si possa alzare il livello delle isole rispetto al mare cercando, allo stesso tempo allargare anche la loro superficie.

Secondo gli studi effettuati dagli esperti, ogni isola dovrebbe “crescere” di circa 4-5 mm ogni anno per stare al passo con il livello del mare. Finora solo l’isola di Hooge, grazie a una diga chiusa che la circonda, è riuscita a limitare le inondazioni, mentre Nordstrandischmoor cresce solo di 1-2 mm all’anno.

Hallig Süderoog dall’aria nel mare di Wadden: EUROPA, GERMANIA, SCHLESWIG-HOLSTEIN, (EUROPA, GERMANIA), 29/09/2010: Hallig Süderoog dall’alto nel mare di Wadden

La popolazione degli uccelli

Il mare di Wadden è stato inserito nell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 2009 e non è un caso che circa 60.000 uccelli vivano sull’Halligen, il che significa più della metà delle specie presenti in Germania. Rondini di mare, sterne artiche e gabbiani sono le specie più comuni qui. Sulle isole Halligen trovano un luogo ideale per nidificare al riparo dai predatori che stanno alla larga grazie alle abbondanti inondazioni invernali.
Preservare la vita delle persone di quest’isola significa quindi anche salvare quella di un ambiente unico al mondo dove possano proliferare e sopravvivere molte specie animali. Per questo sarebbe importante continuare con i progetti di conservazione di questo luogo.


Le linee ferroviarie
Lüttmoorsiel-Nordstrandischmoor linea ferroviaria

Le isole Halligen sono collegate da due linee ferroviarie: la prima è la Lüttmoorsiel-Nordstrandischmoor, nota anche come Lorenbahn. Questa prima linea è lunga 3,6 km ed è stata costruita tra il 1933 e il 1934.
Viene utilizzata per il trasporto di merci, per la posta e per il trasporto di materiali da costruzione. Ogni residente di Nordstrandischmoor possiede un carro e deve avere almeno 15 anni e una patente per guidarlo.

La seconda linea ferroviaria è la Halligbahn, che corre lungo la linea Dagebüll – Oland – Langeneß.
A Oland c’è solo un piccolo comune con una quindicina di case e una chiesa, mentre Langeneß ospita 58 famiglie.


Gli hallig
  1. Nordstrandischmoor copre un’area di circa 1,9 km quadrati e dispone di quattro terp, un paio di scuole e un ristorante. Nel 2010, 18 persone vivevano qui;
  2. Langeneß è oggi il più grande Hallig di tutti e ha una lunghezza totale di 10 km. I suoi 134 abitanti di cui 113 a Langeneß sono suddivisi in 18 terp: Bandixwarf, Christianswarf, Honkenswarf, Ketelswarf, Kirchhofswarf, Kirchwarf, Hilligenley, Hunnenswarf, Mayenswarf, Neuwarf, Norderhörft, Peterhaitzwarf, Peterswarf, Rixithwarland, O Törf. Le entrate economiche di questo Hallig provengono in parte dall’agricoltura e in parte dall’impresa statale per la protezione delle coste;
  3. Gröde con 252 ettari, è il terzo più grande hallig dell’isola. Qui vivono solo 8 residenti e ci sono due terp, di cui uno disabitato;
  4. Hamburger hallig deve il suo nome a due mercanti di Amburgo che acquistarono l’isola nel XVII secolo. Questo hallig è collegato alla terraferma e gestito dalla NABU (Nature Conservation Union) e ha un custode di uccelli. Nessuno vive qui e i suoi due terp sono disabitati.
  5. A Süderoog Nele Wree e Olger Spreer gestiscono una fattoria ecologica. Sono gli unici abitanti dell’isola. Oltre a molti ospiti, qui vengono anche specie di uccelli marini come il nodo e il piovanello.
  6. Hooge è il secondo hallig più grande ed è protetto da una diga in pietra che lo “difende” dalle inondazioni più grandi. Qui vivono 95 persone distribuite su 10 terp che sono: Backenswarft, Hanswarft, Ipkenswarft, Kirchwarft, Lorenzwarft, Mitteltritt, Ockelützwarft, Ockenswarft, Volkertswarft e Westerwarft. A Hooge ci sono 2 scuole, 5 ristoranti, 2 bar e anche 2 hotel, oltre a vari servizi cittadini che si trovano ad Hanswarft, l’hangar principale dell’Hallig.
  7. Habel è senza dubbio un territorio indisturbato di natura selvaggia. Questo hallig è abitato solo da un guardiano di uccelli per l’associazione Jordsand e V. e, in estate, anche da un cane da guardia per gli uccelli. Le specie di uccelli che vengono qui non contano quasi.
  8. Norderoog, è anche conosciuto come “Vogelhallig”. Nel 1909 l’associazione Jordsand and V acquistò questo hallig con l’intenzione di farne un santuario degli uccelli. Grazie alle donazioni e al lavoro di giovani volontari, qui sono stati costruiti argini in pietra e si è rallentato il costante rischio di alluvioni. A Norderoog vivono circa 14 specie di uccelli nidificanti, di cui 6 in via di estinzione e, con loro, viveva anche il leggendario custode dell’hallig Jens Wand che dopo aver vissuto qui 40 anni non è mai tornato da una passeggiata nelle pianure fangose della zona.
  9. Oland si estende su una superficie di circa 2 chilometri quadrati e conta una ventina di residenti distribuiti in 18 case su un unico terp. La particolarità di questo hallig è che qui si trova l’unico faro costruito in paglia di tutta la Germania.
  10. Sudfall è l’altro hallig su cui regna la presenza degli uccelli marini. La proprietà fa parte dell’associazione Jordsand dal 1957 e qui sono consentite un numero limitato di gite giornaliere. Solo in estate arrivano due abitanti: un ingegnere e sua moglie che fanno compagnia a 15 specie di uccelli marini: gabbiani reali, sterne artiche, solo per citarne un paio.

Fonti: BBC, wikipedia e Halligen.de
Foto: Adobe stock photos