Sanlúcar de Barrameda is Spain’s gastronomic capital of 2022

Sanlúcar, located in the province of Cádiz, near the mouth of the Guadalquivir River, is a privileged city with a rich cultural and monumental heritage as it is located on the trade route to America. It witnessed the third voyage of Christopher Columbus and the port of departure and arrival of the Magellan and Elcano expedition.
In 2022 there will be the commemorative acts of the V Centenary of the First World Tour (1519-1522). Its environmental environment has as its emblem the Doñana National Park, which is accessed by crossing the Guadalquivir river, and the La Algaida e Pinar Natural Park, a sort of natural ring that constitutes one of the green lungs of Andalusia, declared by UNESCO. as a Biosphere Reserve in 1980.

To these attractions is added its rich gastronomy, with exceptional and exclusive products such as Prawns and Manzanilla, a perfect combination that extends beyond the Andalusian borders and is one of the reasons why thousands of tourists come to this place. At the end of last year it was announced that Sanlúcar would become the new World Capital of Gastronomy for 2022.
The appointment was made official on the occasion of Fitur, the International Tourism Fair held in Madrid from 19 to 23 January. The Spanish Capital of Gastronomy (CEG) distinction was created by the Spanish Federation of Tourism Journalists and Writers (FEPET) and the Spanish Hospitality Federation (FEHR).

The purpose of this initiative is to contribute to the dissemination of the gastronomic offer of the city that each year holds the title, to propose actions that help increase tourism figures (Sanlúcar receives more than 80,000 tourists a year) and to enhance the programs of gastronomic excellence. The gastronomy thus becomes a perfect complement to the complete offer for leisure and party, highlighting the Manzanilla Fair, the boarding of the brotherhoods of El Rocío or the famous horse races on the beaches of the municipality, declared of International Tourist Interest in 1997. The historical significance of Sanlúcar, a crossroads of cultures and an ancient port of American commerce, is perceived at every step that takes place in its urban fabric.
The palaces, noble residences, defensive buildings and historic gardens mix with ancient cellars, from which the soft aroma of Manzanilla is released. The Doñana National Park, in addition to promoting natural tourism practically all year round, is also one of the keys to the richness of Sanlúcar’s gastronomy. Phoenicians, Romans and Arabs contributed the ingredients to the indigenous cuisine. The Christian reconquest encouraged the production of wine, which after centuries of skilful work, was consumed in the admirable diversity of current wines, among which the singular Manzanilla stands out.
The gastronomic evolution does not stop there, as after becoming one of the main American commercial ports and hosting numerous expeditions abroad, Sanlúcar once again sees its kitchens enriched with all the variety of spices, fruits and vegetables that have arrived. on the Andalusian coasts, before many other places in the Old World. Peppers, tomatoes and potatoes have given their latest impetus to both local gastronomy and agricultural production.

Corsa di cavalli a Sanlucar
Sanlúcar on horseback

Horse races on the beaches of Sanlúcar de Barrameda at the mouth of the Guadalquivir river, the ancient Betis, are the oldest in the country and have been held since 1845. They are the only races in which thoroughbreds have the opportunity to compete in a unique setting: a natural hippodrome over 6 kilometers long with the Doñana National Park and the sunsets in the background.

The flavors of Sanlúcar

The vast gastronomic offer of Sanlúcar is based on three important pillars: the products of its garden, those of its cellars and the fish of the Andalusian sea. Sanlúcar’s fish and shellfish, including shrimp, have a reputation that has transcended city borders. In Sanlúcar, the products themselves are as famous as the dishes prepared with them that form their culinary basis, rich stews with an authentic maritime flavor such as sour orange skate, monkfish with fried bread, galley soup, etc. . These dishes are generally washed down with the local wine, Manzanilla, as well as other types of table wine, which have a lower alcohol content and lighter color but have a unique flavor.

Sanlúcar de Barrameda is historically integrated into the Designations of Origin Jerez, Vinagre, Brandy de Jerez and Manzanilla de Sanlúcar de Barrameda. The cellars of Sanlúcar enjoy the constructive singularity of those found throughout the Marco de Jerez. These are high and well ventilated cellars, supported by slender pillars which give them their characteristic appearance. The city has recently equipped itself with a new enotourist resource: the Manzanilla Interpretation Center (CIMA) which includes about twenty wineries in the city and which, located next to the food market, offers visitors the opportunity to learn about the elaboration process. and aging of this unique wine.

Gamberi di Sanlucar
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
IThe shrimp. The king of the sea and of Sanlúcar gastronomy

The Sanlúcar Shrimp is one of the kings of Cadiz cuisine, one of the products of the local gastronomy that has crossed borders to conquer not only the palates of the thousands of tourists who visit the municipality every year, but also the kitchens of nationally renowned chefs and international prestige, which have included it in their menu as a flagship product.
Its scientific name is Penaeus kerathurus and it is a medium-sized, edible, highly prized crustacean of high commercial value. What does the Sanlúcar shrimp have that makes it so valuable? The answer is easy: its flavor, a property conferred by its habitat: the Guadalquivir River estuary. It is a crustacean that is mainly eaten fresh. Its meat is very valuable. Cooked, fried, or as part of any traditional fish stew, it’s always a good option.
At Casa Bigote, reference point of Sanlúcar gastronomy, winner of the Bib Gourmand award from the Michelin Guide and a Sole from the Repsol Guide, they bet on cooked or fried preparation.

Manzanilla a unique and very special wine

Manzanilla is another of Sanlúcar de Barrameda’s “named” products. The vineyards, divided into “pagos”, grow centuries-old on albariza land (a land north of Jerez ideal for growing grapes). Sanlúcar currently has more than twenty wineries, which feed either on their own vineyards or on the must of palomino grapes (white grape from which Jerez and Manzanilla wines are produced).

The Sanlúcar marinera, seafood products and stews

Sanlúcar cuisine is a cuisine linked to tradition. A cuisine of maritime origin that finds a prominent role in homes. The special way of preparing fish in the municipality deserves a separate chapter. Frying the fish, with the right tip, reaches an almost sublime point and allows you to appreciate the textures of the different species, from acedías, tapaculos, pijotas, puntillitas, cuttlefish or mullet
Now these stews arrive from Sanlúcar all over the world thanks to the Senra family, who have innovated and introduced traditional seafood recipes in canning jars that only need to be heated to be consumed, bringing a little of the flavor of il more marine Sanlúcar.



The food market, the epicenter of Sanluqueña gastronomy

It is located in the heart of the commercial area of the Historical Complex of Sanlúcar de Barrameda. It is a municipal building occupying an area of almost 1,400 square meters, built in the 18th century and renovated three times, in the 19th, 20th and 21st centuries. The business returned to this square in June 2018 and has remained the hub of the city’s commercial and food and wine activity ever since. It has twenty-four fish stalls, twelve butchers, ten greengrocers, three frozen foods, one spices, one olives, sweets …
What stands out most is the seafood, not only for the quantity, but also for the raw material it offers. The excellent raw material that the Sanluqueños placeros display daily in their facilities has transformed the country’s Mercado de Abastos into a reference place for Sanluqueños and visitors who take advantage of the passage through the city to stock up on the best delicacies of the territory and the sea.

The sweet Sanlúcar

There is no self-respecting food that does not end with a dessert and Sanlúcar, among its many gastronomic charms, offers us in this field a variety characterized by the artisanal character and the quality of its raw materials. The walls of the convents of the many religious orders that were established under the patronage of the Ducal House of Medina Sidonia, preserve a large part of these sweet recipes.
The desserts made in an artisanal way by the nuns of the monasteries of Madre de Dios – offered to customers through their lathes – or of the convent of Regina Coeli have allowed to perpetuate over time unique flavors such as egg yolks, tocino de cielo, donuts with almonds, shortbread, pestiños, white donuts, cocadas-, which have been making for more than 40 years and which dazzle those who try them.
Alpisteras are one of the most typical sweets of Sanlúcar de Barrameda, traditional of Holy Week and which derive their sweetness from a touch of syrup. The dessert continues with an artisanal ice cream, enjoying the city of two legendary companies such as La Ibense Bornay – which exported its ice cream to Dubai – or Helados Toni, where the third generation indulges the wishes of the little ones behind the counter.

Tocino de cielo
Tocino de cielo
Plaza del Cabildo: a stroll through the tapas cathedral

Epicenter of the city, the Plaza del Cabildo is the gastronomic emblem par excellence of Sanlúcar together with the Bajo de Guía. The typical shrimp tortillas of Casa Balbino are memorable. And of the delicacy with a taste of the sea, in another of the corners of this cathedral, you can taste the authentic potatoes of Sanlúcar, aliñás, with a little onion and parsley, a good oil, sherry vinegar, loins of melva and game is done: the flagship product of Barbiana. Another of the classics of gastronomy is the Bar La Gitana. The well-known manzanilla gives its name to a winery that has gradually become another of the references of this square, offering excellent fried ortiguille.

Sanlúcar de Barrameda è la capitale gastronomica di Spagna del 2022

Sanlúcar, situata nella provincia di Cádiz, vicino alla foce del fiume Guadalquivir, è una città privilegiata con un ricco patrimonio culturale e monumentale poiché si trova sulla rotta commerciale verso l’America. Fu testimone del terzo viaggio di Cristoforo Colombo e porto di partenza e di arrivo della spedizione di Magellano ed Elcano.
Nel 2022 ci saranno gli atti commemorativi del V Centenario del Primo Giro del Mondo (1519-1522). Il suo ambiente ambientale ha come emblema il Parco Nazionale di Doñana, a cui si accede attraversando il fiume Guadalquivir, e il Parco Naturale La Algaida e Pinar, una sorta di anello naturale che costituisce uno dei polmoni verdi dell’Andalusia, dichiarato dall’ UNESCO come Riserva della Biosfera nel 1980.

A queste attrattive si aggiunge la sua ricca gastronomia, con prodotti eccezionali ed esclusivi come Gamberi e Manzanilla, un connubio perfetto che si estende oltre i confini andalusi ed è uno dei motivi per cui migliaia di turisti vengono in questa località. Alla fine dello scorso anno è stato annunciato che Sanlúcar sarebbe diventata la nuova Capitale Mondiale della Gastronomia per il 2022.
La nomina è stata ufficializzata in occasione di Fitur, la Fiera Internazionale del Turismo che si tiene a Madrid dal 19 al 23 gennaio. La distinzione di Capitale spagnola della gastronomia (CEG) è stata creata dalla Federazione spagnola dei giornalisti e scrittori turistici (FEPET) e dalla Federazione spagnola dell’ospitalità (FEHR).

Lo scopo di questa iniziativa è di contribuire alla diffusione dell’offerta gastronomica della città che ogni anno detiene il titolo, di proporre azioni che aiutino ad aumentare le cifre del turismo (Sanlúcar riceve più di 80.000 turisti all’anno) e di valorizzare i programmi di eccellenza gastronomica . La gastronomia diventa così un complemento perfetto dell’offerta completa per il tempo libero e la festa, mettendo in evidenza la Fiera Manzanilla, l’imbarco delle confraternite di El Rocío o le famose corse di cavalli sulle spiagge del comune, dichiarato di Interesse Turistico Internazionale nel 1997.
Il significato storico di Sanlúcar, crocevia di culture e antico porto del commercio americano, si percepisce ad ogni passo che si compie nel suo tessuto urbano. I palazzi, le dimore nobiliari, gli edifici difensivi e i giardini storici si mescolano ad antiche cantine, dalle quali si sprigiona il morbido aroma di Manzanilla. Il Parco Nazionale di Doñana, oltre a promuovere il turismo naturale praticamente tutto l’anno, è anche una delle chiavi della ricchezza della gastronomia di Sanlúcar.
Fenici, romani e arabi hanno contribuito con gli ingredienti alla cucina autoctona. La riconquista cristiana incoraggiò la produzione del vino, che dopo secoli di sapiente lavoro, venne consumato nella mirabile diversità dei vini attuali, tra i quali spicca il singolare Manzanilla. L’evoluzione gastronomica non si ferma qui, poiché dopo essere diventato uno dei principali porti commerciali americani e aver ospitato numerose spedizioni all’estero, Sanlúcar vede ancora una volta le sue cucine arricchite con tutta la varietà di spezie, frutta e verdura che è arrivata sulle coste andaluse, prima di molte altre luoghi del Vecchio Mondo. Peperoni, pomodori e patate hanno dato il loro ultimo impulso sia alla gastronomia locale che alla produzione agricola.

Corsa di cavalli a Sanlucar
Sanlúcar a cavallo

Le corse di cavalli sulle spiagge di Sanlúcar de Barrameda alla foce del fiume Guadalquivir, l’antico Betis, sono le più antiche del territorio nazionale e si svolgono dal 1845. Sono le uniche corse in cui i purosangue hanno l’opportunità di gareggiare in un ambiente unico: un ippodromo naturale lungo oltre 6 chilometri con il Parco Nazionale di Doñana e i tramonti sullo sfondo.

I sapori di Sanlúcar

La vasta offerta gastronomica di Sanlúcar si basa su tre pilastri importanti: i prodotti del suo orto, quelli delle sue cantine e il pescato del mare andaluso. Il pesce e i crostacei di Sanlúcar, e tra questi i gamberi, hanno una reputazione che ha trasceso i confini cittadini.
A Sanlúcar, i prodotti stessi sono famosi quanto i piatti preparati con essi che ne costituiscono la base culinaria, ricchi stufati dall’autentico sapore marinaro come il pattino all’arancia acida, la coda di rospo con pane fritto, la zuppa di cambusa, ecc. Questi piatti sono generalmente innaffiati con il vino locale, Manzanilla, così come altri tipi di vino da tavola, che hanno una gradazione alcolica inferiore e un colore più chiaro ma hanno un sapore unico.

Sanlúcar de Barrameda è storicamente integrato nelle Denominazioni di Origine Jerez, Vinagre, Brandy de Jerez e Manzanilla de Sanlúcar de Barrameda. Le cantine di Sanlúcar godono della singolarità costruttiva di quelle che si trovano in tutto il Marco de Jerez. Si tratta di cantine alte e ben ventilate, sostenute da snelli pilastri che conferiscono loro il caratteristico aspetto. Di recente la città si è dotata di una nuova risorsa enoturistica: il Centro di Interpretazione Manzanilla (CIMA) che comprende una ventina di cantine della città e che, situato accanto al mercato alimentare, offre ai visitatori l’opportunità di conoscere il processo di elaborazione e invecchiamento di questo vino unico.

Gamberi di Sanlucar
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Il gambero. Il re del mare e della gastronomia di Sanlúcar

Il Gambero di Sanlúcar è uno dei re della cucina di Cadice, uno dei prodotti della gastronomia locale che ha varcato i confini per conquistare non solo i palati delle migliaia di turisti che visitano il comune ogni anno, ma anche le cucine di chef di fama nazionale e prestigio internazionale, che l’hanno inserita nel loro menu come prodotto di punta.
Il suo nome scientifico è Penaeus kerathurus ed è un crostaceo di medie dimensioni, commestibile, molto apprezzato e di alto valore commerciale. Cosa ha il gambero Sanlúcar che lo rende così prezioso? La risposta è facile: il suo sapore, una proprietà conferita dal suo habitat: l’estuario del fiume Guadalquivir.
È un crostaceo che si consuma prevalentemente fresco. La sua carne è molto pregiata. Cotto, fritto o come parte di qualsiasi tradizionale stufato di pesce, è sempre una buona opzione.
A Casa Bigote, punto di riferimento della gastronomia di Sanlúcar, vincitrice del premio Bib Gourmand della Guida Michelin e un Sole della Guida Repsol, scommettono sulla preparazione cotto o fritto.

Manzanilla un vino unico e molto speciale

Manzanilla è un altro dei prodotti “di nome ” di Sanlúcar de Barrameda. I vigneti, divisi in “pagos”, crescono secolari su terreno albariza ( un terreno a nord di Jerez ideale per la coltivazione della vite). Sanlúcar ha attualmente più di venti aziende vinicole, che si nutrono o dei propri vigneti o del mosto di uve palomino ( uva bianca dalla quale si producono vini di Jerez e Manzanilla).

La Sanlúcar marinera, prodotti e stufati di mare

La cucina Sanlúcar è una cucina legata alla tradizione. Una cucina di origine marittima che trova un ruolo di primo piano nelle case.
Un capitolo a parte merita il modo speciale di preparare il pesce nel comune. La frittura del pesce, con la punta giusta, raggiunge un punto quasi sublime e permette di apprezzare le consistenze delle diverse specie, da acedías, tapaculos, pijotas, puntillitas, seppie o triglie
Ora questi stufati arrivano da Sanlúcar in tutto il mondo grazie alla famiglia Senra, che ha innovato e introdotto le ricette tradizionali di mare in barattoli da conserve che devono solo essere riscaldati per essere consumati, portando in tutte le case un po’ del sapore della il più marino Sanlúcar.



Il mercato alimentare, l’epicentro della gastronomia Sanluqueña

Si trova nel cuore della zona commerciale del Complesso Storico di Sanlúcar de Barrameda. Si tratta di un edificio comunale che occupa una superficie di quasi 1.400 mq, edificato nel 18° secolo e ristrutturato tre volte, nel 19°, 20° e 21° secolo.
L’attività è tornata in questa piazza nel giugno 2018 e da allora è rimasta il fulcro dell’attività commerciale ed enogastronomica della città.
Ha ventiquattro bancarelle di pesce, dodici macellerie, dieci fruttivendoli, tre surgelati, una spezie, una olive, dolci… Quello che spicca di più è la parte ittica, non solo per la quantità, ma anche per la materia prima che offre. L’eccellente materia prima che i Sanluqueños placeros espongono quotidianamente nelle loro strutture ha trasformato il Mercado de Abastos del paese in un luogo di riferimento per Sanluqueños e visitatori che approfittano del passaggio per la città per fare scorta delle migliori prelibatezze del territorio e del mare. .

La Sanlúcar dolce

Non esiste cibo che si rispetti che non si esaurisca con un dessert e Sanlúcar, tra i suoi numerosi incanti gastronomici, ci offre in questo campo una varietà caratterizzata dal carattere artigianale e dalla qualità delle sue materie prime. Le mura dei conventi dei tanti ordini religiosi che si costituirono sotto il patrocinio della Casa Ducale di Medina Sidonia, custodiscono gran parte di queste dolci ricette. I dolci realizzati in maniera artigianale dalle monache dei conventi di Madre de Dios – offerti ai clienti tramite i loro torni – o del convento di Regina Coeli hanno permesso di perpetuare nel tempo sapori unici come tuorli, tocino de cielo, ciambelle alle mandorle, frollini, pestiños, ciambelle bianche, cocadas-, che fanno da più di 40 anni e che abbagliano chi li prova.
Le alpisteras sono uno dei dolci più tipici di Sanlúcar de Barrameda, tradizionale della Settimana Santa e che traggono la loro dolcezza da un tocco di sciroppo. Il dolce prosegue con un gelato artigianale, godendosi la città di due mitiche aziende come La Ibense Bornay – che ha esportato il suo gelato a Dubai – o Helados Toni, dove la terza generazione asseconda i desideri dei più piccoli dietro il bancone .

Tocino de cielo
Tocino de cielo
La Plaza del Cabildo: una passeggiata attraverso la cattedrale delle tapas

Epicentro della città, la Plaza del Cabildo è l’emblema gastronomico per eccellenza di Sanlúcar insieme al Bajo de Guía.
Memorabili le tipiche tortillas di gamberi di Casa Balbino. E della prelibatezza al gusto di mare, in un altro degli angoli di questa cattedrale, potrete gustare le autentiche patate di Sanlúcar, aliñás, con un po’ di cipolla e prezzemolo, un buon olio, aceto di sherry, dei lombi di melva e il gioco è fatto : il prodotto di punta della Barbiana.
Un altro dei classici della gastronomia è il Bar La Gitana. La nota manzanilla dà il nome ad un’azienda vinicola che è via via diventata un altro dei riferimenti di questa piazza, proponendo delle ottime ortiguille fritte.

Holy Week in Cádiz: hidden beauty

In the ten days between the Friday of Sorrows and the Sunday of the Resurrection, a total of 29 brotherhoods and a Section of Penance walk the streets of Cádiz. In total there are 52 steps and more than 10,000 people in procession. Both the images and the passages they pass through are authentic heritage jewels, some of which are more than 5 centuries old. As an Andalusian, Holy Week in Cádiz has a number of characteristics common to those of the rest of the region: color, music, the very passion of Andalusia is clearly reflected in Holy Week itself. But there are also several factors that make Holy Week special and different here.

We must start with the geographical position of Cádiz, a peninsula surrounded by the sea on all four sides with the exception of the isthmus that connects it to San Fernando (another island by the way) and the two bridges that connect it to Puerto Real . It is difficult to walk more than 10 minutes through the streets of downtown Cádiz without bumping into the sea, whether in the form of a beach or a balcony. The Holy Week tours are no exception and there are many brotherhoods and herndadas who have their penance station near the Cathedral by the sea. On many occasions they also coincide with the sunset, which allows you to enjoy unique images that cannot be seen in other cities. The light of Cádiz is different and Benito Rodríguez Gatiu, biographer of the great Ortega Bru, says that the image maker of San Roque spent several days in Cádiz observing how the light fell on objects to create the majestic Christ of forgiveness.

Semana Santa Cadiz
Sanidad-Ramon Sanchez

The city of Cádiz leaves all who visit it enchanted: its shape, its small size, its layout, its mixture of architectural styles resulting from its long existence of over 3,000 years make the city a treasure to be discovered at every step , at every corner, every square, every street has its history and Holy Week accompanies the visitor in all those places.
The vast majority of the temples are located in the historic center, the part of Cádiz of greatest tourist interest, a secluded area easily accessible on foot, practically flat and in which hotels and unique accommodations abound. For this reason, Holy Week is the ideal time to discover the three millennia old city which, when spring arrives, puts away the mask and pito (traditionally used for Carnival) and takes out the hood and the incense (which are used for Holy Week).

La imaginería

In addition to the city itself, Holy Week in Cádiz is characterized by impressive and sometimes unknown images. We must start from the assumption that during the 17th, 18th and 19th centuries the city was the main port of Spain with America, which made Cádiz a rich and prosperous city where merchants and artists from all over Europe came to embark for the Americas. . Many have left their mark here with priceless images. Unfortunately, the city has also suffered attacks such as that of the Anglo-Dutch fleet in 1596, the tsunami of Lisbon in 1755, the attacks of the radicals during the Second Republic and the subsequent Civil War who got fat with images, heritage of brotherhoods and temples. of the city. The oldest claim that the Nazarene of Cádiz himself was thrown on a pyre lit by the radicals in the preludes to the Civil War and that some brave inhabitants of the Santa María neighborhood pulled him out of the flames by dragging him by the hair.
His head and his hands were then hidden in a bucket at the bottom of a well on Calle Botica for months until it could be recovered and restored. Every Good Friday morning, el Greñuo, as the Lord is known to him in Cádiz, passes in front of that house on Calle Botica as a sign of gratitude. A great heritage was lost, perhaps the most precious and oldest, but fortunately another part was saved that continues today. The oldest image of Cádiz is the Lord of Sentence, in procession on Holy Wednesday and dated to the end of the 15th century. For antiquity and quality, two works by Jacinto Pimentel should be mentioned: the Christs of the brotherhoods of Humility and Patience and Columna, both of the seventeenth century. You just need to see them to realize their age, value and quality. But if there is a Christ in Cádiz that arouses the interest of all, regardless of their faith, it is that of the Good Death that is venerated in the church of San Agustín and that on Good Friday parades in the dark, with the only light of the its four aces.
Much has been written about this carving: we talk about its perfection, its forms, its posture. Some even indicate the possibility of studying anatomy given the technical perfection achieved by its author. But no one knows for sure who he was. He is one of the mysteries of Holy Week in Cádiz, or perhaps even of the history of the city. The theories are hundreds, even if one of the most commented and famous, even if not confirmed, is that it was the work of the well-known Gian Lorenzo Bernini. Álvarez del Pino justifies this hypothesis with the very high amount that appears on the receipt of the engraving: “In that document it is established that the Crucifix cost 300 gold ducats”, which provides another important key for Álvarez del Pino: ” Martínez Montañés, who we can consider as the Andalusian reference of the time, charged 2,000 reales de vellón for a sculpture; the difference of up to 300 gold ducats is astonishing. ”It is not unreasonable given the constant presence of Genoese, Venetians and Italians generally in the history of Cádiz, attracted by the potential of the city as a seaport with America Another illustrious and famous name linked to Holy Week in Cádiz is that of Joseph Haydn. The famous composer was commissioned to compose his “Siete Palabras” from Cádiz. It is controversial whether it came from the cathedral itself or from the Oratorio de la Santa Cueva in via Rosario. At that time Haydn was already one of the most famous composers in Europe, which shows the economic power and influence of the city in those years. Even today, every Good Friday, this work is performed in the Oratorio de las Siete Palabras, an unsurpassed composition and environment to be enjoyed together. Cádiz is Baroque, its period of splendor indicates it and this style is present in many buildings in the city, including, of course, its temples. Within the baroque in Cádiz, the Rocalla is opulent, a style that is not exclusive to the city but which plays a special role here, especially in the temples of El Carmen, San Francisco, the church of the Pastora de Sagasta and Santa María.

settimana Santa Cadice
el caminito, David Ibanez

The sound of Cádiz at Easter

In Andalusia, Holy Week cannot be understood without music. In Andalusia, music is part of our essence and flamenco, one of the hallmarks of Andalusia, is also very present during Holy Week. Historians place the origin of flamenco in the triangle formed between Seville, Jerez and Cádiz and flamenco in Holy Week has a name: the saeta. They are short and improvised compositions that are sung from the street itself or from the balconies. A saeta is a deep and sincere prayer that is born from within the soul and which expresses devotion and love for a Christ or a Virgin in the form of a song. When a saetera or a saetero sings, everyone is silent. Santa María is the flamenco district of Cádiz par excellence and you can enjoy the return of the Nazarene in its church at dawn on Good Friday, when the sun begins to rise, listening to saetas dedicated to the Regidor Perpetuo and his mother, Nuestra Señora de los Dolores , it is a unique experience.
Carnival, undoubtedly the great festival of the city, also surrenders to the charm of Holy Week in Cádiz and there are not a few who sing carnival songs in February and saetas in April. But music is not just saetas. The Cofrade music bands are themselves a vast world that moves many emotions and draws crowds, and Cádiz is fortunate to have one of the best Trumpet and Drum bands in Spain, Rosario de Cádiz, which bears the name of the city and its Holy Week throughout the national territory. Without detracting from other bands in the city such as Polillas, Salud or Ecce Mater.
In recent weeks a concert of processional processions was held at the Gran Teatro Falla and in less than an hour and a half the capacity was sold out. This can help you get an idea of ​​the attraction this music has.

Semana Santa Cadiz
Buenanuerte-jm reyna

The perfect excuse to “eat” Cádiz

The year 2019 began with an article in the New York Times newspaper that placed the city of Cádiz among one of the must-see destinations of that year. Among the arguments, together with the architecture and beauty of the city, he pointed to a hitherto little known reason beyond the Andalusian borders: its gastronomy. In Cádiz you can eat very well (here our article dedicated to the gastronomy of the Province of Cádiz) and a visit to the city during Holy Week is the perfect excuse to take a look. A good place to start is the food market (it does not open on public holidays such as Holy Thursday and Good Friday). There you can find freshly caught fish, as well as shellfish and other seafood. Right next door you can start the day with some good churros, like the ones from La Guapa or La Marina cafeteria. Afterwards it is difficult to choose a place to eat tapas, there are many and very varied. Of course, the tapa is always accompanied by a good sherry wine or a manzanilla from Sanlúcar.
Holy Week also has its classics, such as the empanadas of Casa Hidalgo in Plaza de la Catedral, an ice cream from the Italian ice cream parlor that opens every year just before Easter. Torrijas are a typical dessert of these dates that are also found in pastry shops and pastry shops in Cádiz, as well as donuts for Holy Week. In the coming weeks, the Holy Week of Cádiz will receive the Declaration of Festival of National Tourist Interest, which will undoubtedly serve to publicize this festival and this cultural expression so deeply rooted in this land, but which is in the shadow of other festivals of the city and other Holy Weeks in the area.

Source: cadiz turismo


La Settimana Santa di Cádiz: la bellezza nascosta

Nei dieci giorni tra il Venerdì dei Dolori e la Domenica della Resurrezione, un totale di 29 confraternite e una Sezione della Penitenza percorrono le strade di Cádiz. In totale ci sono 52 gradini e più di 10.000 persone in processione. Sia le immagini che i passaggi che attraversano sono autentici gioielli del patrimonio, alcuni dei quali con più di 5 secoli di vita.
In quanto andalusa, la Settimana Santa a Cádiz ha una serie di caratteristiche comuni a quelle del resto della regione: colore, musica, la passione stessa dell’Andalusia si riflette chiaramente nella Settimana Santa stessa.
Ma ci sono anche diversi fattori che rendono speciale e diversa la Settimana Santa qui.

Dobbiamo iniziare con la posizione geografica di Cádiz, una penisola circondata dal mare su tutti e quattro i lati ad eccezione dell’istmo che la unisce a San Fernando (a proposito, un’altra isola) e dei due ponti che la collegano a Puerto Real. È difficile camminare per più di 10 minuti per le strade del centro di Cádiz senza sbattere contro il mare, sia sotto forma di spiaggia che di balcone.
I tour della Settimana Santa non fanno eccezione e sono tante le confraternite e le herndadas che hanno la loro stazione di penitenza verso la Cattedrale in riva al mare. In molte occasioni coincidono anche con il tramonto, che consente di godere di immagini uniche che non si possono vedere in altre città. La luce di Cádiz è diversa e Benito Rodríguez Gatiu, biografo del grande Ortega Bru, racconta che il creatore di immagini di San Roque trascorse diversi giorni a Cádiz osservando come la luce cadeva sugli oggetti per creare il maestoso Cristo del perdono.

Semana Santa Cadiz
Sanidad-Ramon Sanchez

La città di Cádiz lascia incantati tutti coloro che la visitano: la sua forma, le sue piccole dimensioni, la sua disposizione, la sua mescolanza di stili architettonici derivanti dalla sua lunga esistenza di oltre 3.000 anni fanno della città un tesoro da scoprire ad ogni passo, ad ogni angolo , ogni piazza, ogni strada ha la sua storia e la Settimana Santa accompagna il visitatore in tutti quei luoghi.
La stragrande maggioranza dei templi si trova nel centro storico, la parte di Cádiz di maggiore interesse turistico, una zona appartata facilmente percorribile a piedi, praticamente pianeggiante e in cui abbondano strutture alberghiere e alloggi unici.
Per questo motivo, la Settimana Santa è il momento ideale per scoprire la città vecchia di tre millenni che, quando arriva la primavera, mette via maschera e pito ( usati tradizionalmente per il Carnevale) e tira fuori il cappuccio e l’incenso ( che servono per la Settimana Santa).

La imaginería

Oltre alla città stessa, la Settimana Santa a Cádiz è caratterizzata da immagini impressionanti e talvolta sconosciute. Dobbiamo partire dal presupposto che durante i secoli XVII, XVIII e XIX la città fu il porto principale della Spagna con l’America, il che fece di Cádiz una città ricca e prospera dove mercanti e artisti provenienti da tutta Europa arrivavano per imbarcarsi per le Americhe . Molti hanno lasciato il segno qui con immagini inestimabili. Purtroppo anche la città ha subito attacchi come quello della flotta anglo-olandese nel 1596, lo tsunami di Lisbona del 1755, gli attacchi dei radicali durante la Seconda Repubblica e la successiva Guerra Civile che si ingrassarono con le immagini, patrimonio delle confraternite e dei templi della città.
I più antichi affermano che lo stesso Nazareno di Cádiz fu gettato su una pira accesa dai radicali nei preludi alla Guerra Civile e che alcuni coraggiosi abitanti del quartiere di Santa María lo tirarono fuori dalle fiamme trascinandolo per i capelli. La sua testa e le sue mani sono state quindi nascoste in un secchio in fondo a un pozzo in Calle Botica per mesi fino a quando non è stato possibile recuperarlo e restaurarlo. Ogni Venerdì Santo mattina, el Greñuo, così è conosciuto il suo Signore a Cádiz, passa davanti a quella casa in Calle Botica in segno di gratitudine.
Si perse un grande patrimonio, forse il più prezioso e più antico, ma fortunatamente si salvò un’altra parte che continua ancora oggi. L’immagine più antica di Cádiz è il Signore della Sentenza, in processione il mercoledì santo e datata alla fine del XV secolo. Per antichità e qualità vanno citate due opere di Jacinto Pimentel: i Cristi delle confraternite dell’Umiltà e della Pazienza e Columna, entrambi del XVII secolo. Hai solo bisogno di vederli per rendersi conto della loro età, valore e qualità. Ma se c’è un Cristo a Cádiz che suscita l’interesse di tutti, indipendentemente dalla loro fede, è quello della Buona Morte che si venera nella chiesa di San Agustín e che il Venerdì Santo sfila al buio, con l’unica luce dei suoi quattro assi. Si è scritto molto su questo intaglio: si parla della sua perfezione, delle sue forme, della sua postura.
Alcuni addirittura indicano la possibilità di studiarvi l’anatomia vista la perfezione tecnica raggiunta dal suo autore. Ma nessuno sa per certo chi fosse. È uno dei misteri della Settimana Santa a Cádiz, o forse anche della storia della città. Le teorie sono centinaia, anche se una delle più commentate e famose, anche se non confermata, è che sia stata opera del noto Gian Lorenzo Bernini. Álvarez del Pino giustifica questa ipotesi con l’altissimo importo che compare sulla ricevuta dell’incisione: “In quel documento si stabilisce che il Crocifisso costò 300 ducati d’oro”, il che fornisce un’altra chiave importante per Álvarez del Pino: “Martínez Montañés, che possiamo considerare come il riferimento andaluso dell’epoca, fece pagare 2.000 reales de vellón per una scultura; la differenza fino a 300 ducati d’oro è stupefacente”. Non è irragionevole vista la presenza costante di genovesi, veneziani e italiani in genere nella storia di Cádiz, attratti dalle potenzialità della città come porto marittimo con l’America. Un altro nome illustre e famoso legato alla Settimana Santa a Cádiz è quello di Joseph Haydn.
Il famoso compositore ricevette l’incarico di comporre le sue “Siete Palabras” da Cádiz. È controverso se provenisse dalla cattedrale stessa o dall’Oratorio de la Santa Cueva in via Rosario. A quel tempo Haydn era già uno dei compositori più famosi in Europa, il che mostra il potere economico e l’influenza della città in quegli anni. Ancora oggi, ogni Venerdì Santo, questo lavoro viene eseguito nell’Oratorio de las Siete Palabras, una composizione e un ambiente insuperabili da godere insieme.
Cádiz è barocca, il suo periodo di splendore lo indica e questo stile è presente in molti edifici della città, compresi, ovviamente, i suoi templi. All’interno del barocco a Cádiz, è sfarzoso il Rocalla, uno stile che non è esclusivo della città ma che qui ha un ruolo speciale, soprattutto nei templi di El Carmen, San Francisco, la chiesa della Pastora de Sagasta e Santa María.

catedral, Cadiz
Catedral-m de la Varga

Il suono di Cádiz a Pasqua

In Andalusia, la Settimana Santa non si capisce senza la musica. In Andalusia, la musica è parte della nostra essenza e il flamenco, uno dei tratti distintivi dell’Andalusia, è molto presente anche durante la Settimana Santa. Gli storici collocano l’origine del flamenco nel triangolo formato tra Siviglia, Jerez e Cádiz e il flamenco nella Settimana Santa ha un nome: la saeta.
Sono composizioni brevi e improvvisate che vengono cantate dalla strada stessa o dai balconi. Una saeta è una preghiera profonda e sincera che nasce dall’interno dell’anima e che esprime devozione e amore per un Cristo o una Vergine sotto forma di canto. Quando una saetera o un saetero canta, tutti tacciono. Santa María è il quartiere del flamenco di Cádiz per eccellenza e si gode il ritorno del Nazareno nella sua chiesa all’alba del Venerdì Santo, quando il sole inizia a sorgere, ascoltando saetas dedicate al Regidor Perpetuo e sua madre, Nuestra Señora de los Dolores, è un’esperienza unica.
Il carnevale, senza dubbio la grande festa della città, si arrende anche al fascino della Settimana Santa a Cádiz e non sono pochi quelli che cantando canti carnevaleschi a febbraio e saetas ad aprile.
Ma la musica non è solo saetas. Le band musicali Cofrade sono di per sé un vasto mondo che muove molte emozioni e attira folle, e Cádiz ha la fortuna di avere una delle migliori band di Trombe e Tamburi in Spagna, Rosario de Cádiz, che porta il nome della città e della sua Settimana Santa su tutto il territorio nazionale. Senza nulla togliere ad altre bande della città come Polillas, Salud o Ecce Mater.
In queste settimane si è tenuto un concerto di cortei processionali al Gran Teatro Falla e in meno di un’ora e mezza la capienza è andata esaurita. Questo può aiutare a farsi un’idea dell’attrazione che questa musica ha.

Semana Santa Cadiz
Buenanuerte-jm reyna

La scusa perfetta per “mangiare” Cádiz

L’anno 2019 è iniziato con un articolo sul quotidiano New York Times che ha collocato la città di Cádiz tra una delle destinazioni imperdibili di quell’anno. Tra gli argomenti, insieme all’architettura e alla bellezza della città, additava un motivo fino ad allora poco conosciuto oltre ai confini andalusi: la sua gastronomia. A Cádiz si mangia molto bene (qui il nostro articolo dedicato alla gastronomia della Provincia di Cádiz) e una visita alla città durante la Settimana Santa è la scusa perfetta per dare un’occhiata. Un buon punto di partenza è il mercato alimentare (non apre nei giorni festivi come il Giovedì Santo e il Venerdì Santo). Lì puoi trovare pesce appena pescato, oltre a crostacei e altri prodotti del mare. Proprio accanto puoi iniziare la giornata con dei buoni churros, come quelli della caffetteria La Guapa o La Marina. Dopo è difficile scegliere un posto dove mangiare le tapas, ce ne sono tante e molto varie. Naturalmente la tapa è sempre accompagnata da un buon vino sherry o da una manzanilla di Sanlúcar.
La Settimana Santa ha anche i suoi classici, come le empanadas di Casa Hidalgo in Plaza de la Catedral, un gelato della gelateria italiana che apre ogni anno poco prima di Pasqua. Le torrijas sono un dolce tipico di questi datteri che si trovano anche nelle pasticcerie e pasticcerie di Cádiz, così come le ciambelle della Settimana Santa. Nelle prossime settimane, la Settimana Santa di Cádiz riceverà la Dichiarazione di Festival di Interesse Turistico Nazionale, che servirà senza dubbio a pubblicizzare questo festival e questa espressione culturale così profondamente radicata in questa terra, ma che è all’ombra di altre feste del città e altre Settimane Sante della zona.

Fonte: Cadiz Turismo


The province of Cádiz: traveling between pueblos blancos, divine food and wine and hot beaches

Cádiz and its province are part of Andalusia, one of the most fascinating regions of Spain and, I am not exaggerating, of all of Europe. The province of Cádiz, which has 45 municipios and about 1,300,000 inhabitants, almost touches Africa with its coasts. The Strait of Gibraltar, where the Mediterranean and the Atrantic Ocean meet, is only 14 km from the coasts of the African continent and rest assured that a boat trip between Tarifa and Tangier will not take you too long. With an average temperature of 18 ° C, 300 days of sunshine, equal to about 3000 hours a year in which you can enjoy the blue sky in these parts, the province of Cádiz can count 268 km of coastline including 138 km of beaches.

But it is not numbers and beaches (not only) that I will talk to you this time. If in other articles on this site I have praised Andalusian gastronomy, today I will do it again, passing by one of the most beautiful things I have been able to admire while living in this beautiful Spanish region: the pueblos blancos.

The pueblos blancos

Arcos,
Photo by Santiago Galvin

The pueblos blancos are many, beautiful and different from each other. If you travel by car you will happen to “spot” some of them between Seville and Cádiz, so much so that you will want to leave the main road to run to admire all its beauty up close.
Arcos, Grazalema, Setenil de la Bodegas, El Bosque, Olvera and Zahara de la Sierra are just some of the best known villages that make La ruta de los pueblos blancos (the route of the pueblos blancos) a wonderful route between these white Andalusian villages.
They also have small or large hotels that allow those who want to stay at least one night and local craft shops that tell the past and present in all their purity.

Arcos de la Frontera

fPhoto by Juan de Dios Carrera

Arcos as well as being an excellent starting point for the Ruta de Los Pueblos Blancos is also considered one of the most beautiful villages in all of Andalusia. Its history and the sensational panorama that can be enjoyed from the top of the cliff where its major monuments are located, make it an almost mandatory stop when coming from the parts of Cádiz.

Setenil de las Bodegas

Setenil de las Botegas
Photo from www.cadizturismo.com

Setenil de las Bodegas has become famous for being the village of the rock. In fact, a huge rock hovers above several streets of Setenil, making an already beautiful village incredible for the white of its houses. A visit here cannot be missed, also for the views and the good food of course.

The queso Payoyo ( Payoyo cheese)

Tabla de queso payoyo _Setenil de las Bodegas
Photo by David Ibáñez Montañez

In the hinterland of the province of Cádiz, thanks to the production of cheeses derived from the milk of payoya goat and merino sheep, many national and international awards have been won. Among these, Queso Payoyo is one of the most famous cheeses produced in Villaluenga del Rosario, in the heart of the Sierra de Cádiz.

Olvera

Olvera
Photo from Cadizturismo.com

Olvera definitely has nothing to envy to the other white villages of the ruta de los pueblos blancos. Here the streets between the white houses, the vases hanging on the walls in typical Andalusian style and the streets that go up and down steeply are the order of the day. Getting lost in the streets of these small towns, savoring the beauty of the locals and the tastes of the products of the local gastronomy, is a pleasure that you cannot miss for any reason in the world.

The green way

Gree way
Photo from Cadizturismo.com

The green way also passes through Olvera, a nature trail that extends from the Sierra de Cádiz to the Sierra sud de Sevilla. Combining the Ruta del Los pueblos blancos with the green way could be a unique opportunity to admire divine places, explore the Andalusian nature, breathe clean air and eat excellent Mediterranean food from the area! For all the info on the green way, you can consult the dedicated website.

Zahara de la Sierra

Zahara de la Sierra
Photo by Andrés M. Dimungues Romero

Calle Ronda.
I only tell you this.
Zahara de la Sierra has many wonderful corners, including its incredible location, but Calle Ronda is something truly unique (to me).
An uphill street with a cobbled floor full of white everywhere with many terraces, doors and windows.
Andalusia as I like it …
The one that excites you just to set foot there …

Local food and wine

Olive oil
Photo from Cadizturismo.com

Most of the traditional recipes of the province of Cádiz have olive oil as their main ingredient, which since 2002 has obtained the denomination of controlled origin of the Sierra de Cádiz.
An oil has wild, slightly spicy and bitter aromas, the result of a harvest in rough terrain where massive production is almost impossible.
A divine oil.

The wines

Consejo regolador del vino de Jerez
Photo from Cadizturismo.com

Even the wines are starting to give a lot of satisfaction to this territory, traditionally linked to white and fine wines but which, for some time, have also been starting to produce excellent red wines.
The province of Cádiz and many of its municipalities have made food and wine tourism a major attraction for tourists from all over the world.
Jerez de la Frontera, El Puerto de Santa María, Chiclana and Sanlúcar de Barrameda together have more than 7,000 hectares of vineyards that have been producing Jerez wines and grappas for centuries. And it is not just an attraction for wine tourism lovers. Heritage, nature and landscape have made it all a wonderful place to spend whole days.

Manzanilla and Prawns in Sanlucar


Manzanilla and prawns
Photo from sanlucarturismo.com

One of the many things that you cannot miss while traveling in the province of Cádiz, are the famous prawns of Sanlucar de Barrameda and, why not, also one of its most famous wines: Manzanilla.
This almost perfect pairing lends itself well to a light meal on the beach. The ancient traditions of Manzanilla make it one of the lightest white wines of the Jerez cellars, excellent to be enjoyed with the famous prawns of the area.

The Cacao Pico

Cacao Pico
Photo from Cadizturismo.com

In the “marco de Jerez” wine area, you will find a liqueur born in 1824, still made today with ancient techniques that respect the times and the environment.
The Cacaco Pico was born in El Puerto de Santa Maria, not far from Jerez de la Frontera.
Cacao Pico is used in confectionery, it can be eaten cold together with ice cream or perhaps with ice cubes. It has received some awards, both as best liqueur and in some cocktails it was part of as a main ingredient.

Tarifa

Bodegón de Atún- Conservera de Tarifa
Photo from Cadizturismo.com

We move to Tarifa to discover two specialties of the gastronomy of the province of Cádiz and also one of the windiest and hottest places in the whole of Andalusia.
Tarifa is one of those special places you fall in love with, even if there are no gorgeous white villages or glaring monuments. In Tarifa there is wind, huge beaches and life even in winter when I first set foot there.
A student of mine used to say that everyone here is a bit crazy because of the wind that blows constantly.
In truth, the strongest wind I can remember was a night in Cádiz: suddenly a window in my room flew open and the Mediterranean wind entered my room without permission!
Together with the scents of Andalusia …

Tarifa
Photo by Peter Pieras from Pixabay

We were talking about the gastronomy of Tarifa, right?
Going around this town you will find many shops, bars, restaurants, people on the beach who surf and kite surf, but never forget that you are in Andalusia, the Spanish region where it can be very hot and where you can eat divinely.

Tocino de cielo

Tocino de cielo
Photo from Cadizturismo.com

Tocino de cielo is a typical dessert of the area, whose most famous schools are in Tarifa and Jerez. It is created with egg yolks, sugar and caramel and is the right dessert to sweeten your days.
One of the most famous pastry shops to try it in Tarifa is certainly the Pasteleria la tarifeña.


Before going inside and climbing the hills a bit among other typical dishes and some pueblo blanco, let’s stop for a moment on these two wonderful “sea view” specialties

Amontillado and shrimp with fried egg

Amontillado y camarones con huevo frito_ E Puerto de Santa Maria
From Sprint Sherry

Amontillado is one of the many wines of the area that you absolutely must try. It is an elegant wine that should be drunk chilled and is well suited to every need. In this particular dish, with shrimps and fried eggs, it enhances and mixes the flavors of the sea and nature.

Atún encebollado

Tuna with onion
Photo from Cadizturismo.com

With all the seaside resorts in the Cádiz Province, finding good tuna shouldn’t be a big deal. However, if you plan a trip to these parts, you will find that between May and June, in places like Tarifa, Conil, Barbate and Zahara de los athunes, various events called Ruta del Atún are organized, in which you will probably also be able to try many dishes at tuna base like the one in the photo (with tuna and onion).

Tuna fillet in butter
Photo from Cadizturismo.com

El gastor

Returning a little towards the interior of the province, you can discover other beautiful villages but a little less known to mass tourism: El Gastor looks like a real garden with its typical white houses like a true pueblo blanco, vases hanging everywhere , palm trees in the squares and huge plants scattered here and there.
El Gastor is also known as “el Balcón de los Pueblos Blancos” (the balcony of the pueblos blancos) for the position that favors the breathtaking views.
One more reason to come here, I think …

Typical dishes

Popular dishes from the el Gastor area include stew, soups, asparagus scrambled eggs, and others based on poultry and pork.
But a typical dish of this mountain town is certainly the Asparagus Stew (Guisote de espárragos) which is a compound made from bread, oil, water and of course ground asparagus. All this is served in a large family pot which everyone, provided with a spoon, bread and wine, can use and eat.

Algodonales

Algodonales
Photo from Cadizturismo.com

No, I didn’t go crazy all of a sudden! Algodonales is also a splendid pueblo blanco in the province of Cádiz, but I wanted to start by telling it with one of the many events that make it distinctive and famous.
The one in the photo above is the historical re-enactment of May 2nd (dos de mayo). Here in Algodonales the event that at the beginning of May 1810 put the inhabitants of this village and the regiments of the French army led by Napoleon Bonaparte against each other.
The battle left 273 dead and about seventy houses destroyed.
Since 2005, this celebration in traditional dress has been born, which aims to pay homage to the brave who faced the French army.

Split olives
Photo from Cadizturismo.com

Local gastronomy

Algodonales is located in an area full of olive groves. Olive oil in this area is an important and well-made product, as are the split olives (aceitunas partidas).
If you come here, you should definitely try the local cheeses and wines, but also a traditional pastry with a bit Arabian “tendencies”: the gañote.

Ubrique

Ubrique from San Antonio
Photo by CPL

Ubrique has been declared a historic site. In addition to pueblo blanco, keep in mind that a stretch of the ancient Roman road passes through here, revealing its ancient origins (photo below).

UBRIQUE (SIERRA DE CÁDIZ).-
Roman road that connects Ubrique with Benaocaz.- Photo by Fernando Ruso

Typical products and gastronomy

Chorizá – Ubrique –
Photo by Francisco Javier Sánchez Ramírez

Ubrique, like other mountain pueblos blanco, also has its beautiful food and wine tradition.
It starts with local cheeses produced in the area: the products from payoya goat milk already mentioned are among the best known.
Sausages, salami, hams and other sausages created with the techniques of the past are also excellent products to be enjoyed as a snack.
Among the desserts you can also try the traditional gañote here, which is offered among the participants in a dedicated competition once a year.

…and finally…

I admit it … when it comes to eating and traveling, life takes on a wonderful meaning and everything shines in a different light.
From Cadizturismo (thank you thank you thank you !!!) they sent me so many photos and info that I would like to continue this article indefinitely … Instead I close with the last three tapas, with the hope of returning soon, indeed very soon in this wonderful province!

Tapa de atún y queso – San Fernando –
Photo by David Ibáñez Montañez
Tapa de jamón – San Fernando –
Photo by David Ibáñez Montañez
Croquetas
Photo from Cadizturismo.com





La provincia di Cádiz: in viaggio tra pueblos blancos, un’enogastronomia divina e spiagge torride

Cádiz e la sua provincia fanno parte dell’Andalusia, una delle regioni più affascinanti della Spagna e, non esagero, di tutta Europa. La provincia di Cádiz, che conta 45 municipios e circa 1.300.000 abitanti, arriva quasi a toccare l’Africa con le sue coste.
Lo Stretto di Gibilterra, dove si incontrano il Mediterraneo e l’Oceano atrantico, dista solo 14 Km dalle coste del continente africano e, state certi che un viaggio in nave tra Tarifa e Tangeri non vi porterà via troppo tempo.
Con una temperatura media di 18° C, 300 giorni di sole, pari a circa 3000 ore all’anno in cui potete godervi il cielo azzurro da queste parti, la provincia di Cádiz può contare 268 Km di costa di cui 138 km di spiagge.

Ma non è di numeri e di spiagge ( non solo) che vi parlerò questa volta.
Se in altri articoli su questo sito ho elogiato la gastronomia andalusa, oggi lo farò di nuovo, passando da una delle cose più belle che ho potuto ammirare vivendo in questa splendida regione spagnola: i pueblos blancos.

I pueblos blancos

Arcos,
Foto di Santiago Galvin

I pueblos blancos sono tanti, belli e diversi tra loro. Se vi spostate in auto vi capiterà di “avvistarne” qualcuno tra Siviglia e Cádiz, tanto che vi verrà voglia di abbandonare la strada principale per correre ad ammirarne tutta la bellezza da vicino.
Arcos, Grazalema, Setenil de la Bodegas, El Bosque, Olvera e Zahara de la Sierra sono solo alcuni dei più noti paesini che fanno di La ruta de los pueblos blancos ( la via dei pueblos blancos) un meraviglioso percorso tra questi bianchi villaggi andalusi.
Hanno anche piccoli o grandi hotel che permettono a chi vuole di fermarsi almeno una notte e botteghe di artigianato locale che ne raccontano passato e presente in tutta la loro purezza.

Arcos de la Frontera

foto di Juan de Dios Carrera

Arcos oltre ad essere un ottimo punto di partenza per la Ruta de Los Pueblos Blancos è anche considerato uno dei villaggi più belli di tutta l’Andalusia. La sua storia e il clamoroso panorama che si gode dalla cima della rupe in cui sono collocati i suoi maggiori monumenti, lo pongono come una tappa quasi obbligatoria quando si viene dalle parti di Cádiz.

Setenil de las Bodegas

Setenil de las Botegas
foto da www.cadizturismo.com

Setenil de las Bodegas è diventato celebre per essere il paese della roccia. Un’enorme roccia infatti alberga sopra diverse vie di Setenil, rendendo incredibile un villaggio già bello per il bianco delle sue case. Una visita qui non può assolutamente mancare, anche per i panorami e il buon cibo ovviamente.

Il queso Payoyo ( formaggio Payoyo)

Tabla de queso payoyo _Setenil de las Bodegas
foto di David Ibáñez Montañez

Nell’entroterra della provincia di Cádiz, grazie alla produzione di formaggi derivati dal latte di capra payoya e pecora merino, sono stati vinti moltissimi riconoscimenti nazionali e internazionali.
Tra questi il Queso Payoyo è uno tra i formaggi più famosi prodotti a Villaluenga del Rosario, nel cuore della Sierra di Cádiz.

Olvera

Olvera
Foto da Cadizturismo.com

Olvera non ha decisamente niente da invidiare agli altri villaggi bianchi della ruta de los pueblos blancos.
Qui le strade tra le case bianche, i vasi appesi ai muri in stile tipico andaluso e le strade che salgono e scendono ripide sono all’ordine del giorno. Perdersi tra le vie di queste piccole cittadine assaporando la bellezza della gente del posto e i gusti dei prodotti della gastronomia locale, è un piacere che non potete perdere per nessun motivo al mondo.

La via verde

Via Verde
Foto da Cadizturismo.com

Da Olvera passa anche la via verde, un percorso naturalistico che si estende dalla Sierra di Cádiz fino alla Sierra sud di Sevilla.
Unire la Ruta del Los pueblos blancos con la via verde potrebbe essere un’occasione unica per ammirare luoghi divini, esplorare la natura andalusa, respirare aria pulita e mangiare ottimo cibo mediterraneo della zona!
Per tutte le info sulla via verde, potete consultare il sito internet dedicato.

Zahara de la Sierra

Zahara de la Sierra
Foto di Andrés M. Dimungues Romero

Calle Ronda.
Vi dico solo questo.
Zahara de la Sierra ha molti angoli meravigliosi, tra cui la sua posizione incredibile, ma Calle Ronda è qualcosa di davvero unico ( per me).
Una via in salita con pavimento acciottolato piena di bianco dappertutto con tante terrazzine, porte e finestre.
L’Andalusia come piace a me…
Quella che ti fa emozionare solo a metterci piede…

Enogastronomia locale

Olio d’oliva
Foto da Cadizturismo.com

Gran parte delle ricette tradizionali della provincia di Cádiz, hanno come ingrediente principale l’olio di oliva, che dal 2002 ha ottenuto la denominazione di origine controllata della Sierra di Cádiz.
Un olio ha dei profumi selvatici, leggermente piccanti e amari, frutto di un raccolto in terreni accidentati dove la produzione massiccia è quasi impossibile.
Un olio divino.

I vini

Consejo regolador del vino de Jerez
Foto da Cadizturismo.com

Anche i vini stanno cominciando a dare molte soddisfazioni a questo territorio, tradizionalmente legato ai vini bianchi e fini ma che, da qualche tempo, vanta anche ottimi vini rossi.
La provincia di Cádiz e molti dei suoi comuni hanno fatto del turismo enogastronomico un grande punto di richiamo per i turisti di tutto il mondo.
Jerez de la Frontera, El Puerto de Santa María, Chiclana e Sanlúcar de Barrameda contano assieme più di 7.000 ettari di vigneti che da secoli producono vini e grappe di Jerez.
E non è solo di un’attrazione per gli amanti dell’enoturismo. Il patrimonio, la natura e il paesaggio hanno reso tutto quanto un luogo stupendo in cui passare intere giornate.

Manzanilla e Gamberi a Sanlucar


Manzanilla e gamberi
Foto da sanlucarturismo.com

Una delle tante cose che non potete perdere viaggiando nella provincia di Cádiz, sono i celebri gamberi di Sanlucar de Barrameda e, perchè no, anche uno dei suoi vini più celebri: il Manzanilla.
Questo abbinamento quasi perfetto, si presta bene ad un pasto leggero in spiaggia. Le antichissime tradizioni del Manzanilla ne fanno un vino bianco tra i più leggeri delle cantine di Jerez, ottimo da gustare con i famosi gamberi della zona.

Il Cacao Pico

Cacao Pico
Foto Cadizturismo.com

Nella zona vinicola del “marco de Jerez”, troverete un liquore nato nel lontano 1824, fatto ancor oggi con tecniche antiche rispettose dei tempi e dell’ambiente.
Il Cacaco Pico nasce a El Puerto de Santa Maria, non lontano da Jerez de la Frontera.
Il Cacao Pico viene utilizzato in pasticceria, può essere consumato freddo assieme al gelato o magari con dei cubetti di ghiaccio. Ha ricevuto alcuni premi, sia come miglior liquore che in alcuni cocktail di cui faceva parte come ingrediente principale.

Tarifa

Bodegón de Atún- Conservera de Tarifa
Foto di Cadizturismo.com

Ci spostiamo fino a Tarifa per scoprire due specialità della gastronomia della provincia di Cádiz e anche una delle località più ventose e torride dell’intera Andalusia.
Tarifa è uno di quei posti speciali di cui ti innamori, anche se non ci sono paesini bianchi meravigliosi o monumenti clamorosi.
A Tarifa c’è vento, spiagge enormi e vita anche d’inverno quando ci misi piede per la prima volta.
Un mio studente diceva che qui sono tutti un po’ folli per colpa del vento che soffia costantemente.
In verità, il vento più forte che io possa ricordare fu una notte a Cádiz: all’improvviso una finestra della mia stanza si spalancò e il vento del Mediterraneo entrò senza permesso dentro la mia camera!
Assieme ai profumi dell’Andalusia…

Tarifa
Imagen de Peter Pieras en Pixabay

Dicevamo della gastronomia di Tarifa, giusto?
Andando in giro per questa cittadina troverete tanti negozietti, bar, ristoranti, gente in spiaggia che fa surf e kite surf, ma non dimenticate mai che siete in Andalusia, la regione spagnola dove può fare caldissimo e dove si mangia divinamente.

Tocino de cielo

Tocino de cielo
Foto da Cadizturismo.com

Il Tocino de cielo è un dessert tipico della zona, le cui scuole più famose sono a Tarifa e Jerez.
E’ creato con tuorli d’uovo, zucchero e caramello ed è il dessert giusto per addolcire le vostre giornate.
Una delle pasticcerie più famose dove provarlo a Tarifa è certamente la Pasteleria la tarifeña.


Prima di passare all’interno e salire un po’ sulle colline tra altri piatti tipici e qualche pueblo blanco, fermiamoci un attimo su queste due meravigliose specialità “vista mare”

Amontillado y camarones con huevo frito

Amontillado y camarones con huevo frito_ E Puerto de Santa Maria
Da Sprint Sherry

L’amontillado è uno dei tanti vini della zona che dovete assolutamente provare. E’ un vino elegante che va bevuto fresco e si adatta bene a ogni esigenza.
In questo particolare piatto, con gamberi e uova fritte, esalta e mescola i sapori del mare e della natura.

Atún encebollado

Atún encebollado
Foto da Cadizturismo.com

Con tutte le località di mare che ci sono nella Provincia di Cádiz, trovare un buon tonno non dovrebbe essere un grosso problema. Tuttavia, se programmate un viaggio da queste parti, scoprirete che tra maggio e giugno, in località come Tarifa, Conil, Barbate e Zahara de los athunes, si organizzano diversi eventi chiamati Ruta del Atún, nei quali probabilmente riuscirete anche a provare tanti piatti a base di tonno come quello della foto ( con tonno e cipolla).

Filetto di tonno al burro
Foto Cadizturismo.com

El gastor

Tornando un po’ verso l’interno della provincia, si possono scoprire altri paesini bellissimi ma un po’ meno noti al turismo di massa: El Gastor sembra un vero e proprio giardino con le sue tipiche case bianchissime da vero pueblo blanco, vasi appesi ovunque, palme nelle piazze e piante enormi sparse qua e là.
El Gastor è anche conosciuto come “el Balcón de los Pueblos Blancos” ( il balcone dei pueblos blancos) per la posizione che ne favorisce le viste mozzafiato.
Una ragione in più per venire qui, credo…

Piatti tipici

I piatti popolari della zona di el Gastor includono stufato, spezzatino, zuppe, uova strapazzate di asparagi e altri a base di pollame e maiale.
Ma un piatto tipico di questo paese di montagna è certamente lo Spezzatino di Asparagi ( Guisote de espárragos) che è un composto a base di pane, olio, acqua e ovviamente asparagi di terra. Tutto questo viene servito in una grande pentola di famiglia della quale tutti, provvisti di cucchiaio, pane e vino, possono servirsi e mangiare.

Algodonales

Algodonales
Foto di Cadizturismo.com

No, non sono impazzito all’improvviso! Anche Algodonales è uno splendido pueblo blanco della provincia di Cádiz, ma volevo iniziare raccontandolo con uno dei tanti eventi che lo rendono caratteristico e famoso.
Quella della foto sopra è la rievocazione storica del 2 di maggio ( 2 de mayo).
Qui ad Algodonales viene ricreato l’evento che ad inizio maggio del 1810 mise di fronte gli abitanti di questo villaggio e i reggimenti dell’esercito francese guidati da Napoleone Bonaparte.
L a battaglia si lasciò dietro 273 morti e una settantina di case distrutte.
Dal 2005 è nata questa celebrazione in abiti tradizionali, che ha lo scopo di rendere omaggio ai valorosi che affrontarono l’esercito francese.

Olive spaccate
Foto da Cadizturismo.com

Gastronomia locale

Algodonales si trova in una zona ricca di uliveti. L’olio d’oliva da queste parti è un prodotto importante e di ottima fattura, così come le olive spaccate ( aceitunas partidas).
Se venite da queste parti, dovete assolutamente provare i formaggi e vini locali, ma anche un pasticcino tradizionale dalle “tendenze” un po’ arabe: il gañote.

Ubrique

Ubrique da San Antonio
Foto di CPL

Ubrique è stata dichiarata sito storico. Oltre che pueblo blanco tenete conto che da qui passa un tratto dell’antica strada romana che ne rivela le antichissime origini ( foto sotto).

UBRIQUE (SIERRA DE CÁDIZ).-
Strada romana che collega Ubrique con Benaocaz.- Foto di Fernando Ruso

Prodotti tipici e gastronomia

Chorizá – Ubrique –
Foto di Francisco Javier Sánchez Ramírez

Anche Ubrique, come altri pueblos blanco di montagna ha la sua bella tradizione enogastronomica.
Si parte dai formaggi locali prodotti in zona: i derivati dal latte di capra payoya gia menzionati, sono tra i più noti.
Le salsicce , salami, prosciutti e altri indsaccati creati con le tecniche del passato sono anch’essi ottimi prodotti da gustare anche come spuntino.
Tra i dolci potete provare anche qui il tradizionale gañote, che viene offerto tra i partecipanti a un concorso dedicato una volta l’anno.

…e per finire…

Lo ammetto…quando si tratta di mangiare e viaggiare, la vita assume un significato meraviglioso e tutto risplende di una luce diversa.
Da Cadizturismo ( grazie grazie grazie!!!)mi hanno inviato così tante foto e info che vorrei continuare questo articolo all’infinito…
Invece chiudo con le ultime tre tapas, con la speranza di tornare presto, anzi prestissimo in questa provincia stupenda!

Tapa de atún y queso – San Fernando –
Foto di David Ibáñez Montañez
Tapa de jamón – San Fernando –
Foto di David Ibáñez Montañez
Croquetas
Foto di Cadizturismo.com





Siviglia: tutto quello che dovete sapere sulla città più bella del mondo

Non ho mai avuto dubbio alcuno: dal momento in cui ho messo piede a Siviglia la prima volta è stato amore folle.
Immaginatevi quando ho scoperto di aver vinto una borsa di studio Europea che mi avrebbe permesso di vivere e lavorare qui per 6 mesi, come mi sono sentito!
Poter esplorare questa città divina, viverla a fondo ogni istante e scoprire ogni suo angolo, assaggiando la deliziosa cucina andaluza, quella che da sempre metto al vertice delle mie preferenze culinarie.

Siviglia vanta un clima divino, soprattutto se siete amanti del caldo. A Siviglia si contano circa 3.000 giorni di sole l’anno ma quando piove, piove davvero, quindi preparatevi a grandi giornate di sole ma anche a rari ma potenti temporali.

I monumenti della città

Il capoluogo andaluso conta ben tre monumenti inseriti nella lista dei patrimoni dell’UNESCO:

  • La Catedral è una delle più grandi cattedrali gotiche del mondo occidentale e la terza della Cristianità dopo San Pietro del Vaticano e San Paolo di Londra.
    La Giralda, con i suoi 100 metri di altezza, è il minareto della vecchia moschea, abbattuta per far posto alla catedral e simbolo della città.
  • Il Real Alcázar è il palazzo reale in uso più antico d’Europa. È un gruppo di edifici costruiti in diverse epoche storiche le cui origini risalgono al X secolo.
  • L’Archivio delle Indie è uno degli archivi storici piùimportanti del Paese, con circa 43.000 documenti relativi alla scoperta e alla colonizzazione dell’America.
Foto di nathan618 da Pixabay

I monumenti di Siviglia sono in ogni angolo della città e, se avete tempo di visitarla con calma, potete scoprirli tutti.
A mio modo di vedere, le bellezze di Siviglia risiedono nel poter uscire tutte le sere con un clima mite, passeggiando tra le magnifiche vie della città o lungo il Guadalquivir, passando a fianco della Torre dell’Oro, una torre a 12 lati costruita in quel punto, proprio per controllare meglio gli accessi che avvenivano dal fiume in passato.

Il primo vero monumento in cui mi imbattei cercando una stanza in città fu però Calle Verde, una strettissima via non sempre annoverata tra i maggiori monumenti di Siviglia e, sicuramente trascuratissima dai turisti di tutto il mondo. Percorrendo Calle Verde avrete la sensazione di poter allargare le braccia e poter toccare entrambe i muri ai vostri lati…Senza contare il fresco ( per Siviglia chiaramente!) che c’è rispetto ad altre parti della città, dove il sole cocente batte senza trovare l’ostacolo delle case.
I ricordi più vivi della vita passata nella capitale andalusa li associo però a Las Setas in Plaza de la Encarnación, una grande costruzione che funge da parasole per la piazza stessa.
Da qui passa tanta vita di Siviglia e prima o poi vi ritroverete a fermarvici o a passare anche voi.
Garantito!

Potete perdervi tra le vie e le piazze di Santa
Cruz
, l’antico quartiere ebraico o godervi la passeggiata
nel Parco di Maria Luisa con la spettacolare Piazza di
Spagna
. Non mancate nemmenol’Ospedale della
Santa Caridad o la Plazas de Toros de la Maestranza
(con il Museo Taurino); Se amate il barocco potete immergervi nell’Ospedale de los Venerables o
visitare le belle case-palazzo sivigliane che contengono
innumerevoli opere d’arte, come il Palacio de las
Dueñas
(de la Casa de Alba), la Casa di Pilatos (de la
Casa Ducal de Medinaceli) o il Palacio de la Contesa
di Lebrija
.

Gastronomia Sivigliana/andalusa

Croquetas de jamon
Image by Shutterstock

Non so se possiate capire quanto sia buona la cucina andalusa. Da turista l’avevo amata e apprezzata tantissimo, ma quando ho cominciato a scoprire i localini e i ristorantini più tradizionali, ho trovato gusti e sapori ancora più buoni di quanto potessi immaginare.
Non me ne vogliano i miei connazionali, ma per gusti personali ritengo la cucina andalusa la migliore al mondo, seguita da quella greca e poi quella italiana ( spero nessuno si offenda troppo per questa medaglia di bronzo).

La colazione col cafè con leche, tostada con jamon serrano e qualche volta un bicchiere di zumo de Naranja ( succo di arancia), erano per me il miglior modo per iniziare le giornate fuori casa ( quando facevo colazione fuori).
Il Jamon serrano è qualcosa di divino che nemmeno potete immaginare e, se volete, potete farvi mettere un po’ di olio di oliva sul pane che vi servono per colazione.
Inutile dire che Spagna, Grecia e Italia si contendono lo scettro per il miglior olio di oliva e, non essendo un esperto, non saprei quale sia il migliore. Semplicemente credo siano tutti divini a modo loro. Provateli in viaggio se ne avete l’occasione.
Non mi soffermerò nemmeno un secondo sulla paella perchè credo sia diventato un piatto troppo turistico e forse alcune zone di Valencia potrebbero essere più adatte a provarla piuttosto che Sevilla.

La varietà di Tapas , così come i locali in città è davvero infinita. A Sevilla si esce tutte le sere perchè, clima a parte, potete mangiare e bere qualcosa con pochissimi soldi ( parlo del periodo pre-pandemia quando ho vissuto lì).
Il bello è poter stare in compagnia e assaggiare gusti diversi provando piatti leggeri e gustosi. Se poi volete “sfondarvi”, potete mangiare qualcosa di pesante o provare 20 tipi di tapas in una sera.
La mie tapa preferita è la croquetas ( de jamon), ma vi assicuro che nei mesi passati a Sevilla ne ho provate tantissime e buonissime.
Persino le caracoles ( lumache) che all’apparenza potrebbero apparire disgustose, sono in realtà buonissime!
Il top del top, quando comincia a far caldo, diventano piatti come il gazpacho andaluz, una specie di zuppa fredda a base di verdure. Un mio coinquilino di Almeria ne portava vassoi pieni il lunedì quando tornava da casa.
Non potete capire com’era quello fatto dalla mamma andalusa! Se ci penso piango dall’emozione!
Nonostante tutto, credo di non aver fatto in tempo a provare tutto quanto, perchè la gastronomia andalusa, racchiude così tante specialità che serve una vita intera per provare tutto…e magari una mamma e una nonna che ti cucinino ogni cosa sin da quando sei piccolo!

Anche il reparto enologico non si fa certo mancare nulla: a Siviglia dovete assolutamente provare il tinto de verano, una bevanda fredda a base di vino rosso con l’aggiunta di soda, ghiaccio e, se lo chiedete anche di lemon ( limone). In genere nei locali più turistici te lo servono così com’è, in quelli più “tradizionali” ti chiedo se vuoi il limone.
Il rebujito forse non lo conoscono tutti. Già, perchè in genere si consuma ( anche troppo) durante la Feria de Abril o in altri eventi in giro per l’Andalusia. Il rebujito è fatto con vino bianco secco e gazzosa e, durante la Feria viene servito ai tavoli in caraffe di vetro. Inutile dire che è talmente buono che non è necessario essere degli alcolizzati seriali per farne fuori in grandi quantità.
Ma poi si balla, si ride, si mangia, si cammina…e un po’ si smaltisce prima che arrivi notte…


Il Flamenco

Photo by Matthew Waring on Unsplash

Il flamenco, nato e cresciuto in alcuni quartieri di Siviglia, come Triana e Alameda, è stato dichiarato dall’UNESCO patrimonio immateriale dell’umanità.
A Siviglia molte persone ballano spontaneamente per strada, raccogliendo l’attenzione dei turisti e della gente. Non vi sarò comunque difficile, passeggiando di sera, notare che in alcuni locali il flamenco diventa un’attrazione primaria.
In altri locali meno turistici e più in disparte, è un po’ un’arte sopraffina e quasi segreta, ma ci vuole tempo e magari qualche conoscenza affinchè li scopriate e ne possiate godere la vera bellezza.
Uno dei più importanti eventi di flanco sivigliani è senza dubbio la Bienal de Flamenco, un festival che si svolge ogni due anni.

Gli eventi

Immagine di Luis Francisco Pizarro Ruiz da Pixabay

Siviglia è una città ricca di eventi e cose da fare. Credo di aver passato in casa solo lo stretto tempo necessario per dormire perchè c’era sempre l’occasione per uscire, partecipare a eventi o solo vedere qualcosa nei dintorni.
Il mare e le spiagge non distano molto e a inizio aprile già rischiate di prendervi una bella scottata in spiaggia se non state attenti!
Nei giorni in cui non lavoravo o non avevo programmi particolari, controllavo gli eventi in città su questo sito e, pian piano, lo ammetto, sono diventato un po’ abitudinario, specie le domeniche pomeriggio quando andavo a rilassarmi con un bicchiere fresco di tinto de verano ascoltando musica al di là del Guadalquivir.

Gli eventi più assurdi a cui ho assistito sono stati due in particolare che, in questo periodo di pandemia probabilmente sono stati spostati o cancellati ( quindi verificate prima di partire).
La Semana Santa è qualcosa di pazzesco perchè vedrete ma soprattutto sentirete gente spostarsi per tutta la città per diversi giorni. Persone incapucciate e coloratissime invadono le vie della città ( ognuno ha il suo quartiere) accompagnate da bande rumorosissime.
Tutti scendono in strada ad assistere e la folla media che vi si presenterà davanti è quella di un concerto dei Queen a Wembley a fine anni ’80…

Non da meno è la Feria de Abril. Non fosse che almeno ci si siede, si mangia e si beve.
Ai tempi vivevo a Siviglia ma insegnavo in una scuola di Dos Hermanas, il paese più grande del circondario sivigliano. Per questo motivo decisi di fare entrambe le Ferie de Abril. Ebbi però il buon senso di non mangiare e bere a quella di Sevilla. Non credo che il mio fegato avrebbe sopportato due eventi così vicini.
Alla Feria si va vestiti bene, si mangia divinamente e se siete capaci potete anche ballare…In genere siete invitati alle casetas e lì vi sedete a tavola con i vostri amici.
A Siviglia ci sono tantissime casetas private dove si entra solo con l’invito e altre aperte a tutti, mentre a Dos Hermanas ricordo molte più casetas aperte.
Tenete sempre presente che durante questi eventi tutti gli hotel di Siviglia sono strapieni, quindi prenotatevi con largo anticipo e organizzatevi.

Perchè andare a Siviglia

Foto di Yanko Peyankov da Pixabay

Ora.
Non so voi, ma credo che Siviglia al di là di tanta bellezza monumentale, possegga un fascino tutto particolare. I suoi abitanti cordiali e ospitali che in 6 mesi mi hanno fatto sentire sempre a casa, anche se da casa distavo centinaia di chilometri.
I miei studenti che mi invitavano a uscire quasi ogni sera, i colleghi gentili e la gente meravigliosa in tutta l’Andalusia.
Non ci vuole molto a capire che, nonostante qualche difetto, la vera bellezza di una città come Siviglia, in realtà risieda nella gente che la abita, nella bontà e nella genuinità dei prodotti della sua gastronomia e nel bello di poter stare in una città dove poter incontrare gli amici la sera è importante almeno quanto doversi alzare il giorno dopo per andare al lavoro.
Di Siviglia ho apprezzato questo: il fatto che si pensasse a godersi il tempo libero, pur sapendo che c’erano anche gli impegni da mantenere.
In altre città non funzionava esattamente così…
..e non si mangiava nemmeno così bene 😉




Seville: all you need to know about the most beautiful city in the world

I never had any doubts: from the moment I set foot in Seville for the first time it was crazy love.
Imagine when I found out I had won a European scholarship that would have allowed me to live and work here for 6 months, how I felt!
Being able to explore this divine city, live it to the fullest every moment and discover every corner, tasting the delicious Andalusian cuisine, the one that I have always put at the top of my culinary preferences.

Seville boasts a divine climate, especially if you love heat.
There are around 3,000 sunny days a year in Seville but when it rains, it really rains, so be prepared for big sunny days as well as rare but powerful thunderstorms.

The monuments of the city

The Andalusian capital has three monuments included in the UNESCO heritage list:

  • The Catedral is one of the largest Gothic cathedrals in the Western world and the third in Christianity after St. Peter of the Vatican and St. Paul of London.
    The Giralda, with its 100 meters of height, is the minaret of the old mosque, demolished to make way for the cathedral and symbol of the city.
  • The Real Alcázar is the oldest royal palace in use in Europe. It is a group of buildings built in different historical periods whose origins date back to the 10th century.
  • The Archive of the Indies is one of the most important historical archives in the country, with approximately 43,000 documents relating to the discovery and colonization of America.
Image by nathan618 from Pixabay

The monuments of Seville are in every corner of the city and, if you have time to visit it calmly, you can discover them all. In my view, the beauties of Seville reside in being able to go out every evening with a mild climate, walking through the magnificent streets of the city or along the Guadalquivir, passing alongside the Torre del Oro, a 12-sided tower built in that point, just to better control the accesses that occurred from the river in the past.

The first real monument I came across while looking for a room in the city was however Calle Verde, a very narrow street not always counted among the major monuments of Seville and certainly neglected by tourists from all over the world. Walking down Calle Verde you will have the feeling of being able to spread your arms and be able to touch both walls on your sides … Not to mention the coolness (for Seville of course!) That there is compared to other parts of the city, where the scorching sun beats without find the obstacle of the houses.
However, I associate the most vivid memories of my past life in the Andalusian capital with Las Setas in Plaza de la Encarnación, a large building that acts as a parasol for the square itself.
A lot of Seville life passes through here and sooner or later you will find yourself stopping there or passing by too.
Guaranteed!

You can get lost in the streets and squares of Santa Cruz, the old Jewish quarter or enjoy the stroll in the Maria Luisa Park with the spectacular Plaza de Espana.
Do not miss the Hospital of the Santa Caridad or the Plazas de Toros de la Maestranza.
If you love the Baroque, you can immerse yourself in the Hospital de los Venerables or visit the beautiful Sevillian palace-houses they contain countless works of art, such as the Palacio de las Dueñas (de la Casa de Alba), the Casa de Pilatos (de la Casa Ducal de Medinaceli) or the Palacio de la Condes de Lebrija

Sevillian / Andalusian gastronomy

Croquetas de jamon
Image by Shutterstock

I don’t know if you can understand how good Andalusian cuisine is. As a tourist I had loved and appreciated it very much, but when I began to discover the more traditional cafes and restaurants, I found tastes and flavors even better than I could imagine. I hope my countrymen will not be offended, but for personal taste I consider Andalusian cuisine to be the best in the world, followed by Greek and then Italian (I hope no one is too offended by this bronze medal).

Breakfast with café con leche, tostada with serrano jamon and sometimes a glass of zumo de Naranja (orange juice), were for me the best way to start my days away from home (when I was having breakfast out).
Jamon serrano is something divine that you cannot even imagine and, if you want, you can have a little olive oil put on the bread they serve you for breakfast.
It goes without saying that Spain, Greece and Italy are competing for the scepter for the best olive oil and, not being an expert, I don’t know which is the best. I just believe they are all divine in their own way.
Try them on the go if you get the chance. I will not dwell on paella for a second because I think it has become too touristy a dish and perhaps some areas of Valencia could be more suitable to try it rather than Sevilla.

The variety of Tapas, as well as the bars and restaurants in the city is truly infinite. In Sevilla you go out every night because, apart from the climate, you can eat and drink something with very little money (I’m talking about the pre-pandemic period when I lived there).
The beauty is being able to be in company and taste different tastes by trying light and tasty dishes. And if you want to “break out”, you can eat something heavy or try 20 types of tapas in one evening.
My favorite tapas are croquetas (de jamon), but I assure you that in the past months in Sevilla I have tried many and very good.
Even the caracoles (snails) that may appear disgusting, are actually very good!
The top of the top, when it gets very hot, becomes dishes like gazpacho andaluz, a kind of cold vegetable-based soup.
A roommate of mine from Almeria used to bring trays full of them on Mondays when he came home.
You can’t understand what the Andalusian mother did!
If I think about it, I cry with emotion!
Despite everything, I think I didn’t have time to try everything, because Andalusian gastronomy contains so many specialties that it takes a lifetime to try everything…
and maybe a mother and a grandmother who have been cooking everything for you since You’re small!

Even the wine department certainly does not miss anything:
in Seville you absolutely must try the tinto de verano, a cold drink made from red wine with the addition of soda, ice and, if you ask for it, also lemon.
Generally in the more touristy places they serve it as it is, in the more “traditional” ones the bartender asks you if you want lemon.
Perhaps not everyone knows the rebujito. Yes, because in general it is consumed (even too much) during the Feria de Abril or in other events around Andalusia. The rebujito is made with dry white wine and soda and, during the Feria, it is served at the tables in glass jugs.
Needless to say, it’s so good that you don’t need to be a serial alcoholic to take it out in large quantities.
But then we dance, laugh, eat, walk … and work off a bit before night falls …


Flamenco

Photo by Matthew Waring on Unsplash

Flamenco, born and raised in some neighborhoods of Seville, such as Triana and Alameda, has been declared an intangible heritage of humanity by UNESCO. In Seville many people spontaneously dance in the street, attracting the attention of tourists and people. However, it will not be difficult for you, walking in the evening, to notice that in some places flamenco becomes a primary attraction. In other less touristy and more distant places, it is a bit of a superfine and almost secret art, but it takes time and maybe some knowledge for you to discover them and be able to enjoy their true beauty.
One of the most important flamenco events in Seville is undoubtedly la Bienal de Flamenco, a festival that takes place every two years.

Events

Image by Luis Francisco Pizarro Ruiz from Pixabay

Seville is a city full of events and things to do. I think I only spent the time necessary to sleep at home because there was always an opportunity to go out, attend events or just see something nearby. The sea and the beaches are not far away and at the beginning of April you already risk getting a good burn on the beach if you are not careful! On the days I didn’t work or I didn’t have any special programs, I checked the events in the city on this website and, slowly, I admit, I became a bit of a habit, especially on Sunday afternoons when I went to relax with a cool glass of tinto de verano while listening to music across the Guadalquivir.

The most absurd events I have witnessed were two in particular that, in this pandemic period, have probably been moved or canceled (so check before you leave).
The Semana Santa is something crazy because you will see but above all you will hear people moving around the city for several days. Hooded and colorful people invade the streets of the city (each has its own neighborhood) accompanied by very noisy bands. Everyone takes to the streets to watch and the average crowd that will show up in front of you is that of a Queen concert at Wembley in the late 80s …

Not least is the Feria de Abril. Were it not that at least we sit, eat and drink. At the time I lived in Seville but I taught in a school in Dos Hermanas, the largest town in the Sevillian district.
For this reason I decided to do both Ferie de Abril. But I had the good sense not to eat and drink at the one in Sevilla.
I don’t think my liver could have endured two events that close together. At the Feria you go well dressed, you eat divinely and if you are able you can also dance…
Generally you are invited to the casetas and there you sit at the table with your friends. In Seville there are many private casetas where you can enter only by invitation and others open to all, while in Dos Hermanas I remember many more open casetas.
Always keep in mind that all hotels in Seville are packed during these events, so book well in advance and get organized.

Why go to Seville

Image byi Yanko Peyankov from Pixabay

Now.
I don’t know about you, but I believe that Seville, beyond so much monumental beauty, has a very special charm.
Its friendly and hospitable inhabitants who in 6 months always made me feel at home, even if I was hundreds of kilometers away from home.
My students inviting me out almost every night, then I found kind colleagues and wonderful people all over Andalusia.
It doesn’t take long to understand that, despite some flaws, the true beauty of a city like Seville actually lies in the people who live there, in the goodness , genuineness of the products of its gastronomy and in the beauty of being able to stay in a city where to meet friends in the evening is at least as important as having to get up the next day to go to work. In Seville I appreciated this: the fact that the people thought about enjoying their free time, even knowing that there were also commitments to keep.
In other cities it didn’t work exactly like that…
..and you weren’t even eating so well 😉




Come sopravvivere e divertirsi a Siviglia e in Andalusia da solo per 6 mesi


Sono arrivato a Siviglia in un fresco febbraio di qualche anno fa, dopo aver vinto una borsa di studio Erasmus. Avevo già visitato questa splendida città da turista e l’idea di viverci per qualche mese mi entusiasmava alla follia! Uno dei dubbi che più mi infastidiva (ammesso che qualcosa potesse darmi fastidio di fronte a tutta questa bellezza) era l’idea di poter sopravvivere con la singola borsa di studio mensile che mi offriva la Comunità europea. Dopo aver trovato una stanza che copriva già il 50% delle mie spese, mi sono reso conto che con l’altra metà avrei dovuto sostenere tutto il resto e che, pensavo erroneamente, non sarebbe stato così difficile visto che ero solo in una città sconosciuta, che avrei dovuto lavorare e che vivevo ancora in una zona relativamente economica.


Il mio primo errore di valutazione
Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

Ma niente andò come immaginavo…
Insegnavo italiano in una scuola di lingue a Dos Hermanas, la città più popolosa del distretto di Siviglia e dintorni. A parte tutto quello che non dirò, ricordo che il primo giorno diverse persone a scuola e fuori mi chiesero se avessi qualcuno con cui uscire.

“No, sono appena arrivato e conosco solo te ei miei coinquilini” fu la mia risposta.

Fu così l’inizio di interminabili visite alle taperie di Siviglia e Dos Hermanas, feste locali, notti infinite e fine settimana trascorsi fuori.

Se non per dormire un paio di volte, mangiare e fare la doccia ogni giorno, la mia stanza non era quasi più necessaria….
A un certo punto i miei coinquilini erano diventati degli estranei.

…e adesso?
Photo by Jeff Stapleton on Pexels.com


“…e adesso? ora come ci parli di come sopravvivere in Andalusia con pochi soldi?”

Siviglia è piena di pub, taverne, locali dove mangiare e bere. Una birra ma anche una tapa costano pochissimo e, a meno che non vogliate ingozzarvi tutti i giorni , non spenderete troppo per passare la serata in compagnia. Parlavamo, bevevamo, camminavamo, ascoltavamo musica e, soprattutto, con il tempo scoprivamo nuovi posti.

Ho passato intere domeniche ad ascoltare jazz o a frequentare eventi a cui non avrei mai partecipato da nessun’altra parte, solo perché l’idea di passare qualche ora al caldo con un bicchiere di Tinto de Verano mi rilassava in quel posto. Oppure mi piacevano le persone che frequentavano un certo locale e l’idea che fosse anche economico lo metteva al primo posto per quel giorno.

Siviglia e tutte le città e paesi andaluse hanno molti eventi tradizionali come la Feria. Per un prezzo onesto si mangia e si beve (molto bene) per giorni e giorni, incontrando gente e ballando fino allo sfinimento. Le scuole chiudono e la gente esce presto dal lavoro. Se conosci molte persone hai l’onore di essere invitato e, se sei una ragazza spesso ti viene prestato un abito tradizionale per partecipare all’occasione (molti ne hanno uno che non si adatta più a un membro della famiglia e lo prestano a chi ne è sprovvisto).

Viaggiare e spostarsi economicamente
Photo by gya den on Pexels.com

E se vuoi andare al mare, sappi che da fine marzo in poi in Andalusia rischi già di prenderti una bella scottatura (e te lo dice un italiano cresciuto al mare). Ho trovato passaggi per Tarifa, autobus economici per Cadice e, una volta, anche una Seat ibiza piena di gente che fumava roba piuttosto illegale (credo) che mi ha portato gratis al porto di Algeciras, dove ho preso una nave per il Marocco e ho passato un weekend assurdo a costi super economici (per noi europei).


In breve …
senza dover vivere in casa e nemmeno dover profanare il caveau di famiglia, ce la si può benissimo cavare per qualche mese stando attenti a frequentare buona compagnia e mangiare decentemente. Non so come sia cambiato il mondo dopo il covid ma gli andalusi prima erano persone meravigliose e, non credo siano cambiati con la pandemia!
Poi, per parafrasare Clint Eastwood in uno dei suoi famosi film “Gunny”, vale sempre la regola di base: “improvvisare, adattarsi e raggiungere lo scopo


How to survive and enjoy in Seville and Andalusia on your own for 6 months


I arrived in Seville in a cool February a few years ago, after winning an Erasmus scholarship. I had already visited this splendid city as a tourist and the idea of living there for a few months thrilled me madly!
But one of the doubts that bothered me most (assuming that something could bother me in the face of all this beauty) was the idea of being able to do it with the single monthly figure that the European community offered me.
After finding a room that already covered 50% of my monthly expenses, I realized that with the other half I would have to bear everything else and that, I wrongly assumed, it would not be that difficult considering I was alone in an unfamiliar city, that I would have to work and that I still lived in a relatively cheap area


My first error of assessment
Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

But nothing went as I imagined…
I was teaching Italian in a language school in Dos Hermanas, the most populated town in the district of Seville and its surroundings.
Aside from all that I’m not going to tell, I remember that on the first day, several people at school and away, asked me if I had someone to go out with.

“No, I just arrived and I only know you and my roommates” was my reply.

Thus it was the beginning of endless visits to taperie in Seville and Dos Hermanas, local parties, endless nights and weekends spent out.

If not to sleep a few times, eat and shower every day my room was hardly needed…. At one point my roommates became strangers.

…so what?
Photo by Jeff Stapleton on Pexels.com


“…and now? now how
will you tell us about how to survive in Andalusia on little money?”

Seville is full of pubs, taverns, places to eat and drink. A beer but also a tapa cost very little and, unless you want to gorge yourself (I hope the translation is right), you will not spend too much to spend the evening in company. We talk, drink, walk and listen to music and, above all, over time we discover new places.

I spent whole Sundays to listening to jazz or attending events I would never have attended anywhere else, just because the idea of spending a few hours under the heat with a glass of Tinto de Verano relaxed me in that place.
Or I liked people who frequented a certain place and the idea that it was also cheap put it first for that day.

Sevilla and all the Andalusian cities and towns have many traditional events such as the Feria. For an honest price you eat and drink (very well) for days and days, meeting people and dancing until you are exhausted.
Schools close and people leave work early. If you know a lot of people you have the honor of being invited and, if you are a girl, you are often given a traditional dress to attend the occasion (many have one that no longer fits a member of the family and lend it to those who does not have it).

Getting around cheap
Photo by gya den on Pexels.com

And if you want to go to the beach, know that from the end of March onwards in Andalusia you risk already getting a good burn (and an Italian who grew up at the sea tells you this).
I found passes to Tarifa, cheap buses to Cadiz and, once, even a Seat ibiza full of people who smoked illegal stuff (I think) that took me for free to the port of Algeciras, where I took a ship to Morocco and spent an absurd weekend at super cheap costs (for us Europeans).


In short …
without having to live indoors or even having to desecrate the family vault, you can very well get by for a few months by being careful to attend good company and eat decently.
I don’t know how the world changed after the covid but the Andalusians were wonderful people before and, I don’t think they changed with the pandemic! Then, to paraphrase Clint Eastwood in one of his famous “Gunny” films, the basic rule always applies: “improvise, adapt and reach the goal”