7 good reasons to visit Bologna

Bologna is the city of towers also called the “learned”, the “red” and the “fat” and, so far, nothing new. But have you ever wondered what is so beautiful in Bologna besides a plate of tortellini (in broth) or one of the oldest universities in the world?

1. The arcades

Image by gustavozini from Pixabay

Bologna is much more than some famous monument that the Emilian capital can show off to the world. Bologna from July 2021 has finally seen its infinite kilometers of arcades (38 + 15) recognized by UNESCO which has included them in its exclusive list of world heritage sites.
The arcades of Bologna are not only a typical architectural beauty of the city, but also a monument for the citizens who have always felt “protected” by them
Imagine being able to visit the shops in the center and go shopping on rainy days without worrying about bringing an umbrella while 38 km of arcades in the historic center will cover you. And if you want to take a nice walk up to San Luca, here too you will find other arcades starting from Porta Saragozza and then from the Arco del Meloncello to the Sanctuary.

2.The culinary tradition

Tortellini
Photo by Francescolainok from Adobe stock

I cannot deny, however, that Bologna has a great reputation for its rich and delicious culinary tradition and, if like myself you have had a Bolognese grandmother, you can only confirm everything and add more.
Those who come to visit Bologna expect to find excellent lasagna, traditional tortellini and maybe even the typical mortadella of the city. Over time, the tradition has become somewhat lost, in the sense that lasagna with green pasta, béchamel and Bolognese sauce, with slow cooking from the time of our grandparents, have given way to some slightly more “neglected” and rapid.
Tortellini, which in the Bolognese tradition should be prepared strictly with broth or in the variant with cream, have been “raped” with some sauce or even with meat sauce.
In the city there are excellent restaurants, but also some “tourist traps” which, as in every city in the world, exist and survive the purpose. Personally, I find the farmhouses a little out of town very tasty, but as an inveterate traveler that I am, I understand that without a rental car or a good network of public transport, it is difficult to get anywhere.

3. The hills

Image by alexnetit from Pixabay

While we are on the subject of travel. If you come to Bologna you absolutely cannot miss the Bolognese hills (yes! Those of Cesare Cremonini’s song called “50 Special”).
The Bolognese hills are the greenest part of Bologna and the area where the richest people of the city usually live. In spring and summer it becomes a bit of a destination for everyone to find some lawn to relax and cool off with the air of the hills, while in the evening many go there to admire the city with the lights of the night.
Tradition has it that bringing your partner on the hills is not a good omen and probably after this event the couple will separate. I don’t know how true that is but, for some it “worked”.

4. Monuments and legends

Canal Bologna, Piella street – Italy – Hdr

In Bologna there is water.
If you want to see it with your own eyes, all you have to do is walk along via Indipendenza (the shopping street in Bologna) and when you are about halfway through, look for via Piella, a small street parallel to it. Here is a window (or a bridge on the opposite side) where you can see an underground canal of the city. With a little patience you can also take some photos (there is often a queue of people). Some argue instead that Bologna is empty in its subsoil and nothing is enough to make it sink. For this reason we cannot think of a subway line or underground works of a certain importance.
The university tradition has instead two important (among others) myths about the city: If you are a student in Bologna, it is bad luck to cross Piazza Maggiore (the one in front of San Petronio to be clear) diagonally and it is not recommended to climb the two Towers until you graduate. I know people who have tried to dispel these myths and still got the coveted degree, but it depends on how superstitious you are to decide what to do.

You can always ask Neptune for advice first and … who knows who won’t answer you!

5. The sea

Rimini…Photo by Fabio Tura on Unsplash

If you are born or come to live in Bologna then you will end up falling in love with the sea and Romagna.
The sea is not that of the Caribbean but the people are wonderful and you can eat like God here too!
Rimini is an hour and a half away by train, the Ravenna Riviera (Cervia, Milano Marittima and Cesenatico) about eighty kilometers away, while the Ferrara coast and the Po Delta, a little further away but always excellent for a weekend or a day trip.
The sea of Romagna for the Bolognese (but also for all Emilians) is a must that cannot be missed in spring and summer. The piadina, the beach, the trips in the pine forest, the evenings out and … the long queues on the highway on Sunday to return …
But it’s always worth it …

6. Car and motorcycle

Lamborghini Museum…Photo by Toni Zaat on Unsplash

If you are passionate about motors, Bologna and a large part of Emilia Romagna are good fertile ground. Arriving at Marconi airport you will already notice how important Lamborghini is in the area. A 640 horsepower Huracàn Evo with the inscription “follow me in our beautiful Country” whizzes through the runways of the Bologna airport “piloting” the airliners towards the gates. But it does not end there, because next to one of the entrance (or exit) doors of the airport you will also find a small space with two Lamborghinis on display and a small shop dedicated to the car manufacturer from Sant’Agata Bolognese..
In the museum Lamborghini instead there is the story of the founder Tonino Lamborghini and his engineering works. From the beginning, when he started creating tractors, then moving on to cars: the Miura, the legendary Countach and much more.

Borgo Panigale is home to one of the most famous motorcycle manufacturers in the world: Ducati. Here too you will find a large dedicated space with museum and Factory .
A few tens of kilometers from Bologna you reach Modena, where the heart of other Italian supercars beats. The best known is undoubtedly Ferrari. In Maranello there is the test track for the Formula 1 single-seaters and one of the two museums(the other is in Modena not far from the train station) which contain the whole history of what is the tradition of one of the most important car manufacturers in the world.
If you were not satisfied yet, you can go to the Imola racetrack where the formula 1 circus has returned for a couple of years. Near the Tamburello curve you can also find a bronze statue dedicated to Ayrton Senna who lost his life here in an accident in 1994.

7. The scents of the city

Image by francesco lucignano from Pixabay

Bologna has a different smell for every corner of the city or the province you walk through.
The scent of roasted chestnuts at Christmas along via Indipendenza or that of pizza by the slice in front of Altero.
Bologna smells of alcohol at night in the university area or dog piss (will they be dogs?) Under some porch.
The scent of hot croissants in the morning at 6.30 in via Carracci that I never understood where it comes from or the smell of the basement of the central station.
Bologna smells like the evening in the hills. So much so that one would want to get out of the car even if it is already late just to breathe and smell that beautiful scent of nature.
Bologna smells of burning fireplaces, of Christmas holidays and, when summer arrives, even of torrid asphalt …

… but above all … Bologna smells like home …

7 buoni motivi per visitare Bologna

Bologna è la città delle torri chiamata anche la “dotta”, la “rossa” e la “grassa” e, fin qui niente di nuovo. Ma vi siete mai chiesti cos’abbia di tanto bello Bologna oltre a un piatto di tortellini ( in brodo) o una delle università più antiche del mondo?

1. I portici

Image by gustavozini from Pixabay

Bologna è molto più di qualche famoso monumento che il capoluogo emiliano possa sfoggiare dinnanzi al mondo.
Bologna dal luglio del 2021 ha finalmente visti riconosciuti i suoi infiniti chilometri di portici ( 38 + 15) dall’UNESCO che li ha inclusi nella sua esclusiva lista dei patrimoni dell’umanità.
I portici di Bologna, non sono solo una bellezza architettonica tipica della città, ma anche un monumento per i cittadini che da sempre si sentono “protetti” da essi.
Immaginate di poter visitare i negozi del centro e far shopping nei giorni di pioggia senza preoccuparvi di portare l’ombrello mentre 38 km di portici del centro storico pensano a coprirvi. Se poi volete fare una bella passeggiata fino a San Luca, anche qui troverete altri portici partendo da Porta Saragozza e poi dall’Arco del Meloncello fino al Santuario.

2.La tradizione culinaria

Tortellini
Photo by Francescolainok from Adobe stock

Non posso negare però, che Bologna ha una grande nomea per la sua ricca e deliziosa tradizione culinaria e, se come il sottoscritto avete avuto una nonna bolognese, non potete che confermare tutto e aggiungere altro.
Chi viene a visitare Bologna si aspetta di trovare ottime lasagne, i tradizionali tortellini e magari anche la mortadella tipica della città.
Con il tempo la tradizione è un po’ andata smarrendosi, nel senso che le lasagne con pasta verde,besciamella e ragù alla bolognese, con cottura lenta dei tempi dei nostri nonni, hanno lasciato spazio a qualche variante un po’ più “trascurata” e veloce.
I tortellini, che nella tradizione bolognese andrebbero preparati unicamente col brodo o nella variante con la panna, sono stati “violentati” con qualche salsa o addirittura col ragù.
In città ci sono ottimi ristoranti, ma anche qualche “trappola per turista” che, come in ogni città del mondo, esiste e sopravvive allo scopo.
Personalmente, trovo gustosissimi gli agriturismi un po’ fuori città, ma da viaggiatore incallito quale sono, capisco che senza auto a noleggio o una buona rete di mezzi pubblici, sia difficile arrivare ovunque.

3. I colli

Image by alexnetit from Pixabay

Già che siamo in tema di spostamenti. Se venite a Bologna non potete perdere assolutamente i colli bolognesi ( si! quelli della canzone di Cesare Cremonini “50 Special”).
I colli bolognesi sono la parte più verde di Bologna e la zona dove in genere abita la gente più ricca della città.
In primavera ed estate diventa un po’ meta per tutti per trovare qualche prato per rilassarsi e rilnfrescarsi con l’aria delle colline, mentre la sera molti ci vanno per ammirare la città con le luci della notte.
La tradizione narra che portare il proprio partner sui colli non sia di buon auspicio e probabilmente dopo tale evento la coppia si separerà.
Non so quanto sia vero ma, per alcuni ha “funzionato”.

4 I monumenti e le leggende

Canal Bologna, Piella street – Italy – Hdr

A Bologna c’è l’acqua. Se volete vederla con ivostri occhi non dovete fare altro che passeggiare lungo via Indipendenza ( la via dello shopping bolognese) e arrivati circa a metà cercare via Piella, una piccola via parallela ad essa.
Qui c’è una finestrella ( o un ponte dal lato opposto) dove potere vedere un canale sotterraneo della città. Con un po’ di pazienza potrete fare anche qualche foto ( c’è spesso la coda di gente).
Alcuni sostengono invece che Bologna sia vuota nel suo sottosuolo e basti niente per farla sprofondare. Per questo motivo non si può pensare ad una linea di metropolitana o a lavori sotterranei di un certo rilievo.
La tradizione universitaria ha invece due importanti ( tra gli altri) miti sulla città:
Se siete studenti a Bologna porta sfortuna attraversare Piazza Maggiore ( quella di fronte a San Petronio per intenderci) in senso diagonale e non è consigliato salire sulle due Torri finchè non siete laureati.
Conosco gente che ha provato a sfatare questi miti e ha ottenuto comunque l’ambito titolo di studio, ma dipende da quanto siete superstizioni decidere il da farsi.
Potete sempre chiedere prima consiglio al Nettuno e…chissà che non vi risponda!

5. Il mare

Rimini…Photo by Fabio Tura on Unsplash

Se nascete o venite a vivere a Bologna poi finirà che vi innamorerete del mare e della Romagna. Il mare non è quello dei Caraibi ma la gente è stupenda e si mangia da Dio anche qui!
Rimini è a un’ora e mezza di treno, la riviera ravennate ( Cervia, Milano Marittima e Cesenatico) a un’ottantina di chilometri, mentre la costa ferrarese e il Delta del Po, poco più distanti ma sempre ottimi per un weekend o una gita di una giornata.
Il mare della Romagna per i bolognesi ( ma anche per tutti gli emiliani) è un must che in primavera e estate non può mancare. La piadina, la spiaggia, le gite in pineta, le serate fuori e…le lunghe code in autostrada la domenica al rientro…
Ma ne vale sempre la pena…

6. I motori

Lamborghini Museum…Photo by Toni Zaat on Unsplash

Se siete appassionati di motori, Bologna e buona parte dell’Emilia Romagna sono un buon terreno fertile. Arrivando all’aeroporto Marconi noterete già quanto importante è la Lamborghini sul territorio. Una Huracàn Evo da 640 cavalli con la scritta “follow me in our beautiful Country” sfreccia tra le piste dello scalo bolognese “pilotando” gli aerei di linea verso i gates.
Ma non finisce qui, perchè di fianco a una delle porte d’ingresso ( o di uscita) dell’aeroporto troverete anche un piccolo spazio con due Lamborghini esposte e un piccolo shop dedicato alla casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese.
Il museo Lamborghini si trova invece la storia del fondatore Tonino Lamborghini e delle sue opere ingegneristiche. Dall’inizio, quando partì creando trattori, passando poi alle auto: la Miura, la mitica Countach e tanto altro ancora.

Borgo Panigale ospita una delle case motociclistiche più famose del mondo: la Ducati. Anche qui potrete trovare un grande spazio dedicato con museo e Factory .
Qualche decina di chilometri da Bologna si raggiunge Modena, dove batte il cuore di altre supercar italiane. La più conosciuta è senza dubbio la Ferrari. A Maranello c’è la pista di prova delle monoposto di Formula 1 e uno dei due musei ( l’altro è a Modena non distante dalla stazione dei treni) che racchiudono tutta la storia di quella che è la tradizione di una delle case automobilistiche più importanti del mondo.
Non foste ancora sazi potete andare all’autodromo di Imola dove è tornato il circo della formula 1 da un paio di anni. Nei pressi della curva del Tamburello potete trovare anche una statua in Bronzo dedicata ad Ayrton Senna che qui perse la vita in un incidente nel 1994.

7. I profumi della città

Image by francesco lucignano from Pixabay

Bologna ha un odore diverso per ogni angolo di città o della provincia che percorriate. Il profumo delle castagne arrosto a Natale lungo via Indipendenza o quello della pizza al taglio di fronte ad Altero.
Bologna puzza d’alcool la notte in zona universitaria o di piscio di cane ( saranno poi cani?) sotto qualche portico.
Il profumo dei cornetti caldi la mattina alle 6.30 in via Carracci che non ho mai capito da dove arriva o l’odore dei sotterrani della stazione centrale.
Bologna profuma la sera in collina. Così tanto che verrebbe voglia di scender dalla macchina anche se è già tardi solo per respirare e sentire quel bel profumo di natura. Bologna profuma di camini accesi, di feste natalizie e, quando arriva l’estate, anche di asfalto torrido…

…ma soprattutto…Bologna profuma di casa…