Sanlúcar de Barrameda is Spain’s gastronomic capital of 2022

Sanlúcar, located in the province of Cádiz, near the mouth of the Guadalquivir River, is a privileged city with a rich cultural and monumental heritage as it is located on the trade route to America. It witnessed the third voyage of Christopher Columbus and the port of departure and arrival of the Magellan and Elcano expedition.
In 2022 there will be the commemorative acts of the V Centenary of the First World Tour (1519-1522). Its environmental environment has as its emblem the Doñana National Park, which is accessed by crossing the Guadalquivir river, and the La Algaida e Pinar Natural Park, a sort of natural ring that constitutes one of the green lungs of Andalusia, declared by UNESCO. as a Biosphere Reserve in 1980.

To these attractions is added its rich gastronomy, with exceptional and exclusive products such as Prawns and Manzanilla, a perfect combination that extends beyond the Andalusian borders and is one of the reasons why thousands of tourists come to this place. At the end of last year it was announced that Sanlúcar would become the new World Capital of Gastronomy for 2022.
The appointment was made official on the occasion of Fitur, the International Tourism Fair held in Madrid from 19 to 23 January. The Spanish Capital of Gastronomy (CEG) distinction was created by the Spanish Federation of Tourism Journalists and Writers (FEPET) and the Spanish Hospitality Federation (FEHR).

The purpose of this initiative is to contribute to the dissemination of the gastronomic offer of the city that each year holds the title, to propose actions that help increase tourism figures (Sanlúcar receives more than 80,000 tourists a year) and to enhance the programs of gastronomic excellence. The gastronomy thus becomes a perfect complement to the complete offer for leisure and party, highlighting the Manzanilla Fair, the boarding of the brotherhoods of El Rocío or the famous horse races on the beaches of the municipality, declared of International Tourist Interest in 1997. The historical significance of Sanlúcar, a crossroads of cultures and an ancient port of American commerce, is perceived at every step that takes place in its urban fabric.
The palaces, noble residences, defensive buildings and historic gardens mix with ancient cellars, from which the soft aroma of Manzanilla is released. The Doñana National Park, in addition to promoting natural tourism practically all year round, is also one of the keys to the richness of Sanlúcar’s gastronomy. Phoenicians, Romans and Arabs contributed the ingredients to the indigenous cuisine. The Christian reconquest encouraged the production of wine, which after centuries of skilful work, was consumed in the admirable diversity of current wines, among which the singular Manzanilla stands out.
The gastronomic evolution does not stop there, as after becoming one of the main American commercial ports and hosting numerous expeditions abroad, Sanlúcar once again sees its kitchens enriched with all the variety of spices, fruits and vegetables that have arrived. on the Andalusian coasts, before many other places in the Old World. Peppers, tomatoes and potatoes have given their latest impetus to both local gastronomy and agricultural production.

Corsa di cavalli a Sanlucar
Sanlúcar on horseback

Horse races on the beaches of Sanlúcar de Barrameda at the mouth of the Guadalquivir river, the ancient Betis, are the oldest in the country and have been held since 1845. They are the only races in which thoroughbreds have the opportunity to compete in a unique setting: a natural hippodrome over 6 kilometers long with the Doñana National Park and the sunsets in the background.

The flavors of Sanlúcar

The vast gastronomic offer of Sanlúcar is based on three important pillars: the products of its garden, those of its cellars and the fish of the Andalusian sea. Sanlúcar’s fish and shellfish, including shrimp, have a reputation that has transcended city borders. In Sanlúcar, the products themselves are as famous as the dishes prepared with them that form their culinary basis, rich stews with an authentic maritime flavor such as sour orange skate, monkfish with fried bread, galley soup, etc. . These dishes are generally washed down with the local wine, Manzanilla, as well as other types of table wine, which have a lower alcohol content and lighter color but have a unique flavor.

Sanlúcar de Barrameda is historically integrated into the Designations of Origin Jerez, Vinagre, Brandy de Jerez and Manzanilla de Sanlúcar de Barrameda. The cellars of Sanlúcar enjoy the constructive singularity of those found throughout the Marco de Jerez. These are high and well ventilated cellars, supported by slender pillars which give them their characteristic appearance. The city has recently equipped itself with a new enotourist resource: the Manzanilla Interpretation Center (CIMA) which includes about twenty wineries in the city and which, located next to the food market, offers visitors the opportunity to learn about the elaboration process. and aging of this unique wine.

Gamberi di Sanlucar
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
IThe shrimp. The king of the sea and of Sanlúcar gastronomy

The Sanlúcar Shrimp is one of the kings of Cadiz cuisine, one of the products of the local gastronomy that has crossed borders to conquer not only the palates of the thousands of tourists who visit the municipality every year, but also the kitchens of nationally renowned chefs and international prestige, which have included it in their menu as a flagship product.
Its scientific name is Penaeus kerathurus and it is a medium-sized, edible, highly prized crustacean of high commercial value. What does the Sanlúcar shrimp have that makes it so valuable? The answer is easy: its flavor, a property conferred by its habitat: the Guadalquivir River estuary. It is a crustacean that is mainly eaten fresh. Its meat is very valuable. Cooked, fried, or as part of any traditional fish stew, it’s always a good option.
At Casa Bigote, reference point of Sanlúcar gastronomy, winner of the Bib Gourmand award from the Michelin Guide and a Sole from the Repsol Guide, they bet on cooked or fried preparation.

Manzanilla a unique and very special wine

Manzanilla is another of Sanlúcar de Barrameda’s “named” products. The vineyards, divided into “pagos”, grow centuries-old on albariza land (a land north of Jerez ideal for growing grapes). Sanlúcar currently has more than twenty wineries, which feed either on their own vineyards or on the must of palomino grapes (white grape from which Jerez and Manzanilla wines are produced).

The Sanlúcar marinera, seafood products and stews

Sanlúcar cuisine is a cuisine linked to tradition. A cuisine of maritime origin that finds a prominent role in homes. The special way of preparing fish in the municipality deserves a separate chapter. Frying the fish, with the right tip, reaches an almost sublime point and allows you to appreciate the textures of the different species, from acedías, tapaculos, pijotas, puntillitas, cuttlefish or mullet
Now these stews arrive from Sanlúcar all over the world thanks to the Senra family, who have innovated and introduced traditional seafood recipes in canning jars that only need to be heated to be consumed, bringing a little of the flavor of il more marine Sanlúcar.



The food market, the epicenter of Sanluqueña gastronomy

It is located in the heart of the commercial area of the Historical Complex of Sanlúcar de Barrameda. It is a municipal building occupying an area of almost 1,400 square meters, built in the 18th century and renovated three times, in the 19th, 20th and 21st centuries. The business returned to this square in June 2018 and has remained the hub of the city’s commercial and food and wine activity ever since. It has twenty-four fish stalls, twelve butchers, ten greengrocers, three frozen foods, one spices, one olives, sweets …
What stands out most is the seafood, not only for the quantity, but also for the raw material it offers. The excellent raw material that the Sanluqueños placeros display daily in their facilities has transformed the country’s Mercado de Abastos into a reference place for Sanluqueños and visitors who take advantage of the passage through the city to stock up on the best delicacies of the territory and the sea.

The sweet Sanlúcar

There is no self-respecting food that does not end with a dessert and Sanlúcar, among its many gastronomic charms, offers us in this field a variety characterized by the artisanal character and the quality of its raw materials. The walls of the convents of the many religious orders that were established under the patronage of the Ducal House of Medina Sidonia, preserve a large part of these sweet recipes.
The desserts made in an artisanal way by the nuns of the monasteries of Madre de Dios – offered to customers through their lathes – or of the convent of Regina Coeli have allowed to perpetuate over time unique flavors such as egg yolks, tocino de cielo, donuts with almonds, shortbread, pestiños, white donuts, cocadas-, which have been making for more than 40 years and which dazzle those who try them.
Alpisteras are one of the most typical sweets of Sanlúcar de Barrameda, traditional of Holy Week and which derive their sweetness from a touch of syrup. The dessert continues with an artisanal ice cream, enjoying the city of two legendary companies such as La Ibense Bornay – which exported its ice cream to Dubai – or Helados Toni, where the third generation indulges the wishes of the little ones behind the counter.

Tocino de cielo
Tocino de cielo
Plaza del Cabildo: a stroll through the tapas cathedral

Epicenter of the city, the Plaza del Cabildo is the gastronomic emblem par excellence of Sanlúcar together with the Bajo de Guía. The typical shrimp tortillas of Casa Balbino are memorable. And of the delicacy with a taste of the sea, in another of the corners of this cathedral, you can taste the authentic potatoes of Sanlúcar, aliñás, with a little onion and parsley, a good oil, sherry vinegar, loins of melva and game is done: the flagship product of Barbiana. Another of the classics of gastronomy is the Bar La Gitana. The well-known manzanilla gives its name to a winery that has gradually become another of the references of this square, offering excellent fried ortiguille.

Sanlúcar de Barrameda è la capitale gastronomica di Spagna del 2022

Sanlúcar, situata nella provincia di Cádiz, vicino alla foce del fiume Guadalquivir, è una città privilegiata con un ricco patrimonio culturale e monumentale poiché si trova sulla rotta commerciale verso l’America. Fu testimone del terzo viaggio di Cristoforo Colombo e porto di partenza e di arrivo della spedizione di Magellano ed Elcano.
Nel 2022 ci saranno gli atti commemorativi del V Centenario del Primo Giro del Mondo (1519-1522). Il suo ambiente ambientale ha come emblema il Parco Nazionale di Doñana, a cui si accede attraversando il fiume Guadalquivir, e il Parco Naturale La Algaida e Pinar, una sorta di anello naturale che costituisce uno dei polmoni verdi dell’Andalusia, dichiarato dall’ UNESCO come Riserva della Biosfera nel 1980.

A queste attrattive si aggiunge la sua ricca gastronomia, con prodotti eccezionali ed esclusivi come Gamberi e Manzanilla, un connubio perfetto che si estende oltre i confini andalusi ed è uno dei motivi per cui migliaia di turisti vengono in questa località. Alla fine dello scorso anno è stato annunciato che Sanlúcar sarebbe diventata la nuova Capitale Mondiale della Gastronomia per il 2022.
La nomina è stata ufficializzata in occasione di Fitur, la Fiera Internazionale del Turismo che si tiene a Madrid dal 19 al 23 gennaio. La distinzione di Capitale spagnola della gastronomia (CEG) è stata creata dalla Federazione spagnola dei giornalisti e scrittori turistici (FEPET) e dalla Federazione spagnola dell’ospitalità (FEHR).

Lo scopo di questa iniziativa è di contribuire alla diffusione dell’offerta gastronomica della città che ogni anno detiene il titolo, di proporre azioni che aiutino ad aumentare le cifre del turismo (Sanlúcar riceve più di 80.000 turisti all’anno) e di valorizzare i programmi di eccellenza gastronomica . La gastronomia diventa così un complemento perfetto dell’offerta completa per il tempo libero e la festa, mettendo in evidenza la Fiera Manzanilla, l’imbarco delle confraternite di El Rocío o le famose corse di cavalli sulle spiagge del comune, dichiarato di Interesse Turistico Internazionale nel 1997.
Il significato storico di Sanlúcar, crocevia di culture e antico porto del commercio americano, si percepisce ad ogni passo che si compie nel suo tessuto urbano. I palazzi, le dimore nobiliari, gli edifici difensivi e i giardini storici si mescolano ad antiche cantine, dalle quali si sprigiona il morbido aroma di Manzanilla. Il Parco Nazionale di Doñana, oltre a promuovere il turismo naturale praticamente tutto l’anno, è anche una delle chiavi della ricchezza della gastronomia di Sanlúcar.
Fenici, romani e arabi hanno contribuito con gli ingredienti alla cucina autoctona. La riconquista cristiana incoraggiò la produzione del vino, che dopo secoli di sapiente lavoro, venne consumato nella mirabile diversità dei vini attuali, tra i quali spicca il singolare Manzanilla. L’evoluzione gastronomica non si ferma qui, poiché dopo essere diventato uno dei principali porti commerciali americani e aver ospitato numerose spedizioni all’estero, Sanlúcar vede ancora una volta le sue cucine arricchite con tutta la varietà di spezie, frutta e verdura che è arrivata sulle coste andaluse, prima di molte altre luoghi del Vecchio Mondo. Peperoni, pomodori e patate hanno dato il loro ultimo impulso sia alla gastronomia locale che alla produzione agricola.

Corsa di cavalli a Sanlucar
Sanlúcar a cavallo

Le corse di cavalli sulle spiagge di Sanlúcar de Barrameda alla foce del fiume Guadalquivir, l’antico Betis, sono le più antiche del territorio nazionale e si svolgono dal 1845. Sono le uniche corse in cui i purosangue hanno l’opportunità di gareggiare in un ambiente unico: un ippodromo naturale lungo oltre 6 chilometri con il Parco Nazionale di Doñana e i tramonti sullo sfondo.

I sapori di Sanlúcar

La vasta offerta gastronomica di Sanlúcar si basa su tre pilastri importanti: i prodotti del suo orto, quelli delle sue cantine e il pescato del mare andaluso. Il pesce e i crostacei di Sanlúcar, e tra questi i gamberi, hanno una reputazione che ha trasceso i confini cittadini.
A Sanlúcar, i prodotti stessi sono famosi quanto i piatti preparati con essi che ne costituiscono la base culinaria, ricchi stufati dall’autentico sapore marinaro come il pattino all’arancia acida, la coda di rospo con pane fritto, la zuppa di cambusa, ecc. Questi piatti sono generalmente innaffiati con il vino locale, Manzanilla, così come altri tipi di vino da tavola, che hanno una gradazione alcolica inferiore e un colore più chiaro ma hanno un sapore unico.

Sanlúcar de Barrameda è storicamente integrato nelle Denominazioni di Origine Jerez, Vinagre, Brandy de Jerez e Manzanilla de Sanlúcar de Barrameda. Le cantine di Sanlúcar godono della singolarità costruttiva di quelle che si trovano in tutto il Marco de Jerez. Si tratta di cantine alte e ben ventilate, sostenute da snelli pilastri che conferiscono loro il caratteristico aspetto. Di recente la città si è dotata di una nuova risorsa enoturistica: il Centro di Interpretazione Manzanilla (CIMA) che comprende una ventina di cantine della città e che, situato accanto al mercato alimentare, offre ai visitatori l’opportunità di conoscere il processo di elaborazione e invecchiamento di questo vino unico.

Gamberi di Sanlucar
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Il gambero. Il re del mare e della gastronomia di Sanlúcar

Il Gambero di Sanlúcar è uno dei re della cucina di Cadice, uno dei prodotti della gastronomia locale che ha varcato i confini per conquistare non solo i palati delle migliaia di turisti che visitano il comune ogni anno, ma anche le cucine di chef di fama nazionale e prestigio internazionale, che l’hanno inserita nel loro menu come prodotto di punta.
Il suo nome scientifico è Penaeus kerathurus ed è un crostaceo di medie dimensioni, commestibile, molto apprezzato e di alto valore commerciale. Cosa ha il gambero Sanlúcar che lo rende così prezioso? La risposta è facile: il suo sapore, una proprietà conferita dal suo habitat: l’estuario del fiume Guadalquivir.
È un crostaceo che si consuma prevalentemente fresco. La sua carne è molto pregiata. Cotto, fritto o come parte di qualsiasi tradizionale stufato di pesce, è sempre una buona opzione.
A Casa Bigote, punto di riferimento della gastronomia di Sanlúcar, vincitrice del premio Bib Gourmand della Guida Michelin e un Sole della Guida Repsol, scommettono sulla preparazione cotto o fritto.

Manzanilla un vino unico e molto speciale

Manzanilla è un altro dei prodotti “di nome ” di Sanlúcar de Barrameda. I vigneti, divisi in “pagos”, crescono secolari su terreno albariza ( un terreno a nord di Jerez ideale per la coltivazione della vite). Sanlúcar ha attualmente più di venti aziende vinicole, che si nutrono o dei propri vigneti o del mosto di uve palomino ( uva bianca dalla quale si producono vini di Jerez e Manzanilla).

La Sanlúcar marinera, prodotti e stufati di mare

La cucina Sanlúcar è una cucina legata alla tradizione. Una cucina di origine marittima che trova un ruolo di primo piano nelle case.
Un capitolo a parte merita il modo speciale di preparare il pesce nel comune. La frittura del pesce, con la punta giusta, raggiunge un punto quasi sublime e permette di apprezzare le consistenze delle diverse specie, da acedías, tapaculos, pijotas, puntillitas, seppie o triglie
Ora questi stufati arrivano da Sanlúcar in tutto il mondo grazie alla famiglia Senra, che ha innovato e introdotto le ricette tradizionali di mare in barattoli da conserve che devono solo essere riscaldati per essere consumati, portando in tutte le case un po’ del sapore della il più marino Sanlúcar.



Il mercato alimentare, l’epicentro della gastronomia Sanluqueña

Si trova nel cuore della zona commerciale del Complesso Storico di Sanlúcar de Barrameda. Si tratta di un edificio comunale che occupa una superficie di quasi 1.400 mq, edificato nel 18° secolo e ristrutturato tre volte, nel 19°, 20° e 21° secolo.
L’attività è tornata in questa piazza nel giugno 2018 e da allora è rimasta il fulcro dell’attività commerciale ed enogastronomica della città.
Ha ventiquattro bancarelle di pesce, dodici macellerie, dieci fruttivendoli, tre surgelati, una spezie, una olive, dolci… Quello che spicca di più è la parte ittica, non solo per la quantità, ma anche per la materia prima che offre. L’eccellente materia prima che i Sanluqueños placeros espongono quotidianamente nelle loro strutture ha trasformato il Mercado de Abastos del paese in un luogo di riferimento per Sanluqueños e visitatori che approfittano del passaggio per la città per fare scorta delle migliori prelibatezze del territorio e del mare. .

La Sanlúcar dolce

Non esiste cibo che si rispetti che non si esaurisca con un dessert e Sanlúcar, tra i suoi numerosi incanti gastronomici, ci offre in questo campo una varietà caratterizzata dal carattere artigianale e dalla qualità delle sue materie prime. Le mura dei conventi dei tanti ordini religiosi che si costituirono sotto il patrocinio della Casa Ducale di Medina Sidonia, custodiscono gran parte di queste dolci ricette. I dolci realizzati in maniera artigianale dalle monache dei conventi di Madre de Dios – offerti ai clienti tramite i loro torni – o del convento di Regina Coeli hanno permesso di perpetuare nel tempo sapori unici come tuorli, tocino de cielo, ciambelle alle mandorle, frollini, pestiños, ciambelle bianche, cocadas-, che fanno da più di 40 anni e che abbagliano chi li prova.
Le alpisteras sono uno dei dolci più tipici di Sanlúcar de Barrameda, tradizionale della Settimana Santa e che traggono la loro dolcezza da un tocco di sciroppo. Il dolce prosegue con un gelato artigianale, godendosi la città di due mitiche aziende come La Ibense Bornay – che ha esportato il suo gelato a Dubai – o Helados Toni, dove la terza generazione asseconda i desideri dei più piccoli dietro il bancone .

Tocino de cielo
Tocino de cielo
La Plaza del Cabildo: una passeggiata attraverso la cattedrale delle tapas

Epicentro della città, la Plaza del Cabildo è l’emblema gastronomico per eccellenza di Sanlúcar insieme al Bajo de Guía.
Memorabili le tipiche tortillas di gamberi di Casa Balbino. E della prelibatezza al gusto di mare, in un altro degli angoli di questa cattedrale, potrete gustare le autentiche patate di Sanlúcar, aliñás, con un po’ di cipolla e prezzemolo, un buon olio, aceto di sherry, dei lombi di melva e il gioco è fatto : il prodotto di punta della Barbiana.
Un altro dei classici della gastronomia è il Bar La Gitana. La nota manzanilla dà il nome ad un’azienda vinicola che è via via diventata un altro dei riferimenti di questa piazza, proponendo delle ottime ortiguille fritte.