Holy Week in Cádiz: hidden beauty

In the ten days between the Friday of Sorrows and the Sunday of the Resurrection, a total of 29 brotherhoods and a Section of Penance walk the streets of Cádiz. In total there are 52 steps and more than 10,000 people in procession. Both the images and the passages they pass through are authentic heritage jewels, some of which are more than 5 centuries old. As an Andalusian, Holy Week in Cádiz has a number of characteristics common to those of the rest of the region: color, music, the very passion of Andalusia is clearly reflected in Holy Week itself. But there are also several factors that make Holy Week special and different here.

We must start with the geographical position of Cádiz, a peninsula surrounded by the sea on all four sides with the exception of the isthmus that connects it to San Fernando (another island by the way) and the two bridges that connect it to Puerto Real . It is difficult to walk more than 10 minutes through the streets of downtown Cádiz without bumping into the sea, whether in the form of a beach or a balcony. The Holy Week tours are no exception and there are many brotherhoods and herndadas who have their penance station near the Cathedral by the sea. On many occasions they also coincide with the sunset, which allows you to enjoy unique images that cannot be seen in other cities. The light of Cádiz is different and Benito Rodríguez Gatiu, biographer of the great Ortega Bru, says that the image maker of San Roque spent several days in Cádiz observing how the light fell on objects to create the majestic Christ of forgiveness.

Semana Santa Cadiz
Sanidad-Ramon Sanchez

The city of Cádiz leaves all who visit it enchanted: its shape, its small size, its layout, its mixture of architectural styles resulting from its long existence of over 3,000 years make the city a treasure to be discovered at every step , at every corner, every square, every street has its history and Holy Week accompanies the visitor in all those places.
The vast majority of the temples are located in the historic center, the part of Cádiz of greatest tourist interest, a secluded area easily accessible on foot, practically flat and in which hotels and unique accommodations abound. For this reason, Holy Week is the ideal time to discover the three millennia old city which, when spring arrives, puts away the mask and pito (traditionally used for Carnival) and takes out the hood and the incense (which are used for Holy Week).

La imaginería

In addition to the city itself, Holy Week in Cádiz is characterized by impressive and sometimes unknown images. We must start from the assumption that during the 17th, 18th and 19th centuries the city was the main port of Spain with America, which made Cádiz a rich and prosperous city where merchants and artists from all over Europe came to embark for the Americas. . Many have left their mark here with priceless images. Unfortunately, the city has also suffered attacks such as that of the Anglo-Dutch fleet in 1596, the tsunami of Lisbon in 1755, the attacks of the radicals during the Second Republic and the subsequent Civil War who got fat with images, heritage of brotherhoods and temples. of the city. The oldest claim that the Nazarene of Cádiz himself was thrown on a pyre lit by the radicals in the preludes to the Civil War and that some brave inhabitants of the Santa María neighborhood pulled him out of the flames by dragging him by the hair.
His head and his hands were then hidden in a bucket at the bottom of a well on Calle Botica for months until it could be recovered and restored. Every Good Friday morning, el Greñuo, as the Lord is known to him in Cádiz, passes in front of that house on Calle Botica as a sign of gratitude. A great heritage was lost, perhaps the most precious and oldest, but fortunately another part was saved that continues today. The oldest image of Cádiz is the Lord of Sentence, in procession on Holy Wednesday and dated to the end of the 15th century. For antiquity and quality, two works by Jacinto Pimentel should be mentioned: the Christs of the brotherhoods of Humility and Patience and Columna, both of the seventeenth century. You just need to see them to realize their age, value and quality. But if there is a Christ in Cádiz that arouses the interest of all, regardless of their faith, it is that of the Good Death that is venerated in the church of San Agustín and that on Good Friday parades in the dark, with the only light of the its four aces.
Much has been written about this carving: we talk about its perfection, its forms, its posture. Some even indicate the possibility of studying anatomy given the technical perfection achieved by its author. But no one knows for sure who he was. He is one of the mysteries of Holy Week in Cádiz, or perhaps even of the history of the city. The theories are hundreds, even if one of the most commented and famous, even if not confirmed, is that it was the work of the well-known Gian Lorenzo Bernini. Álvarez del Pino justifies this hypothesis with the very high amount that appears on the receipt of the engraving: “In that document it is established that the Crucifix cost 300 gold ducats”, which provides another important key for Álvarez del Pino: ” Martínez Montañés, who we can consider as the Andalusian reference of the time, charged 2,000 reales de vellón for a sculpture; the difference of up to 300 gold ducats is astonishing. ”It is not unreasonable given the constant presence of Genoese, Venetians and Italians generally in the history of Cádiz, attracted by the potential of the city as a seaport with America Another illustrious and famous name linked to Holy Week in Cádiz is that of Joseph Haydn. The famous composer was commissioned to compose his “Siete Palabras” from Cádiz. It is controversial whether it came from the cathedral itself or from the Oratorio de la Santa Cueva in via Rosario. At that time Haydn was already one of the most famous composers in Europe, which shows the economic power and influence of the city in those years. Even today, every Good Friday, this work is performed in the Oratorio de las Siete Palabras, an unsurpassed composition and environment to be enjoyed together. Cádiz is Baroque, its period of splendor indicates it and this style is present in many buildings in the city, including, of course, its temples. Within the baroque in Cádiz, the Rocalla is opulent, a style that is not exclusive to the city but which plays a special role here, especially in the temples of El Carmen, San Francisco, the church of the Pastora de Sagasta and Santa María.

settimana Santa Cadice
el caminito, David Ibanez

The sound of Cádiz at Easter

In Andalusia, Holy Week cannot be understood without music. In Andalusia, music is part of our essence and flamenco, one of the hallmarks of Andalusia, is also very present during Holy Week. Historians place the origin of flamenco in the triangle formed between Seville, Jerez and Cádiz and flamenco in Holy Week has a name: the saeta. They are short and improvised compositions that are sung from the street itself or from the balconies. A saeta is a deep and sincere prayer that is born from within the soul and which expresses devotion and love for a Christ or a Virgin in the form of a song. When a saetera or a saetero sings, everyone is silent. Santa María is the flamenco district of Cádiz par excellence and you can enjoy the return of the Nazarene in its church at dawn on Good Friday, when the sun begins to rise, listening to saetas dedicated to the Regidor Perpetuo and his mother, Nuestra Señora de los Dolores , it is a unique experience.
Carnival, undoubtedly the great festival of the city, also surrenders to the charm of Holy Week in Cádiz and there are not a few who sing carnival songs in February and saetas in April. But music is not just saetas. The Cofrade music bands are themselves a vast world that moves many emotions and draws crowds, and Cádiz is fortunate to have one of the best Trumpet and Drum bands in Spain, Rosario de Cádiz, which bears the name of the city and its Holy Week throughout the national territory. Without detracting from other bands in the city such as Polillas, Salud or Ecce Mater.
In recent weeks a concert of processional processions was held at the Gran Teatro Falla and in less than an hour and a half the capacity was sold out. This can help you get an idea of ​​the attraction this music has.

Semana Santa Cadiz
Buenanuerte-jm reyna

The perfect excuse to “eat” Cádiz

The year 2019 began with an article in the New York Times newspaper that placed the city of Cádiz among one of the must-see destinations of that year. Among the arguments, together with the architecture and beauty of the city, he pointed to a hitherto little known reason beyond the Andalusian borders: its gastronomy. In Cádiz you can eat very well (here our article dedicated to the gastronomy of the Province of Cádiz) and a visit to the city during Holy Week is the perfect excuse to take a look. A good place to start is the food market (it does not open on public holidays such as Holy Thursday and Good Friday). There you can find freshly caught fish, as well as shellfish and other seafood. Right next door you can start the day with some good churros, like the ones from La Guapa or La Marina cafeteria. Afterwards it is difficult to choose a place to eat tapas, there are many and very varied. Of course, the tapa is always accompanied by a good sherry wine or a manzanilla from Sanlúcar.
Holy Week also has its classics, such as the empanadas of Casa Hidalgo in Plaza de la Catedral, an ice cream from the Italian ice cream parlor that opens every year just before Easter. Torrijas are a typical dessert of these dates that are also found in pastry shops and pastry shops in Cádiz, as well as donuts for Holy Week. In the coming weeks, the Holy Week of Cádiz will receive the Declaration of Festival of National Tourist Interest, which will undoubtedly serve to publicize this festival and this cultural expression so deeply rooted in this land, but which is in the shadow of other festivals of the city and other Holy Weeks in the area.

Source: cadiz turismo


La Settimana Santa di Cádiz: la bellezza nascosta

Nei dieci giorni tra il Venerdì dei Dolori e la Domenica della Resurrezione, un totale di 29 confraternite e una Sezione della Penitenza percorrono le strade di Cádiz. In totale ci sono 52 gradini e più di 10.000 persone in processione. Sia le immagini che i passaggi che attraversano sono autentici gioielli del patrimonio, alcuni dei quali con più di 5 secoli di vita.
In quanto andalusa, la Settimana Santa a Cádiz ha una serie di caratteristiche comuni a quelle del resto della regione: colore, musica, la passione stessa dell’Andalusia si riflette chiaramente nella Settimana Santa stessa.
Ma ci sono anche diversi fattori che rendono speciale e diversa la Settimana Santa qui.

Dobbiamo iniziare con la posizione geografica di Cádiz, una penisola circondata dal mare su tutti e quattro i lati ad eccezione dell’istmo che la unisce a San Fernando (a proposito, un’altra isola) e dei due ponti che la collegano a Puerto Real. È difficile camminare per più di 10 minuti per le strade del centro di Cádiz senza sbattere contro il mare, sia sotto forma di spiaggia che di balcone.
I tour della Settimana Santa non fanno eccezione e sono tante le confraternite e le herndadas che hanno la loro stazione di penitenza verso la Cattedrale in riva al mare. In molte occasioni coincidono anche con il tramonto, che consente di godere di immagini uniche che non si possono vedere in altre città. La luce di Cádiz è diversa e Benito Rodríguez Gatiu, biografo del grande Ortega Bru, racconta che il creatore di immagini di San Roque trascorse diversi giorni a Cádiz osservando come la luce cadeva sugli oggetti per creare il maestoso Cristo del perdono.

Semana Santa Cadiz
Sanidad-Ramon Sanchez

La città di Cádiz lascia incantati tutti coloro che la visitano: la sua forma, le sue piccole dimensioni, la sua disposizione, la sua mescolanza di stili architettonici derivanti dalla sua lunga esistenza di oltre 3.000 anni fanno della città un tesoro da scoprire ad ogni passo, ad ogni angolo , ogni piazza, ogni strada ha la sua storia e la Settimana Santa accompagna il visitatore in tutti quei luoghi.
La stragrande maggioranza dei templi si trova nel centro storico, la parte di Cádiz di maggiore interesse turistico, una zona appartata facilmente percorribile a piedi, praticamente pianeggiante e in cui abbondano strutture alberghiere e alloggi unici.
Per questo motivo, la Settimana Santa è il momento ideale per scoprire la città vecchia di tre millenni che, quando arriva la primavera, mette via maschera e pito ( usati tradizionalmente per il Carnevale) e tira fuori il cappuccio e l’incenso ( che servono per la Settimana Santa).

La imaginería

Oltre alla città stessa, la Settimana Santa a Cádiz è caratterizzata da immagini impressionanti e talvolta sconosciute. Dobbiamo partire dal presupposto che durante i secoli XVII, XVIII e XIX la città fu il porto principale della Spagna con l’America, il che fece di Cádiz una città ricca e prospera dove mercanti e artisti provenienti da tutta Europa arrivavano per imbarcarsi per le Americhe . Molti hanno lasciato il segno qui con immagini inestimabili. Purtroppo anche la città ha subito attacchi come quello della flotta anglo-olandese nel 1596, lo tsunami di Lisbona del 1755, gli attacchi dei radicali durante la Seconda Repubblica e la successiva Guerra Civile che si ingrassarono con le immagini, patrimonio delle confraternite e dei templi della città.
I più antichi affermano che lo stesso Nazareno di Cádiz fu gettato su una pira accesa dai radicali nei preludi alla Guerra Civile e che alcuni coraggiosi abitanti del quartiere di Santa María lo tirarono fuori dalle fiamme trascinandolo per i capelli. La sua testa e le sue mani sono state quindi nascoste in un secchio in fondo a un pozzo in Calle Botica per mesi fino a quando non è stato possibile recuperarlo e restaurarlo. Ogni Venerdì Santo mattina, el Greñuo, così è conosciuto il suo Signore a Cádiz, passa davanti a quella casa in Calle Botica in segno di gratitudine.
Si perse un grande patrimonio, forse il più prezioso e più antico, ma fortunatamente si salvò un’altra parte che continua ancora oggi. L’immagine più antica di Cádiz è il Signore della Sentenza, in processione il mercoledì santo e datata alla fine del XV secolo. Per antichità e qualità vanno citate due opere di Jacinto Pimentel: i Cristi delle confraternite dell’Umiltà e della Pazienza e Columna, entrambi del XVII secolo. Hai solo bisogno di vederli per rendersi conto della loro età, valore e qualità. Ma se c’è un Cristo a Cádiz che suscita l’interesse di tutti, indipendentemente dalla loro fede, è quello della Buona Morte che si venera nella chiesa di San Agustín e che il Venerdì Santo sfila al buio, con l’unica luce dei suoi quattro assi. Si è scritto molto su questo intaglio: si parla della sua perfezione, delle sue forme, della sua postura.
Alcuni addirittura indicano la possibilità di studiarvi l’anatomia vista la perfezione tecnica raggiunta dal suo autore. Ma nessuno sa per certo chi fosse. È uno dei misteri della Settimana Santa a Cádiz, o forse anche della storia della città. Le teorie sono centinaia, anche se una delle più commentate e famose, anche se non confermata, è che sia stata opera del noto Gian Lorenzo Bernini. Álvarez del Pino giustifica questa ipotesi con l’altissimo importo che compare sulla ricevuta dell’incisione: “In quel documento si stabilisce che il Crocifisso costò 300 ducati d’oro”, il che fornisce un’altra chiave importante per Álvarez del Pino: “Martínez Montañés, che possiamo considerare come il riferimento andaluso dell’epoca, fece pagare 2.000 reales de vellón per una scultura; la differenza fino a 300 ducati d’oro è stupefacente”. Non è irragionevole vista la presenza costante di genovesi, veneziani e italiani in genere nella storia di Cádiz, attratti dalle potenzialità della città come porto marittimo con l’America. Un altro nome illustre e famoso legato alla Settimana Santa a Cádiz è quello di Joseph Haydn.
Il famoso compositore ricevette l’incarico di comporre le sue “Siete Palabras” da Cádiz. È controverso se provenisse dalla cattedrale stessa o dall’Oratorio de la Santa Cueva in via Rosario. A quel tempo Haydn era già uno dei compositori più famosi in Europa, il che mostra il potere economico e l’influenza della città in quegli anni. Ancora oggi, ogni Venerdì Santo, questo lavoro viene eseguito nell’Oratorio de las Siete Palabras, una composizione e un ambiente insuperabili da godere insieme.
Cádiz è barocca, il suo periodo di splendore lo indica e questo stile è presente in molti edifici della città, compresi, ovviamente, i suoi templi. All’interno del barocco a Cádiz, è sfarzoso il Rocalla, uno stile che non è esclusivo della città ma che qui ha un ruolo speciale, soprattutto nei templi di El Carmen, San Francisco, la chiesa della Pastora de Sagasta e Santa María.

catedral, Cadiz
Catedral-m de la Varga

Il suono di Cádiz a Pasqua

In Andalusia, la Settimana Santa non si capisce senza la musica. In Andalusia, la musica è parte della nostra essenza e il flamenco, uno dei tratti distintivi dell’Andalusia, è molto presente anche durante la Settimana Santa. Gli storici collocano l’origine del flamenco nel triangolo formato tra Siviglia, Jerez e Cádiz e il flamenco nella Settimana Santa ha un nome: la saeta.
Sono composizioni brevi e improvvisate che vengono cantate dalla strada stessa o dai balconi. Una saeta è una preghiera profonda e sincera che nasce dall’interno dell’anima e che esprime devozione e amore per un Cristo o una Vergine sotto forma di canto. Quando una saetera o un saetero canta, tutti tacciono. Santa María è il quartiere del flamenco di Cádiz per eccellenza e si gode il ritorno del Nazareno nella sua chiesa all’alba del Venerdì Santo, quando il sole inizia a sorgere, ascoltando saetas dedicate al Regidor Perpetuo e sua madre, Nuestra Señora de los Dolores, è un’esperienza unica.
Il carnevale, senza dubbio la grande festa della città, si arrende anche al fascino della Settimana Santa a Cádiz e non sono pochi quelli che cantando canti carnevaleschi a febbraio e saetas ad aprile.
Ma la musica non è solo saetas. Le band musicali Cofrade sono di per sé un vasto mondo che muove molte emozioni e attira folle, e Cádiz ha la fortuna di avere una delle migliori band di Trombe e Tamburi in Spagna, Rosario de Cádiz, che porta il nome della città e della sua Settimana Santa su tutto il territorio nazionale. Senza nulla togliere ad altre bande della città come Polillas, Salud o Ecce Mater.
In queste settimane si è tenuto un concerto di cortei processionali al Gran Teatro Falla e in meno di un’ora e mezza la capienza è andata esaurita. Questo può aiutare a farsi un’idea dell’attrazione che questa musica ha.

Semana Santa Cadiz
Buenanuerte-jm reyna

La scusa perfetta per “mangiare” Cádiz

L’anno 2019 è iniziato con un articolo sul quotidiano New York Times che ha collocato la città di Cádiz tra una delle destinazioni imperdibili di quell’anno. Tra gli argomenti, insieme all’architettura e alla bellezza della città, additava un motivo fino ad allora poco conosciuto oltre ai confini andalusi: la sua gastronomia. A Cádiz si mangia molto bene (qui il nostro articolo dedicato alla gastronomia della Provincia di Cádiz) e una visita alla città durante la Settimana Santa è la scusa perfetta per dare un’occhiata. Un buon punto di partenza è il mercato alimentare (non apre nei giorni festivi come il Giovedì Santo e il Venerdì Santo). Lì puoi trovare pesce appena pescato, oltre a crostacei e altri prodotti del mare. Proprio accanto puoi iniziare la giornata con dei buoni churros, come quelli della caffetteria La Guapa o La Marina. Dopo è difficile scegliere un posto dove mangiare le tapas, ce ne sono tante e molto varie. Naturalmente la tapa è sempre accompagnata da un buon vino sherry o da una manzanilla di Sanlúcar.
La Settimana Santa ha anche i suoi classici, come le empanadas di Casa Hidalgo in Plaza de la Catedral, un gelato della gelateria italiana che apre ogni anno poco prima di Pasqua. Le torrijas sono un dolce tipico di questi datteri che si trovano anche nelle pasticcerie e pasticcerie di Cádiz, così come le ciambelle della Settimana Santa. Nelle prossime settimane, la Settimana Santa di Cádiz riceverà la Dichiarazione di Festival di Interesse Turistico Nazionale, che servirà senza dubbio a pubblicizzare questo festival e questa espressione culturale così profondamente radicata in questa terra, ma che è all’ombra di altre feste del città e altre Settimane Sante della zona.

Fonte: Cadiz Turismo