Sylt: l’isola da sogno tra dune, sentieri, buon cibo e il mare protetto di Wadden

Sylt misura solo 99 chilometri quadrati di superficie. Ma se si potesse misurare la sua bellezza in numeri, forse non basterebbe una cifra esatta per descrivere quanto c’è di bello su quest’isola tedesca avvolta dal mare di Wadden protetto dall’UNESCO. Dune di sabbia, scogliere imponenti, una linea ferroviaria che viaggia su una diga costruita tra la terraferma e Sylt ( la Hindenburgdamm), fiori colorati a primavera e il mare del Nord che ispira mille sensazioni e stati d’animo diversi.

Sylt è anche sport, con centinaia di percorsi pedonali e ciclabili, campi da golf, possibilità di fare surf, ma anche ristoranti con ogni tipo di offerta, che va dal ristorante sofisticato fino a quello sulla spiaggia per chi desidera qualcosa di più semplice.

La bellezza della natura e il rischio di erosione
Image by Marc Rickertsen from Pixabay

Dal 1923 Sylt è stata posta sotto tutela per la grande importanza che rappresenta a livello naturalistico. Il 50% del suo piccolo territorio è protetto: dal 1985 l’area compresa tra il Nord di Sylt e la Foce del fiome Elbe ( a nord di Amburgo) è parte dello Schleswig-Holstein Wadden National Park e dal 2009 il mare di Wadden a largo di Sylt è anche patrimonio naturale dell’UNESCO.

Tutto non è così semplice però, perchè Sylt perde ogni anno un milione di metri cubi di sabbia a causa del vento. La forza dei venti occidentali sposta la sabbia verso nord o verso sud. Per questo motivo dal 1972 è cominciato un processo di “recupero” e “conservazione” delle spiagge: dall’inizio degli anni ’70 al 2019 sono stati prelevati circa 52 milioni di metri cubi di sabbia poi reintrodotti nelle parti occidentali e a nord dell’isola.
Una nave a una decina di chilometri dalla costa preleva sabbia a una profondità di 15 metri che viene pompata sulle spagge dove i buldozer risistemano il tutto tra dune e spiaggia.
Il progetto è finanziato da fondi federali e dell’Unione Europea anche se dal 2007 gli abitanti di Sylt hanno creato la Fondazione per la protezione Costiera Sylt che mira a proteggere l’isola con raccolte fondi e altre iniziative.

Percorso di legno attraverso un paesaggio di erica vicino a Braderup sull’isola di Sylt
By Lightbox from Shutterstock

La brughiera tra Bruderup e Kampen è sicuramente un luogo da non perdere. Sentieri escursionistici tradizionali o in legno attraversano campi viola di erica ( da non raccogliere!) con viste mare davvero spettacolari.
E, a proposito di mare…
Nel 1999 il Mare di Wadden è diventato anche Santuario per il passaggio delle balene! Si calcola che circa 6000 balene passino da Sylt ogni anno durante il loro viaggio migratorio. Nel 2016, con l’aiuto dell’Ufficio di Stato per il Parco Nazionale, la Protezione Marina e Costiera e la Stazione di protezione del mare di Wadden è stato realizzato un percorso informativo sul passaggio delle balene a Sylt, che consiste in 22 unità informative collocate sulla costa occidentale tra List e Hörnum.

La ferrovia, la diga e il treno
Image by Peter Toporowski from Pixabay

Sembrerà banale, ma la prima cosa che vedrete arrivando a Sylt è proprio il mare. L’isola è collegata con la terra ferma da una diga sormontata da una ferrovia che si insinua all’interno di Sylt trasportando auto e passeggeri.
La Hinderburgdamm è stata aperta il 1° giugno del 1927 ed è lunga 11 Km. Il tempo di percorrenza medio tra il terminal di carico auto a Niebüll in Germania e il capoluogo di Sylt, Westerland, è di circa 40 minuti. Da Amburgo impiegherete circa 3 ore.
Se preferite treno ad aereo e nave, potete consultare gli orari sul sito della Deutsche Bahn.

Sylt: tra buon gusto, ristoranti e…vigneti
Frische Austern by Karepa from Adobe Photo Stock

Non è un caso che Sylt possa contare ben 200 ristoranti. Sia che preferiate un pasto leggero in riva al mare o che decidiate di sedervi a tavola per consumare un raffinato piatto tipico del luogo, a Sylt troverete quello che fa per voi.
Non mancano i ristoranti stellati e adatti a ogni tipo di palato raffinato.
A Sylt sono i piatti di pesce a rendere l’idea della freschezza del luogo in cui vi trovate. Dal mare arriva un prodotto fresco e d’eccellenza che viene trasformato in piatti semplici o elaborati.
Sgombro, aringa e salmone possono diventare semplici ma deliziose “farciture” per un panino che rimane un pasto veloce tra i più consumati sull’isola mentre l’Ostrica costituisce un piatto decisamente più chic ma popolare tra i ristoranti.

Friesentorte im Café by Brigit Puck from Adobe Stock

Se volete saziarvi con un peccato di gola, magari dopo una bella giornata passata a camminare tra i sentieri di Sylt o sulle spiagge dell’isola, la friesentorte è il genere di piacere che fa al caso vostro. Molti caffè di Sylt servono questa torta deliziosa che accompagna bene ogni stagione. Dimenticatevi per un momento delle calorie e godetevi un caffè e il gusto di una torta sublime.

Se pensate che Sylt si trovi troppo a Nord per la coltivazione delle viti e per poter vantare un proprio vino allora dovreste sapere che sull’isola esistono due vigneti che producono Il Söl’ring e il Sölviin.
I due vini, per ottenere la denominazione dell’isola, vengono “pestati” e fatti fermentare a Sylt ma una volta raggiunta la fermentazione ottimale, raggiungono la terraferma per l’imbottigliamento

L’isola “sportiva”
Image by Karsten Bergmann from Pixabay

Sylt è il paradiso degli amanti degli sport acquatici, ma anche coloro che preferiscono gli sport “terrestri” troveranno spazio per divertirsi con sentieri escursionistici e campi da golf.
Se amate il wind surf considerate che Sylt ospita una tappa del campionato mondiale ma questo non esclude ai principianti la possibilità di imparare a surfare proprio in questi mari. Ci possono essere giornate tempestose ma anche periodi in cui il mare tranquillo e piatto regala quiete e possibilità di provare a chi non è esperto imparando dai maestri più bravi.

Gli sport di “terra” invece si dividono tra i sentieri dell’isola, i 4 campi da golf a 18 buche e i campi da tennis. Se tenete conto dei panorami mozzafiato di Sylt, non vi sarà difficile immaginare quali immagini vi troverete davanti agli occhi camminando per l’isola o sfidando gli amici sul campo di golf.

Giovane donna in bicicletta durante il viaggio lungo la costa dell’isola di Sylt vicino al villaggio di List, Germany.
Photo by Pkazmierzak from Adobe stock

Una soluzione ottimale per fare sport e ammirare Sylt può essere quella di prendere una bici e percorrere i 200 Km di percorsi dedicati.
Potete noleggiarla o portarla da casa ma l’importante è che abbiate con voi un mezzo ecologico ed economico che vi permetta di attraversare le meraviglie di quest’isola unica.
Potete sfidare il vento, ammirare il mare, pedalare per chilometri.
Voi e la natura.
Cosa c’è di più bello?

Quando andare a Sylt?
Sylt: Il faro di Kampen in inverno
Image by Inselopa from Pixabay

Qualcuno sostiene che Sylt abbia tante facce per quante sono le stagioni dell’anno e, per questo motivo valga la pena visitarla in ogni periodo.
L’estate è una stagione turbolenta, quella che cerca di restare in primo piano con le tiepide serate in spiaggia, i colori dell’alba e del tramonto sul mare. L’autunno è il periodo in cui finiscono le grandi feste, l’isola diventa più tranquilla e appaiono i colori tipici di questa stagione intermedia.
La primavera tutto esplode. l’inverno va in letargo e i fiori cominciano a colorare Sylt. Appare il giallo della colza sui campi e il sole comincia a scaldare le dune dell’isola.
Molti infine sostengono che sia l’inverno la stagione in cui si possa imparare a conoscere la vera anima di Sylt.: la luce invernale e il silenzio sommergono Sylt di un’atmosfera unica. Si accendono i camini, ci si ferma nei caffè, nelle sale da tè e si passeggia sulla spiaggia al freddo. E’ il periodo perfetto per conoscere gli abitanti dell’isola.

Il Biikebrennen
Biikebrennen: una tradizione frisone celebrata a Sylt
Photo by Murat Yelkenli from Shutterstock

La sera del 21 febbraio a Sylt si ripete una tradizionale “fiaccolata” con un grande falò finale per salutare la fine dell’inverno.
Questa usanza è patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO e, di solito si conclude con grandi mangiate tra le case di Sylt o in giro per i ristoranti.
Prima che venga acceso il grande falò, i personaggi più conosciuti dell’isola tengono vari discorsi poi, quando il fuoco è acceso e tutte le fiaccole sono state lanciate nel grande falò, la gente intona la canzone popolare “Üüs Söl’ring Lön’” ( la nostra terra di Sylt).
Successivamente, tutte le famiglie si radunano in casa o nei ristoranti per consumare i piatti tipici e le specialità della Germania settentrionale, laddove regnano salsiccia bollita, maiale affumicato e pancetta di maiale oltre alle patate e altri contorni di verdura come la verza e il cavolo.

Sylt in numeri
  • La superficie di Sylt misura 99 Kmq, di cui il 33% è ricoperto da dune;
  • La lingua madre dell’isola è il il Söl’ring;
  • Sylt è composta da 5 comuni e 12 città insulari;
  • Il mare di Sylt in estate raggiunge i 21° C;
  • Sylt è protetta da 22 Km di dighe;
  • Qui vivono ca 20.000 abitanti;
  • …ma ci sono più di 62.000 letti per i turisti;
  • Milioni di uccelli migratori vengono nel mare di Wadden e a Sylt;
  • La Duna Uwe di Kampen, che misura 52,5 m, è la duna naturale più alta di Sylt;
La duna Uwe
Image by Wheely248 from Pixabay
  • A List vengono raccolte 1 milione di ostriche l’anno:
  • A Sylt ci sono 4 fari;
  • Sylt si è separata dalla terraferma circa 8000 anni fa;

Fonte: Sylt.de e insel-sylt.de
Foto: Adobe Stock, Shutterstock e Pixabay

Sylt: the dream island between dunes, trails, good food and the protected Wadden sea

Sylt measures only 99 square kilometers in area. But if its beauty could be measured in numbers, perhaps an exact figure would not be enough to describe how beautiful there is on this German island surrounded by the UNESCO-protected Wadden Sea. Sand dunes, imposing cliffs, a railway line that travels on a dam built between the mainland and Sylt (the Hindenburgdamm), colorful flowers in spring and the North Sea that inspires a thousand different sensations and moods.

Sylt is also sport, with hundreds of walking and cycling routes, golf courses, surfing opportunities, but also restaurants with all kinds of offers, ranging from sophisticated restaurants to beach restaurants for those who want something simpler.

The beauty of nature and the risk of erosion
Image by Marc Rickertsen from Pixabay

Since 1923 Sylt has been placed under protection due to the great importance it represents at a naturalistic level. 50% of its small territory is protected: since 1985 the area between the north of Sylt and the mouth of the Elbe river (north of Hamburg) is part of the Schleswig-Holstein Wadden National Park and since 2009 the Wadden Sea off Sylt is also a UNESCO World Heritage Site.

Everything is not that simple, however, because Sylt loses a million cubic meters of sand every year due to the wind. The force of the westerly winds moves the sand north or south. For this reason, a process of “recovery” and “conservation” of the beaches began in 1972: from the beginning of the 1970s to 2019 approximately 52 million cubic meters of sand were collected and then reintroduced in the western and northern parts of the island. . A ship about ten kilometers from the coast picks up sand at a depth of 15 meters which is pumped onto the beaches where the buldozers rearrange everything between the dunes and the beach.
The project is financed by federal and European Union funds although since 2007 the inhabitants of Sylt have created the Sylt Coastal Protection Foundation which aims to protect the island with fundraising and other initiatives.

Wooden pathway through a heather landscape near Braderup on the island Sylt
By Lightbox from Shutterstock

The moorland between Bruderup and Kampen is definitely a must-see. Traditional or wooden hiking trails pass through purple fields of heather (not to be picked up!) With truly spectacular sea views.
And speaking of the sea …
In 1999 the Wadden Sea also became a Sanctuary for the passage of whales! It is estimated that around 6000 whales pass through Sylt each year on their migratory journey. In 2016, with the help of the State Office for the National Park, Marine and Coastal Protection and the Wadden Sea Protection Station, an information path was created on the passage of whales on Sylt, which consists of 22 information units located on the west coast between List and Hörnum.

The railway, the dam and the train
Image by Peter Toporowski from Pixabay

It may seem trivial, but the first thing you will see when arriving on Sylt is the sea. The island is connected to the mainland by a dam surmounted by a railway which creeps into Sylt carrying cars and passengers.
The Hinderburgdamm was opened on 1 June 1927 and is 11 km long. The average travel time between the car loading terminal in Niebüll in Germany and the capital of Sylt, Westerland, is approximately 40 minutes. From Hamburg it will take about 3 hours. If you prefer train to plane and ship, you can consult the timetables on the website of the Deutsche Bahn.

Sylt: between good taste, restaurants and…vineyards
Frische Austern by Karepa from Adobe Photo Stock

It is no coincidence that Sylt can count as many as 200 restaurants. Whether you prefer a light meal by the sea or you decide to sit down to eat a refined typical dish of the place, on Sylt you will find what is right for you. There is no shortage of starred restaurants suitable for every type of refined palate. On Sylt it is the fish dishes that convey the freshness of the place where you are. From the sea comes a fresh and excellent product that is transformed into simple or elaborate dishes. Mackerel, herring and salmon can become simple but delicious “fillings” for a sandwich that remains one of the most consumed quick meals on the island while Oyster is a decidedly more chic but popular dish among restaurants.

Friesentorte im Café
by Brigit Puck from Adobe Stock

If you want to satisfy yourself with a sin of gluttony, perhaps after a beautiful day spent walking along the paths of Sylt or on the beaches of the island, friesentorte is the kind of pleasure for you. Many cafes on Sylt serve this delicious cake that goes well with any season. Forget about calories for a moment and enjoy a coffee and the taste of a sublime cake.

If you think that Sylt is too far north for the cultivation of vines and to be able to boast its own wine then you should know that there are two vineyards on the island that produce Söl’ring and Sölviin. The two wines, to obtain the name of the island, are “pounded” and fermented on Sylt but once the optimal fermentation is reached, they reach the mainland for bottling.

The “sporting” island
Image by Karsten Bergmann from Pixabay

Sylt is a paradise for water sports lovers, but even those who prefer “land” sports will find space to have fun with hiking trails and golf courses. If you love wind surfing, consider that Sylt hosts a stage of the world championship but this does not exclude beginners from the possibility of learning to surf in these seas. There can be stormy days but also times when the calm and flat sea gives peace and the possibility of trying to those who are not experts by learning from the best masters.

The “land” sports, on the other hand, are divided between the island’s paths, the 4 18-hole golf courses and tennis courts. If you take into account the breathtaking views of Sylt, it will not be difficult for you to imagine what images you will find before your eyes walking around the island or challenging your friends on the golf course.

Young woman on bicycle while traveling along the coast of the island of Sylt near the village of List, Germany.
Photo by Pkazmierzak from Adobe stock

An optimal solution to play sports and admire Sylt can be to take a bike and travel the 200 km of dedicated routes. You can rent it or bring it from home but the important thing is that you have an ecological and economical vehicle with you that allows you to cross the wonders of this unique island.
You can brave the wind, admire the sea, pedal for miles.
You and nature.
What’s more beautiful?

When to go to Sylt?
Sylt: Kampen lighthouse in winter
Image by Inselopa from Pixabay

Some say that Sylt has as many faces as there are seasons of the year and, for this reason, it is worth visiting at any time of the year.
Summer is a turbulent season, one that tries to stay in the foreground with the warm evenings on the beach, the colors of sunrise and sunset over the sea. Autumn is the time when the big holidays end, the island becomes calmer and the typical colors of this intermediate season appear.
Spring all explodes. winter hibernates and the flowers begin to color Sylt. The yellow of the rapeseed appears on the fields and the sun begins to warm the dunes of the island.
Finally, many argue that winter is the season in which you can get to know the true soul of Sylt: the winter light and silence flood Sylt with a unique atmosphere. The fireplaces are lit. More time is spent in cafes and tea rooms. It is the perfect time to get to know better the inhabitants of the island.

The Biikebrennen
Biikebrennen: a Frisian tradition celebrated on Sylt
Photo by Murat Yelkenli from Shutterstock

On the evening of February 21, a traditional “torchlight procession” is repeated in Sylt with a large final bonfire to greet the end of winter.
This custom is an intangible cultural heritage of UNESCO and usually ends with large meals between the houses of Sylt or around the restaurants. Before the big bonfire is lit, the best-known characters of the island give various speeches then, when the fire is lit and all the torches have been thrown into the big bonfire, people sing the popular song “Üüs Söl’ring Lön ‘” (our land of Sylt). Subsequently, all the families gather at home or in restaurants to consume the typical dishes and specialties of Northern Germany, where boiled sausage, smoked pork and pork belly reign in addition to potatoes and other vegetable side dishes such as savoy cabbage and cabbage.

Sylt in numbers
  • The surface of Sylt measures 99 square kilometers, of which 33% is covered by dunes;
  • The native language of the island is the Söl’ring;
  • Sytl is made up of 5 municipalities and 12 island towns;
  • The sea of Sylt in summer reaches 21 ° C;
  • Sylt is protected by 22 km of dams;
  • About 20,000 inhabitants live here;
  • …but there are more than 62,000 tourist beds;
  • Millions of migratory birds come to the Wadden Sea and Sylt;
  • The Uwe Dune of Kampen, measuring 52.5 m, is the highest natural dune on Sylt;
The Uwe dune
Image by Wheely248 from Pixabay
  • At List 1 million oysters are harvested a year:
  • There are 4 lighthouses on Sylt;
  • Sylt separated from the mainland about 8000 years ago;

Sources: Sylt.de e insel-sylt.de
Photos: Adobe Stock, Shutterstock e Pixabay