The province of Cádiz: traveling between pueblos blancos, divine food and wine and hot beaches

Cádiz and its province are part of Andalusia, one of the most fascinating regions of Spain and, I am not exaggerating, of all of Europe. The province of Cádiz, which has 45 municipios and about 1,300,000 inhabitants, almost touches Africa with its coasts. The Strait of Gibraltar, where the Mediterranean and the Atrantic Ocean meet, is only 14 km from the coasts of the African continent and rest assured that a boat trip between Tarifa and Tangier will not take you too long. With an average temperature of 18 ° C, 300 days of sunshine, equal to about 3000 hours a year in which you can enjoy the blue sky in these parts, the province of Cádiz can count 268 km of coastline including 138 km of beaches.

But it is not numbers and beaches (not only) that I will talk to you this time. If in other articles on this site I have praised Andalusian gastronomy, today I will do it again, passing by one of the most beautiful things I have been able to admire while living in this beautiful Spanish region: the pueblos blancos.

The pueblos blancos

Arcos,
Photo by Santiago Galvin

The pueblos blancos are many, beautiful and different from each other. If you travel by car you will happen to “spot” some of them between Seville and Cádiz, so much so that you will want to leave the main road to run to admire all its beauty up close.
Arcos, Grazalema, Setenil de la Bodegas, El Bosque, Olvera and Zahara de la Sierra are just some of the best known villages that make La ruta de los pueblos blancos (the route of the pueblos blancos) a wonderful route between these white Andalusian villages.
They also have small or large hotels that allow those who want to stay at least one night and local craft shops that tell the past and present in all their purity.

Arcos de la Frontera

fPhoto by Juan de Dios Carrera

Arcos as well as being an excellent starting point for the Ruta de Los Pueblos Blancos is also considered one of the most beautiful villages in all of Andalusia. Its history and the sensational panorama that can be enjoyed from the top of the cliff where its major monuments are located, make it an almost mandatory stop when coming from the parts of Cádiz.

Setenil de las Bodegas

Setenil de las Botegas
Photo from www.cadizturismo.com

Setenil de las Bodegas has become famous for being the village of the rock. In fact, a huge rock hovers above several streets of Setenil, making an already beautiful village incredible for the white of its houses. A visit here cannot be missed, also for the views and the good food of course.

The queso Payoyo ( Payoyo cheese)

Tabla de queso payoyo _Setenil de las Bodegas
Photo by David Ibáñez Montañez

In the hinterland of the province of Cádiz, thanks to the production of cheeses derived from the milk of payoya goat and merino sheep, many national and international awards have been won. Among these, Queso Payoyo is one of the most famous cheeses produced in Villaluenga del Rosario, in the heart of the Sierra de Cádiz.

Olvera

Olvera
Photo from Cadizturismo.com

Olvera definitely has nothing to envy to the other white villages of the ruta de los pueblos blancos. Here the streets between the white houses, the vases hanging on the walls in typical Andalusian style and the streets that go up and down steeply are the order of the day. Getting lost in the streets of these small towns, savoring the beauty of the locals and the tastes of the products of the local gastronomy, is a pleasure that you cannot miss for any reason in the world.

The green way

Gree way
Photo from Cadizturismo.com

The green way also passes through Olvera, a nature trail that extends from the Sierra de Cádiz to the Sierra sud de Sevilla. Combining the Ruta del Los pueblos blancos with the green way could be a unique opportunity to admire divine places, explore the Andalusian nature, breathe clean air and eat excellent Mediterranean food from the area! For all the info on the green way, you can consult the dedicated website.

Zahara de la Sierra

Zahara de la Sierra
Photo by Andrés M. Dimungues Romero

Calle Ronda.
I only tell you this.
Zahara de la Sierra has many wonderful corners, including its incredible location, but Calle Ronda is something truly unique (to me).
An uphill street with a cobbled floor full of white everywhere with many terraces, doors and windows.
Andalusia as I like it …
The one that excites you just to set foot there …

Local food and wine

Olive oil
Photo from Cadizturismo.com

Most of the traditional recipes of the province of Cádiz have olive oil as their main ingredient, which since 2002 has obtained the denomination of controlled origin of the Sierra de Cádiz.
An oil has wild, slightly spicy and bitter aromas, the result of a harvest in rough terrain where massive production is almost impossible.
A divine oil.

The wines

Consejo regolador del vino de Jerez
Photo from Cadizturismo.com

Even the wines are starting to give a lot of satisfaction to this territory, traditionally linked to white and fine wines but which, for some time, have also been starting to produce excellent red wines.
The province of Cádiz and many of its municipalities have made food and wine tourism a major attraction for tourists from all over the world.
Jerez de la Frontera, El Puerto de Santa María, Chiclana and Sanlúcar de Barrameda together have more than 7,000 hectares of vineyards that have been producing Jerez wines and grappas for centuries. And it is not just an attraction for wine tourism lovers. Heritage, nature and landscape have made it all a wonderful place to spend whole days.

Manzanilla and Prawns in Sanlucar


Manzanilla and prawns
Photo from sanlucarturismo.com

One of the many things that you cannot miss while traveling in the province of Cádiz, are the famous prawns of Sanlucar de Barrameda and, why not, also one of its most famous wines: Manzanilla.
This almost perfect pairing lends itself well to a light meal on the beach. The ancient traditions of Manzanilla make it one of the lightest white wines of the Jerez cellars, excellent to be enjoyed with the famous prawns of the area.

The Cacao Pico

Cacao Pico
Photo from Cadizturismo.com

In the “marco de Jerez” wine area, you will find a liqueur born in 1824, still made today with ancient techniques that respect the times and the environment.
The Cacaco Pico was born in El Puerto de Santa Maria, not far from Jerez de la Frontera.
Cacao Pico is used in confectionery, it can be eaten cold together with ice cream or perhaps with ice cubes. It has received some awards, both as best liqueur and in some cocktails it was part of as a main ingredient.

Tarifa

Bodegón de Atún- Conservera de Tarifa
Photo from Cadizturismo.com

We move to Tarifa to discover two specialties of the gastronomy of the province of Cádiz and also one of the windiest and hottest places in the whole of Andalusia.
Tarifa is one of those special places you fall in love with, even if there are no gorgeous white villages or glaring monuments. In Tarifa there is wind, huge beaches and life even in winter when I first set foot there.
A student of mine used to say that everyone here is a bit crazy because of the wind that blows constantly.
In truth, the strongest wind I can remember was a night in Cádiz: suddenly a window in my room flew open and the Mediterranean wind entered my room without permission!
Together with the scents of Andalusia …

Tarifa
Photo by Peter Pieras from Pixabay

We were talking about the gastronomy of Tarifa, right?
Going around this town you will find many shops, bars, restaurants, people on the beach who surf and kite surf, but never forget that you are in Andalusia, the Spanish region where it can be very hot and where you can eat divinely.

Tocino de cielo

Tocino de cielo
Photo from Cadizturismo.com

Tocino de cielo is a typical dessert of the area, whose most famous schools are in Tarifa and Jerez. It is created with egg yolks, sugar and caramel and is the right dessert to sweeten your days.
One of the most famous pastry shops to try it in Tarifa is certainly the Pasteleria la tarifeña.


Before going inside and climbing the hills a bit among other typical dishes and some pueblo blanco, let’s stop for a moment on these two wonderful “sea view” specialties

Amontillado and shrimp with fried egg

Amontillado y camarones con huevo frito_ E Puerto de Santa Maria
From Sprint Sherry

Amontillado is one of the many wines of the area that you absolutely must try. It is an elegant wine that should be drunk chilled and is well suited to every need. In this particular dish, with shrimps and fried eggs, it enhances and mixes the flavors of the sea and nature.

Atún encebollado

Tuna with onion
Photo from Cadizturismo.com

With all the seaside resorts in the Cádiz Province, finding good tuna shouldn’t be a big deal. However, if you plan a trip to these parts, you will find that between May and June, in places like Tarifa, Conil, Barbate and Zahara de los athunes, various events called Ruta del Atún are organized, in which you will probably also be able to try many dishes at tuna base like the one in the photo (with tuna and onion).

Tuna fillet in butter
Photo from Cadizturismo.com

El gastor

Returning a little towards the interior of the province, you can discover other beautiful villages but a little less known to mass tourism: El Gastor looks like a real garden with its typical white houses like a true pueblo blanco, vases hanging everywhere , palm trees in the squares and huge plants scattered here and there.
El Gastor is also known as “el Balcón de los Pueblos Blancos” (the balcony of the pueblos blancos) for the position that favors the breathtaking views.
One more reason to come here, I think …

Typical dishes

Popular dishes from the el Gastor area include stew, soups, asparagus scrambled eggs, and others based on poultry and pork.
But a typical dish of this mountain town is certainly the Asparagus Stew (Guisote de espárragos) which is a compound made from bread, oil, water and of course ground asparagus. All this is served in a large family pot which everyone, provided with a spoon, bread and wine, can use and eat.

Algodonales

Algodonales
Photo from Cadizturismo.com

No, I didn’t go crazy all of a sudden! Algodonales is also a splendid pueblo blanco in the province of Cádiz, but I wanted to start by telling it with one of the many events that make it distinctive and famous.
The one in the photo above is the historical re-enactment of May 2nd (dos de mayo). Here in Algodonales the event that at the beginning of May 1810 put the inhabitants of this village and the regiments of the French army led by Napoleon Bonaparte against each other.
The battle left 273 dead and about seventy houses destroyed.
Since 2005, this celebration in traditional dress has been born, which aims to pay homage to the brave who faced the French army.

Split olives
Photo from Cadizturismo.com

Local gastronomy

Algodonales is located in an area full of olive groves. Olive oil in this area is an important and well-made product, as are the split olives (aceitunas partidas).
If you come here, you should definitely try the local cheeses and wines, but also a traditional pastry with a bit Arabian “tendencies”: the gañote.

Ubrique

Ubrique from San Antonio
Photo by CPL

Ubrique has been declared a historic site. In addition to pueblo blanco, keep in mind that a stretch of the ancient Roman road passes through here, revealing its ancient origins (photo below).

UBRIQUE (SIERRA DE CÁDIZ).-
Roman road that connects Ubrique with Benaocaz.- Photo by Fernando Ruso

Typical products and gastronomy

Chorizá – Ubrique –
Photo by Francisco Javier Sánchez Ramírez

Ubrique, like other mountain pueblos blanco, also has its beautiful food and wine tradition.
It starts with local cheeses produced in the area: the products from payoya goat milk already mentioned are among the best known.
Sausages, salami, hams and other sausages created with the techniques of the past are also excellent products to be enjoyed as a snack.
Among the desserts you can also try the traditional gañote here, which is offered among the participants in a dedicated competition once a year.

…and finally…

I admit it … when it comes to eating and traveling, life takes on a wonderful meaning and everything shines in a different light.
From Cadizturismo (thank you thank you thank you !!!) they sent me so many photos and info that I would like to continue this article indefinitely … Instead I close with the last three tapas, with the hope of returning soon, indeed very soon in this wonderful province!

Tapa de atún y queso – San Fernando –
Photo by David Ibáñez Montañez
Tapa de jamón – San Fernando –
Photo by David Ibáñez Montañez
Croquetas
Photo from Cadizturismo.com





La provincia di Cádiz: in viaggio tra pueblos blancos, un’enogastronomia divina e spiagge torride

Cádiz e la sua provincia fanno parte dell’Andalusia, una delle regioni più affascinanti della Spagna e, non esagero, di tutta Europa. La provincia di Cádiz, che conta 45 municipios e circa 1.300.000 abitanti, arriva quasi a toccare l’Africa con le sue coste.
Lo Stretto di Gibilterra, dove si incontrano il Mediterraneo e l’Oceano atrantico, dista solo 14 Km dalle coste del continente africano e, state certi che un viaggio in nave tra Tarifa e Tangeri non vi porterà via troppo tempo.
Con una temperatura media di 18° C, 300 giorni di sole, pari a circa 3000 ore all’anno in cui potete godervi il cielo azzurro da queste parti, la provincia di Cádiz può contare 268 Km di costa di cui 138 km di spiagge.

Ma non è di numeri e di spiagge ( non solo) che vi parlerò questa volta.
Se in altri articoli su questo sito ho elogiato la gastronomia andalusa, oggi lo farò di nuovo, passando da una delle cose più belle che ho potuto ammirare vivendo in questa splendida regione spagnola: i pueblos blancos.

I pueblos blancos

Arcos,
Foto di Santiago Galvin

I pueblos blancos sono tanti, belli e diversi tra loro. Se vi spostate in auto vi capiterà di “avvistarne” qualcuno tra Siviglia e Cádiz, tanto che vi verrà voglia di abbandonare la strada principale per correre ad ammirarne tutta la bellezza da vicino.
Arcos, Grazalema, Setenil de la Bodegas, El Bosque, Olvera e Zahara de la Sierra sono solo alcuni dei più noti paesini che fanno di La ruta de los pueblos blancos ( la via dei pueblos blancos) un meraviglioso percorso tra questi bianchi villaggi andalusi.
Hanno anche piccoli o grandi hotel che permettono a chi vuole di fermarsi almeno una notte e botteghe di artigianato locale che ne raccontano passato e presente in tutta la loro purezza.

Arcos de la Frontera

foto di Juan de Dios Carrera

Arcos oltre ad essere un ottimo punto di partenza per la Ruta de Los Pueblos Blancos è anche considerato uno dei villaggi più belli di tutta l’Andalusia. La sua storia e il clamoroso panorama che si gode dalla cima della rupe in cui sono collocati i suoi maggiori monumenti, lo pongono come una tappa quasi obbligatoria quando si viene dalle parti di Cádiz.

Setenil de las Bodegas

Setenil de las Botegas
foto da www.cadizturismo.com

Setenil de las Bodegas è diventato celebre per essere il paese della roccia. Un’enorme roccia infatti alberga sopra diverse vie di Setenil, rendendo incredibile un villaggio già bello per il bianco delle sue case. Una visita qui non può assolutamente mancare, anche per i panorami e il buon cibo ovviamente.

Il queso Payoyo ( formaggio Payoyo)

Tabla de queso payoyo _Setenil de las Bodegas
foto di David Ibáñez Montañez

Nell’entroterra della provincia di Cádiz, grazie alla produzione di formaggi derivati dal latte di capra payoya e pecora merino, sono stati vinti moltissimi riconoscimenti nazionali e internazionali.
Tra questi il Queso Payoyo è uno tra i formaggi più famosi prodotti a Villaluenga del Rosario, nel cuore della Sierra di Cádiz.

Olvera

Olvera
Foto da Cadizturismo.com

Olvera non ha decisamente niente da invidiare agli altri villaggi bianchi della ruta de los pueblos blancos.
Qui le strade tra le case bianche, i vasi appesi ai muri in stile tipico andaluso e le strade che salgono e scendono ripide sono all’ordine del giorno. Perdersi tra le vie di queste piccole cittadine assaporando la bellezza della gente del posto e i gusti dei prodotti della gastronomia locale, è un piacere che non potete perdere per nessun motivo al mondo.

La via verde

Via Verde
Foto da Cadizturismo.com

Da Olvera passa anche la via verde, un percorso naturalistico che si estende dalla Sierra di Cádiz fino alla Sierra sud di Sevilla.
Unire la Ruta del Los pueblos blancos con la via verde potrebbe essere un’occasione unica per ammirare luoghi divini, esplorare la natura andalusa, respirare aria pulita e mangiare ottimo cibo mediterraneo della zona!
Per tutte le info sulla via verde, potete consultare il sito internet dedicato.

Zahara de la Sierra

Zahara de la Sierra
Foto di Andrés M. Dimungues Romero

Calle Ronda.
Vi dico solo questo.
Zahara de la Sierra ha molti angoli meravigliosi, tra cui la sua posizione incredibile, ma Calle Ronda è qualcosa di davvero unico ( per me).
Una via in salita con pavimento acciottolato piena di bianco dappertutto con tante terrazzine, porte e finestre.
L’Andalusia come piace a me…
Quella che ti fa emozionare solo a metterci piede…

Enogastronomia locale

Olio d’oliva
Foto da Cadizturismo.com

Gran parte delle ricette tradizionali della provincia di Cádiz, hanno come ingrediente principale l’olio di oliva, che dal 2002 ha ottenuto la denominazione di origine controllata della Sierra di Cádiz.
Un olio ha dei profumi selvatici, leggermente piccanti e amari, frutto di un raccolto in terreni accidentati dove la produzione massiccia è quasi impossibile.
Un olio divino.

I vini

Consejo regolador del vino de Jerez
Foto da Cadizturismo.com

Anche i vini stanno cominciando a dare molte soddisfazioni a questo territorio, tradizionalmente legato ai vini bianchi e fini ma che, da qualche tempo, vanta anche ottimi vini rossi.
La provincia di Cádiz e molti dei suoi comuni hanno fatto del turismo enogastronomico un grande punto di richiamo per i turisti di tutto il mondo.
Jerez de la Frontera, El Puerto de Santa María, Chiclana e Sanlúcar de Barrameda contano assieme più di 7.000 ettari di vigneti che da secoli producono vini e grappe di Jerez.
E non è solo di un’attrazione per gli amanti dell’enoturismo. Il patrimonio, la natura e il paesaggio hanno reso tutto quanto un luogo stupendo in cui passare intere giornate.

Manzanilla e Gamberi a Sanlucar


Manzanilla e gamberi
Foto da sanlucarturismo.com

Una delle tante cose che non potete perdere viaggiando nella provincia di Cádiz, sono i celebri gamberi di Sanlucar de Barrameda e, perchè no, anche uno dei suoi vini più celebri: il Manzanilla.
Questo abbinamento quasi perfetto, si presta bene ad un pasto leggero in spiaggia. Le antichissime tradizioni del Manzanilla ne fanno un vino bianco tra i più leggeri delle cantine di Jerez, ottimo da gustare con i famosi gamberi della zona.

Il Cacao Pico

Cacao Pico
Foto Cadizturismo.com

Nella zona vinicola del “marco de Jerez”, troverete un liquore nato nel lontano 1824, fatto ancor oggi con tecniche antiche rispettose dei tempi e dell’ambiente.
Il Cacaco Pico nasce a El Puerto de Santa Maria, non lontano da Jerez de la Frontera.
Il Cacao Pico viene utilizzato in pasticceria, può essere consumato freddo assieme al gelato o magari con dei cubetti di ghiaccio. Ha ricevuto alcuni premi, sia come miglior liquore che in alcuni cocktail di cui faceva parte come ingrediente principale.

Tarifa

Bodegón de Atún- Conservera de Tarifa
Foto di Cadizturismo.com

Ci spostiamo fino a Tarifa per scoprire due specialità della gastronomia della provincia di Cádiz e anche una delle località più ventose e torride dell’intera Andalusia.
Tarifa è uno di quei posti speciali di cui ti innamori, anche se non ci sono paesini bianchi meravigliosi o monumenti clamorosi.
A Tarifa c’è vento, spiagge enormi e vita anche d’inverno quando ci misi piede per la prima volta.
Un mio studente diceva che qui sono tutti un po’ folli per colpa del vento che soffia costantemente.
In verità, il vento più forte che io possa ricordare fu una notte a Cádiz: all’improvviso una finestra della mia stanza si spalancò e il vento del Mediterraneo entrò senza permesso dentro la mia camera!
Assieme ai profumi dell’Andalusia…

Tarifa
Imagen de Peter Pieras en Pixabay

Dicevamo della gastronomia di Tarifa, giusto?
Andando in giro per questa cittadina troverete tanti negozietti, bar, ristoranti, gente in spiaggia che fa surf e kite surf, ma non dimenticate mai che siete in Andalusia, la regione spagnola dove può fare caldissimo e dove si mangia divinamente.

Tocino de cielo

Tocino de cielo
Foto da Cadizturismo.com

Il Tocino de cielo è un dessert tipico della zona, le cui scuole più famose sono a Tarifa e Jerez.
E’ creato con tuorli d’uovo, zucchero e caramello ed è il dessert giusto per addolcire le vostre giornate.
Una delle pasticcerie più famose dove provarlo a Tarifa è certamente la Pasteleria la tarifeña.


Prima di passare all’interno e salire un po’ sulle colline tra altri piatti tipici e qualche pueblo blanco, fermiamoci un attimo su queste due meravigliose specialità “vista mare”

Amontillado y camarones con huevo frito

Amontillado y camarones con huevo frito_ E Puerto de Santa Maria
Da Sprint Sherry

L’amontillado è uno dei tanti vini della zona che dovete assolutamente provare. E’ un vino elegante che va bevuto fresco e si adatta bene a ogni esigenza.
In questo particolare piatto, con gamberi e uova fritte, esalta e mescola i sapori del mare e della natura.

Atún encebollado

Atún encebollado
Foto da Cadizturismo.com

Con tutte le località di mare che ci sono nella Provincia di Cádiz, trovare un buon tonno non dovrebbe essere un grosso problema. Tuttavia, se programmate un viaggio da queste parti, scoprirete che tra maggio e giugno, in località come Tarifa, Conil, Barbate e Zahara de los athunes, si organizzano diversi eventi chiamati Ruta del Atún, nei quali probabilmente riuscirete anche a provare tanti piatti a base di tonno come quello della foto ( con tonno e cipolla).

Filetto di tonno al burro
Foto Cadizturismo.com

El gastor

Tornando un po’ verso l’interno della provincia, si possono scoprire altri paesini bellissimi ma un po’ meno noti al turismo di massa: El Gastor sembra un vero e proprio giardino con le sue tipiche case bianchissime da vero pueblo blanco, vasi appesi ovunque, palme nelle piazze e piante enormi sparse qua e là.
El Gastor è anche conosciuto come “el Balcón de los Pueblos Blancos” ( il balcone dei pueblos blancos) per la posizione che ne favorisce le viste mozzafiato.
Una ragione in più per venire qui, credo…

Piatti tipici

I piatti popolari della zona di el Gastor includono stufato, spezzatino, zuppe, uova strapazzate di asparagi e altri a base di pollame e maiale.
Ma un piatto tipico di questo paese di montagna è certamente lo Spezzatino di Asparagi ( Guisote de espárragos) che è un composto a base di pane, olio, acqua e ovviamente asparagi di terra. Tutto questo viene servito in una grande pentola di famiglia della quale tutti, provvisti di cucchiaio, pane e vino, possono servirsi e mangiare.

Algodonales

Algodonales
Foto di Cadizturismo.com

No, non sono impazzito all’improvviso! Anche Algodonales è uno splendido pueblo blanco della provincia di Cádiz, ma volevo iniziare raccontandolo con uno dei tanti eventi che lo rendono caratteristico e famoso.
Quella della foto sopra è la rievocazione storica del 2 di maggio ( 2 de mayo).
Qui ad Algodonales viene ricreato l’evento che ad inizio maggio del 1810 mise di fronte gli abitanti di questo villaggio e i reggimenti dell’esercito francese guidati da Napoleone Bonaparte.
L a battaglia si lasciò dietro 273 morti e una settantina di case distrutte.
Dal 2005 è nata questa celebrazione in abiti tradizionali, che ha lo scopo di rendere omaggio ai valorosi che affrontarono l’esercito francese.

Olive spaccate
Foto da Cadizturismo.com

Gastronomia locale

Algodonales si trova in una zona ricca di uliveti. L’olio d’oliva da queste parti è un prodotto importante e di ottima fattura, così come le olive spaccate ( aceitunas partidas).
Se venite da queste parti, dovete assolutamente provare i formaggi e vini locali, ma anche un pasticcino tradizionale dalle “tendenze” un po’ arabe: il gañote.

Ubrique

Ubrique da San Antonio
Foto di CPL

Ubrique è stata dichiarata sito storico. Oltre che pueblo blanco tenete conto che da qui passa un tratto dell’antica strada romana che ne rivela le antichissime origini ( foto sotto).

UBRIQUE (SIERRA DE CÁDIZ).-
Strada romana che collega Ubrique con Benaocaz.- Foto di Fernando Ruso

Prodotti tipici e gastronomia

Chorizá – Ubrique –
Foto di Francisco Javier Sánchez Ramírez

Anche Ubrique, come altri pueblos blanco di montagna ha la sua bella tradizione enogastronomica.
Si parte dai formaggi locali prodotti in zona: i derivati dal latte di capra payoya gia menzionati, sono tra i più noti.
Le salsicce , salami, prosciutti e altri indsaccati creati con le tecniche del passato sono anch’essi ottimi prodotti da gustare anche come spuntino.
Tra i dolci potete provare anche qui il tradizionale gañote, che viene offerto tra i partecipanti a un concorso dedicato una volta l’anno.

…e per finire…

Lo ammetto…quando si tratta di mangiare e viaggiare, la vita assume un significato meraviglioso e tutto risplende di una luce diversa.
Da Cadizturismo ( grazie grazie grazie!!!)mi hanno inviato così tante foto e info che vorrei continuare questo articolo all’infinito…
Invece chiudo con le ultime tre tapas, con la speranza di tornare presto, anzi prestissimo in questa provincia stupenda!

Tapa de atún y queso – San Fernando –
Foto di David Ibáñez Montañez
Tapa de jamón – San Fernando –
Foto di David Ibáñez Montañez
Croquetas
Foto di Cadizturismo.com