7 good reasons to visit Bologna

Bologna is the city of towers also called the “learned”, the “red” and the “fat” and, so far, nothing new. But have you ever wondered what is so beautiful in Bologna besides a plate of tortellini (in broth) or one of the oldest universities in the world?

1. The arcades

Image by gustavozini from Pixabay

Bologna is much more than some famous monument that the Emilian capital can show off to the world. Bologna from July 2021 has finally seen its infinite kilometers of arcades (38 + 15) recognized by UNESCO which has included them in its exclusive list of world heritage sites.
The arcades of Bologna are not only a typical architectural beauty of the city, but also a monument for the citizens who have always felt “protected” by them
Imagine being able to visit the shops in the center and go shopping on rainy days without worrying about bringing an umbrella while 38 km of arcades in the historic center will cover you. And if you want to take a nice walk up to San Luca, here too you will find other arcades starting from Porta Saragozza and then from the Arco del Meloncello to the Sanctuary.

2.The culinary tradition

Tortellini
Photo by Francescolainok from Adobe stock

I cannot deny, however, that Bologna has a great reputation for its rich and delicious culinary tradition and, if like myself you have had a Bolognese grandmother, you can only confirm everything and add more.
Those who come to visit Bologna expect to find excellent lasagna, traditional tortellini and maybe even the typical mortadella of the city. Over time, the tradition has become somewhat lost, in the sense that lasagna with green pasta, béchamel and Bolognese sauce, with slow cooking from the time of our grandparents, have given way to some slightly more “neglected” and rapid.
Tortellini, which in the Bolognese tradition should be prepared strictly with broth or in the variant with cream, have been “raped” with some sauce or even with meat sauce.
In the city there are excellent restaurants, but also some “tourist traps” which, as in every city in the world, exist and survive the purpose. Personally, I find the farmhouses a little out of town very tasty, but as an inveterate traveler that I am, I understand that without a rental car or a good network of public transport, it is difficult to get anywhere.

3. The hills

Image by alexnetit from Pixabay

While we are on the subject of travel. If you come to Bologna you absolutely cannot miss the Bolognese hills (yes! Those of Cesare Cremonini’s song called “50 Special”).
The Bolognese hills are the greenest part of Bologna and the area where the richest people of the city usually live. In spring and summer it becomes a bit of a destination for everyone to find some lawn to relax and cool off with the air of the hills, while in the evening many go there to admire the city with the lights of the night.
Tradition has it that bringing your partner on the hills is not a good omen and probably after this event the couple will separate. I don’t know how true that is but, for some it “worked”.

4. Monuments and legends

Canal Bologna, Piella street – Italy – Hdr

In Bologna there is water.
If you want to see it with your own eyes, all you have to do is walk along via Indipendenza (the shopping street in Bologna) and when you are about halfway through, look for via Piella, a small street parallel to it. Here is a window (or a bridge on the opposite side) where you can see an underground canal of the city. With a little patience you can also take some photos (there is often a queue of people). Some argue instead that Bologna is empty in its subsoil and nothing is enough to make it sink. For this reason we cannot think of a subway line or underground works of a certain importance.
The university tradition has instead two important (among others) myths about the city: If you are a student in Bologna, it is bad luck to cross Piazza Maggiore (the one in front of San Petronio to be clear) diagonally and it is not recommended to climb the two Towers until you graduate. I know people who have tried to dispel these myths and still got the coveted degree, but it depends on how superstitious you are to decide what to do.

You can always ask Neptune for advice first and … who knows who won’t answer you!

5. The sea

Rimini…Photo by Fabio Tura on Unsplash

If you are born or come to live in Bologna then you will end up falling in love with the sea and Romagna.
The sea is not that of the Caribbean but the people are wonderful and you can eat like God here too!
Rimini is an hour and a half away by train, the Ravenna Riviera (Cervia, Milano Marittima and Cesenatico) about eighty kilometers away, while the Ferrara coast and the Po Delta, a little further away but always excellent for a weekend or a day trip.
The sea of Romagna for the Bolognese (but also for all Emilians) is a must that cannot be missed in spring and summer. The piadina, the beach, the trips in the pine forest, the evenings out and … the long queues on the highway on Sunday to return …
But it’s always worth it …

6. Car and motorcycle

Lamborghini Museum…Photo by Toni Zaat on Unsplash

If you are passionate about motors, Bologna and a large part of Emilia Romagna are good fertile ground. Arriving at Marconi airport you will already notice how important Lamborghini is in the area. A 640 horsepower Huracàn Evo with the inscription “follow me in our beautiful Country” whizzes through the runways of the Bologna airport “piloting” the airliners towards the gates. But it does not end there, because next to one of the entrance (or exit) doors of the airport you will also find a small space with two Lamborghinis on display and a small shop dedicated to the car manufacturer from Sant’Agata Bolognese..
In the museum Lamborghini instead there is the story of the founder Tonino Lamborghini and his engineering works. From the beginning, when he started creating tractors, then moving on to cars: the Miura, the legendary Countach and much more.

Borgo Panigale is home to one of the most famous motorcycle manufacturers in the world: Ducati. Here too you will find a large dedicated space with museum and Factory .
A few tens of kilometers from Bologna you reach Modena, where the heart of other Italian supercars beats. The best known is undoubtedly Ferrari. In Maranello there is the test track for the Formula 1 single-seaters and one of the two museums(the other is in Modena not far from the train station) which contain the whole history of what is the tradition of one of the most important car manufacturers in the world.
If you were not satisfied yet, you can go to the Imola racetrack where the formula 1 circus has returned for a couple of years. Near the Tamburello curve you can also find a bronze statue dedicated to Ayrton Senna who lost his life here in an accident in 1994.

7. The scents of the city

Image by francesco lucignano from Pixabay

Bologna has a different smell for every corner of the city or the province you walk through.
The scent of roasted chestnuts at Christmas along via Indipendenza or that of pizza by the slice in front of Altero.
Bologna smells of alcohol at night in the university area or dog piss (will they be dogs?) Under some porch.
The scent of hot croissants in the morning at 6.30 in via Carracci that I never understood where it comes from or the smell of the basement of the central station.
Bologna smells like the evening in the hills. So much so that one would want to get out of the car even if it is already late just to breathe and smell that beautiful scent of nature.
Bologna smells of burning fireplaces, of Christmas holidays and, when summer arrives, even of torrid asphalt …

… but above all … Bologna smells like home …

7 buoni motivi per visitare Bologna

Bologna è la città delle torri chiamata anche la “dotta”, la “rossa” e la “grassa” e, fin qui niente di nuovo. Ma vi siete mai chiesti cos’abbia di tanto bello Bologna oltre a un piatto di tortellini ( in brodo) o una delle università più antiche del mondo?

1. I portici

Image by gustavozini from Pixabay

Bologna è molto più di qualche famoso monumento che il capoluogo emiliano possa sfoggiare dinnanzi al mondo.
Bologna dal luglio del 2021 ha finalmente visti riconosciuti i suoi infiniti chilometri di portici ( 38 + 15) dall’UNESCO che li ha inclusi nella sua esclusiva lista dei patrimoni dell’umanità.
I portici di Bologna, non sono solo una bellezza architettonica tipica della città, ma anche un monumento per i cittadini che da sempre si sentono “protetti” da essi.
Immaginate di poter visitare i negozi del centro e far shopping nei giorni di pioggia senza preoccuparvi di portare l’ombrello mentre 38 km di portici del centro storico pensano a coprirvi. Se poi volete fare una bella passeggiata fino a San Luca, anche qui troverete altri portici partendo da Porta Saragozza e poi dall’Arco del Meloncello fino al Santuario.

2.La tradizione culinaria

Tortellini
Photo by Francescolainok from Adobe stock

Non posso negare però, che Bologna ha una grande nomea per la sua ricca e deliziosa tradizione culinaria e, se come il sottoscritto avete avuto una nonna bolognese, non potete che confermare tutto e aggiungere altro.
Chi viene a visitare Bologna si aspetta di trovare ottime lasagne, i tradizionali tortellini e magari anche la mortadella tipica della città.
Con il tempo la tradizione è un po’ andata smarrendosi, nel senso che le lasagne con pasta verde,besciamella e ragù alla bolognese, con cottura lenta dei tempi dei nostri nonni, hanno lasciato spazio a qualche variante un po’ più “trascurata” e veloce.
I tortellini, che nella tradizione bolognese andrebbero preparati unicamente col brodo o nella variante con la panna, sono stati “violentati” con qualche salsa o addirittura col ragù.
In città ci sono ottimi ristoranti, ma anche qualche “trappola per turista” che, come in ogni città del mondo, esiste e sopravvive allo scopo.
Personalmente, trovo gustosissimi gli agriturismi un po’ fuori città, ma da viaggiatore incallito quale sono, capisco che senza auto a noleggio o una buona rete di mezzi pubblici, sia difficile arrivare ovunque.

3. I colli

Image by alexnetit from Pixabay

Già che siamo in tema di spostamenti. Se venite a Bologna non potete perdere assolutamente i colli bolognesi ( si! quelli della canzone di Cesare Cremonini “50 Special”).
I colli bolognesi sono la parte più verde di Bologna e la zona dove in genere abita la gente più ricca della città.
In primavera ed estate diventa un po’ meta per tutti per trovare qualche prato per rilassarsi e rilnfrescarsi con l’aria delle colline, mentre la sera molti ci vanno per ammirare la città con le luci della notte.
La tradizione narra che portare il proprio partner sui colli non sia di buon auspicio e probabilmente dopo tale evento la coppia si separerà.
Non so quanto sia vero ma, per alcuni ha “funzionato”.

4 I monumenti e le leggende

Canal Bologna, Piella street – Italy – Hdr

A Bologna c’è l’acqua. Se volete vederla con ivostri occhi non dovete fare altro che passeggiare lungo via Indipendenza ( la via dello shopping bolognese) e arrivati circa a metà cercare via Piella, una piccola via parallela ad essa.
Qui c’è una finestrella ( o un ponte dal lato opposto) dove potere vedere un canale sotterraneo della città. Con un po’ di pazienza potrete fare anche qualche foto ( c’è spesso la coda di gente).
Alcuni sostengono invece che Bologna sia vuota nel suo sottosuolo e basti niente per farla sprofondare. Per questo motivo non si può pensare ad una linea di metropolitana o a lavori sotterranei di un certo rilievo.
La tradizione universitaria ha invece due importanti ( tra gli altri) miti sulla città:
Se siete studenti a Bologna porta sfortuna attraversare Piazza Maggiore ( quella di fronte a San Petronio per intenderci) in senso diagonale e non è consigliato salire sulle due Torri finchè non siete laureati.
Conosco gente che ha provato a sfatare questi miti e ha ottenuto comunque l’ambito titolo di studio, ma dipende da quanto siete superstizioni decidere il da farsi.
Potete sempre chiedere prima consiglio al Nettuno e…chissà che non vi risponda!

5. Il mare

Rimini…Photo by Fabio Tura on Unsplash

Se nascete o venite a vivere a Bologna poi finirà che vi innamorerete del mare e della Romagna. Il mare non è quello dei Caraibi ma la gente è stupenda e si mangia da Dio anche qui!
Rimini è a un’ora e mezza di treno, la riviera ravennate ( Cervia, Milano Marittima e Cesenatico) a un’ottantina di chilometri, mentre la costa ferrarese e il Delta del Po, poco più distanti ma sempre ottimi per un weekend o una gita di una giornata.
Il mare della Romagna per i bolognesi ( ma anche per tutti gli emiliani) è un must che in primavera e estate non può mancare. La piadina, la spiaggia, le gite in pineta, le serate fuori e…le lunghe code in autostrada la domenica al rientro…
Ma ne vale sempre la pena…

6. I motori

Lamborghini Museum…Photo by Toni Zaat on Unsplash

Se siete appassionati di motori, Bologna e buona parte dell’Emilia Romagna sono un buon terreno fertile. Arrivando all’aeroporto Marconi noterete già quanto importante è la Lamborghini sul territorio. Una Huracàn Evo da 640 cavalli con la scritta “follow me in our beautiful Country” sfreccia tra le piste dello scalo bolognese “pilotando” gli aerei di linea verso i gates.
Ma non finisce qui, perchè di fianco a una delle porte d’ingresso ( o di uscita) dell’aeroporto troverete anche un piccolo spazio con due Lamborghini esposte e un piccolo shop dedicato alla casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese.
Il museo Lamborghini si trova invece la storia del fondatore Tonino Lamborghini e delle sue opere ingegneristiche. Dall’inizio, quando partì creando trattori, passando poi alle auto: la Miura, la mitica Countach e tanto altro ancora.

Borgo Panigale ospita una delle case motociclistiche più famose del mondo: la Ducati. Anche qui potrete trovare un grande spazio dedicato con museo e Factory .
Qualche decina di chilometri da Bologna si raggiunge Modena, dove batte il cuore di altre supercar italiane. La più conosciuta è senza dubbio la Ferrari. A Maranello c’è la pista di prova delle monoposto di Formula 1 e uno dei due musei ( l’altro è a Modena non distante dalla stazione dei treni) che racchiudono tutta la storia di quella che è la tradizione di una delle case automobilistiche più importanti del mondo.
Non foste ancora sazi potete andare all’autodromo di Imola dove è tornato il circo della formula 1 da un paio di anni. Nei pressi della curva del Tamburello potete trovare anche una statua in Bronzo dedicata ad Ayrton Senna che qui perse la vita in un incidente nel 1994.

7. I profumi della città

Image by francesco lucignano from Pixabay

Bologna ha un odore diverso per ogni angolo di città o della provincia che percorriate. Il profumo delle castagne arrosto a Natale lungo via Indipendenza o quello della pizza al taglio di fronte ad Altero.
Bologna puzza d’alcool la notte in zona universitaria o di piscio di cane ( saranno poi cani?) sotto qualche portico.
Il profumo dei cornetti caldi la mattina alle 6.30 in via Carracci che non ho mai capito da dove arriva o l’odore dei sotterrani della stazione centrale.
Bologna profuma la sera in collina. Così tanto che verrebbe voglia di scender dalla macchina anche se è già tardi solo per respirare e sentire quel bel profumo di natura. Bologna profuma di camini accesi, di feste natalizie e, quando arriva l’estate, anche di asfalto torrido…

…ma soprattutto…Bologna profuma di casa…

Sylt: l’isola da sogno tra dune, sentieri, buon cibo e il mare protetto di Wadden

Sylt misura solo 99 chilometri quadrati di superficie. Ma se si potesse misurare la sua bellezza in numeri, forse non basterebbe una cifra esatta per descrivere quanto c’è di bello su quest’isola tedesca avvolta dal mare di Wadden protetto dall’UNESCO. Dune di sabbia, scogliere imponenti, una linea ferroviaria che viaggia su una diga costruita tra la terraferma e Sylt ( la Hindenburgdamm), fiori colorati a primavera e il mare del Nord che ispira mille sensazioni e stati d’animo diversi.

Sylt è anche sport, con centinaia di percorsi pedonali e ciclabili, campi da golf, possibilità di fare surf, ma anche ristoranti con ogni tipo di offerta, che va dal ristorante sofisticato fino a quello sulla spiaggia per chi desidera qualcosa di più semplice.

La bellezza della natura e il rischio di erosione
Image by Marc Rickertsen from Pixabay

Dal 1923 Sylt è stata posta sotto tutela per la grande importanza che rappresenta a livello naturalistico. Il 50% del suo piccolo territorio è protetto: dal 1985 l’area compresa tra il Nord di Sylt e la Foce del fiome Elbe ( a nord di Amburgo) è parte dello Schleswig-Holstein Wadden National Park e dal 2009 il mare di Wadden a largo di Sylt è anche patrimonio naturale dell’UNESCO.

Tutto non è così semplice però, perchè Sylt perde ogni anno un milione di metri cubi di sabbia a causa del vento. La forza dei venti occidentali sposta la sabbia verso nord o verso sud. Per questo motivo dal 1972 è cominciato un processo di “recupero” e “conservazione” delle spiagge: dall’inizio degli anni ’70 al 2019 sono stati prelevati circa 52 milioni di metri cubi di sabbia poi reintrodotti nelle parti occidentali e a nord dell’isola.
Una nave a una decina di chilometri dalla costa preleva sabbia a una profondità di 15 metri che viene pompata sulle spagge dove i buldozer risistemano il tutto tra dune e spiaggia.
Il progetto è finanziato da fondi federali e dell’Unione Europea anche se dal 2007 gli abitanti di Sylt hanno creato la Fondazione per la protezione Costiera Sylt che mira a proteggere l’isola con raccolte fondi e altre iniziative.

Percorso di legno attraverso un paesaggio di erica vicino a Braderup sull’isola di Sylt
By Lightbox from Shutterstock

La brughiera tra Bruderup e Kampen è sicuramente un luogo da non perdere. Sentieri escursionistici tradizionali o in legno attraversano campi viola di erica ( da non raccogliere!) con viste mare davvero spettacolari.
E, a proposito di mare…
Nel 1999 il Mare di Wadden è diventato anche Santuario per il passaggio delle balene! Si calcola che circa 6000 balene passino da Sylt ogni anno durante il loro viaggio migratorio. Nel 2016, con l’aiuto dell’Ufficio di Stato per il Parco Nazionale, la Protezione Marina e Costiera e la Stazione di protezione del mare di Wadden è stato realizzato un percorso informativo sul passaggio delle balene a Sylt, che consiste in 22 unità informative collocate sulla costa occidentale tra List e Hörnum.

La ferrovia, la diga e il treno
Image by Peter Toporowski from Pixabay

Sembrerà banale, ma la prima cosa che vedrete arrivando a Sylt è proprio il mare. L’isola è collegata con la terra ferma da una diga sormontata da una ferrovia che si insinua all’interno di Sylt trasportando auto e passeggeri.
La Hinderburgdamm è stata aperta il 1° giugno del 1927 ed è lunga 11 Km. Il tempo di percorrenza medio tra il terminal di carico auto a Niebüll in Germania e il capoluogo di Sylt, Westerland, è di circa 40 minuti. Da Amburgo impiegherete circa 3 ore.
Se preferite treno ad aereo e nave, potete consultare gli orari sul sito della Deutsche Bahn.

Sylt: tra buon gusto, ristoranti e…vigneti
Frische Austern by Karepa from Adobe Photo Stock

Non è un caso che Sylt possa contare ben 200 ristoranti. Sia che preferiate un pasto leggero in riva al mare o che decidiate di sedervi a tavola per consumare un raffinato piatto tipico del luogo, a Sylt troverete quello che fa per voi.
Non mancano i ristoranti stellati e adatti a ogni tipo di palato raffinato.
A Sylt sono i piatti di pesce a rendere l’idea della freschezza del luogo in cui vi trovate. Dal mare arriva un prodotto fresco e d’eccellenza che viene trasformato in piatti semplici o elaborati.
Sgombro, aringa e salmone possono diventare semplici ma deliziose “farciture” per un panino che rimane un pasto veloce tra i più consumati sull’isola mentre l’Ostrica costituisce un piatto decisamente più chic ma popolare tra i ristoranti.

Friesentorte im Café by Brigit Puck from Adobe Stock

Se volete saziarvi con un peccato di gola, magari dopo una bella giornata passata a camminare tra i sentieri di Sylt o sulle spiagge dell’isola, la friesentorte è il genere di piacere che fa al caso vostro. Molti caffè di Sylt servono questa torta deliziosa che accompagna bene ogni stagione. Dimenticatevi per un momento delle calorie e godetevi un caffè e il gusto di una torta sublime.

Se pensate che Sylt si trovi troppo a Nord per la coltivazione delle viti e per poter vantare un proprio vino allora dovreste sapere che sull’isola esistono due vigneti che producono Il Söl’ring e il Sölviin.
I due vini, per ottenere la denominazione dell’isola, vengono “pestati” e fatti fermentare a Sylt ma una volta raggiunta la fermentazione ottimale, raggiungono la terraferma per l’imbottigliamento

L’isola “sportiva”
Image by Karsten Bergmann from Pixabay

Sylt è il paradiso degli amanti degli sport acquatici, ma anche coloro che preferiscono gli sport “terrestri” troveranno spazio per divertirsi con sentieri escursionistici e campi da golf.
Se amate il wind surf considerate che Sylt ospita una tappa del campionato mondiale ma questo non esclude ai principianti la possibilità di imparare a surfare proprio in questi mari. Ci possono essere giornate tempestose ma anche periodi in cui il mare tranquillo e piatto regala quiete e possibilità di provare a chi non è esperto imparando dai maestri più bravi.

Gli sport di “terra” invece si dividono tra i sentieri dell’isola, i 4 campi da golf a 18 buche e i campi da tennis. Se tenete conto dei panorami mozzafiato di Sylt, non vi sarà difficile immaginare quali immagini vi troverete davanti agli occhi camminando per l’isola o sfidando gli amici sul campo di golf.

Giovane donna in bicicletta durante il viaggio lungo la costa dell’isola di Sylt vicino al villaggio di List, Germany.
Photo by Pkazmierzak from Adobe stock

Una soluzione ottimale per fare sport e ammirare Sylt può essere quella di prendere una bici e percorrere i 200 Km di percorsi dedicati.
Potete noleggiarla o portarla da casa ma l’importante è che abbiate con voi un mezzo ecologico ed economico che vi permetta di attraversare le meraviglie di quest’isola unica.
Potete sfidare il vento, ammirare il mare, pedalare per chilometri.
Voi e la natura.
Cosa c’è di più bello?

Quando andare a Sylt?
Sylt: Il faro di Kampen in inverno
Image by Inselopa from Pixabay

Qualcuno sostiene che Sylt abbia tante facce per quante sono le stagioni dell’anno e, per questo motivo valga la pena visitarla in ogni periodo.
L’estate è una stagione turbolenta, quella che cerca di restare in primo piano con le tiepide serate in spiaggia, i colori dell’alba e del tramonto sul mare. L’autunno è il periodo in cui finiscono le grandi feste, l’isola diventa più tranquilla e appaiono i colori tipici di questa stagione intermedia.
La primavera tutto esplode. l’inverno va in letargo e i fiori cominciano a colorare Sylt. Appare il giallo della colza sui campi e il sole comincia a scaldare le dune dell’isola.
Molti infine sostengono che sia l’inverno la stagione in cui si possa imparare a conoscere la vera anima di Sylt.: la luce invernale e il silenzio sommergono Sylt di un’atmosfera unica. Si accendono i camini, ci si ferma nei caffè, nelle sale da tè e si passeggia sulla spiaggia al freddo. E’ il periodo perfetto per conoscere gli abitanti dell’isola.

Il Biikebrennen
Biikebrennen: una tradizione frisone celebrata a Sylt
Photo by Murat Yelkenli from Shutterstock

La sera del 21 febbraio a Sylt si ripete una tradizionale “fiaccolata” con un grande falò finale per salutare la fine dell’inverno.
Questa usanza è patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO e, di solito si conclude con grandi mangiate tra le case di Sylt o in giro per i ristoranti.
Prima che venga acceso il grande falò, i personaggi più conosciuti dell’isola tengono vari discorsi poi, quando il fuoco è acceso e tutte le fiaccole sono state lanciate nel grande falò, la gente intona la canzone popolare “Üüs Söl’ring Lön’” ( la nostra terra di Sylt).
Successivamente, tutte le famiglie si radunano in casa o nei ristoranti per consumare i piatti tipici e le specialità della Germania settentrionale, laddove regnano salsiccia bollita, maiale affumicato e pancetta di maiale oltre alle patate e altri contorni di verdura come la verza e il cavolo.

Sylt in numeri
  • La superficie di Sylt misura 99 Kmq, di cui il 33% è ricoperto da dune;
  • La lingua madre dell’isola è il il Söl’ring;
  • Sylt è composta da 5 comuni e 12 città insulari;
  • Il mare di Sylt in estate raggiunge i 21° C;
  • Sylt è protetta da 22 Km di dighe;
  • Qui vivono ca 20.000 abitanti;
  • …ma ci sono più di 62.000 letti per i turisti;
  • Milioni di uccelli migratori vengono nel mare di Wadden e a Sylt;
  • La Duna Uwe di Kampen, che misura 52,5 m, è la duna naturale più alta di Sylt;
La duna Uwe
Image by Wheely248 from Pixabay
  • A List vengono raccolte 1 milione di ostriche l’anno:
  • A Sylt ci sono 4 fari;
  • Sylt si è separata dalla terraferma circa 8000 anni fa;

Fonte: Sylt.de e insel-sylt.de
Foto: Adobe Stock, Shutterstock e Pixabay

Sylt: the dream island between dunes, trails, good food and the protected Wadden sea

Sylt measures only 99 square kilometers in area. But if its beauty could be measured in numbers, perhaps an exact figure would not be enough to describe how beautiful there is on this German island surrounded by the UNESCO-protected Wadden Sea. Sand dunes, imposing cliffs, a railway line that travels on a dam built between the mainland and Sylt (the Hindenburgdamm), colorful flowers in spring and the North Sea that inspires a thousand different sensations and moods.

Sylt is also sport, with hundreds of walking and cycling routes, golf courses, surfing opportunities, but also restaurants with all kinds of offers, ranging from sophisticated restaurants to beach restaurants for those who want something simpler.

The beauty of nature and the risk of erosion
Image by Marc Rickertsen from Pixabay

Since 1923 Sylt has been placed under protection due to the great importance it represents at a naturalistic level. 50% of its small territory is protected: since 1985 the area between the north of Sylt and the mouth of the Elbe river (north of Hamburg) is part of the Schleswig-Holstein Wadden National Park and since 2009 the Wadden Sea off Sylt is also a UNESCO World Heritage Site.

Everything is not that simple, however, because Sylt loses a million cubic meters of sand every year due to the wind. The force of the westerly winds moves the sand north or south. For this reason, a process of “recovery” and “conservation” of the beaches began in 1972: from the beginning of the 1970s to 2019 approximately 52 million cubic meters of sand were collected and then reintroduced in the western and northern parts of the island. . A ship about ten kilometers from the coast picks up sand at a depth of 15 meters which is pumped onto the beaches where the buldozers rearrange everything between the dunes and the beach.
The project is financed by federal and European Union funds although since 2007 the inhabitants of Sylt have created the Sylt Coastal Protection Foundation which aims to protect the island with fundraising and other initiatives.

Wooden pathway through a heather landscape near Braderup on the island Sylt
By Lightbox from Shutterstock

The moorland between Bruderup and Kampen is definitely a must-see. Traditional or wooden hiking trails pass through purple fields of heather (not to be picked up!) With truly spectacular sea views.
And speaking of the sea …
In 1999 the Wadden Sea also became a Sanctuary for the passage of whales! It is estimated that around 6000 whales pass through Sylt each year on their migratory journey. In 2016, with the help of the State Office for the National Park, Marine and Coastal Protection and the Wadden Sea Protection Station, an information path was created on the passage of whales on Sylt, which consists of 22 information units located on the west coast between List and Hörnum.

The railway, the dam and the train
Image by Peter Toporowski from Pixabay

It may seem trivial, but the first thing you will see when arriving on Sylt is the sea. The island is connected to the mainland by a dam surmounted by a railway which creeps into Sylt carrying cars and passengers.
The Hinderburgdamm was opened on 1 June 1927 and is 11 km long. The average travel time between the car loading terminal in Niebüll in Germany and the capital of Sylt, Westerland, is approximately 40 minutes. From Hamburg it will take about 3 hours. If you prefer train to plane and ship, you can consult the timetables on the website of the Deutsche Bahn.

Sylt: between good taste, restaurants and…vineyards
Frische Austern by Karepa from Adobe Photo Stock

It is no coincidence that Sylt can count as many as 200 restaurants. Whether you prefer a light meal by the sea or you decide to sit down to eat a refined typical dish of the place, on Sylt you will find what is right for you. There is no shortage of starred restaurants suitable for every type of refined palate. On Sylt it is the fish dishes that convey the freshness of the place where you are. From the sea comes a fresh and excellent product that is transformed into simple or elaborate dishes. Mackerel, herring and salmon can become simple but delicious “fillings” for a sandwich that remains one of the most consumed quick meals on the island while Oyster is a decidedly more chic but popular dish among restaurants.

Friesentorte im Café
by Brigit Puck from Adobe Stock

If you want to satisfy yourself with a sin of gluttony, perhaps after a beautiful day spent walking along the paths of Sylt or on the beaches of the island, friesentorte is the kind of pleasure for you. Many cafes on Sylt serve this delicious cake that goes well with any season. Forget about calories for a moment and enjoy a coffee and the taste of a sublime cake.

If you think that Sylt is too far north for the cultivation of vines and to be able to boast its own wine then you should know that there are two vineyards on the island that produce Söl’ring and Sölviin. The two wines, to obtain the name of the island, are “pounded” and fermented on Sylt but once the optimal fermentation is reached, they reach the mainland for bottling.

The “sporting” island
Image by Karsten Bergmann from Pixabay

Sylt is a paradise for water sports lovers, but even those who prefer “land” sports will find space to have fun with hiking trails and golf courses. If you love wind surfing, consider that Sylt hosts a stage of the world championship but this does not exclude beginners from the possibility of learning to surf in these seas. There can be stormy days but also times when the calm and flat sea gives peace and the possibility of trying to those who are not experts by learning from the best masters.

The “land” sports, on the other hand, are divided between the island’s paths, the 4 18-hole golf courses and tennis courts. If you take into account the breathtaking views of Sylt, it will not be difficult for you to imagine what images you will find before your eyes walking around the island or challenging your friends on the golf course.

Young woman on bicycle while traveling along the coast of the island of Sylt near the village of List, Germany.
Photo by Pkazmierzak from Adobe stock

An optimal solution to play sports and admire Sylt can be to take a bike and travel the 200 km of dedicated routes. You can rent it or bring it from home but the important thing is that you have an ecological and economical vehicle with you that allows you to cross the wonders of this unique island.
You can brave the wind, admire the sea, pedal for miles.
You and nature.
What’s more beautiful?

When to go to Sylt?
Sylt: Kampen lighthouse in winter
Image by Inselopa from Pixabay

Some say that Sylt has as many faces as there are seasons of the year and, for this reason, it is worth visiting at any time of the year.
Summer is a turbulent season, one that tries to stay in the foreground with the warm evenings on the beach, the colors of sunrise and sunset over the sea. Autumn is the time when the big holidays end, the island becomes calmer and the typical colors of this intermediate season appear.
Spring all explodes. winter hibernates and the flowers begin to color Sylt. The yellow of the rapeseed appears on the fields and the sun begins to warm the dunes of the island.
Finally, many argue that winter is the season in which you can get to know the true soul of Sylt: the winter light and silence flood Sylt with a unique atmosphere. The fireplaces are lit. More time is spent in cafes and tea rooms. It is the perfect time to get to know better the inhabitants of the island.

The Biikebrennen
Biikebrennen: a Frisian tradition celebrated on Sylt
Photo by Murat Yelkenli from Shutterstock

On the evening of February 21, a traditional “torchlight procession” is repeated in Sylt with a large final bonfire to greet the end of winter.
This custom is an intangible cultural heritage of UNESCO and usually ends with large meals between the houses of Sylt or around the restaurants. Before the big bonfire is lit, the best-known characters of the island give various speeches then, when the fire is lit and all the torches have been thrown into the big bonfire, people sing the popular song “Üüs Söl’ring Lön ‘” (our land of Sylt). Subsequently, all the families gather at home or in restaurants to consume the typical dishes and specialties of Northern Germany, where boiled sausage, smoked pork and pork belly reign in addition to potatoes and other vegetable side dishes such as savoy cabbage and cabbage.

Sylt in numbers
  • The surface of Sylt measures 99 square kilometers, of which 33% is covered by dunes;
  • The native language of the island is the Söl’ring;
  • Sytl is made up of 5 municipalities and 12 island towns;
  • The sea of Sylt in summer reaches 21 ° C;
  • Sylt is protected by 22 km of dams;
  • About 20,000 inhabitants live here;
  • …but there are more than 62,000 tourist beds;
  • Millions of migratory birds come to the Wadden Sea and Sylt;
  • The Uwe Dune of Kampen, measuring 52.5 m, is the highest natural dune on Sylt;
The Uwe dune
Image by Wheely248 from Pixabay
  • At List 1 million oysters are harvested a year:
  • There are 4 lighthouses on Sylt;
  • Sylt separated from the mainland about 8000 years ago;

Sources: Sylt.de e insel-sylt.de
Photos: Adobe Stock, Shutterstock e Pixabay

Ani: la ghost town turca protetta dall’UNESCO

Ani un tempo era una vivace città commerciale situata lungo la Via della Seta. Ciò che ne resta oggi si trova nella regione del Kars , in Turchia, ma un tempo era la capitale regno armeno che comprendeva gran parte dell’attuale Armenia e della Turchia orientale.

Le prime persone arrivarono qui attorno al 3000 a.C. e trovarono un luogo sicuro in cui stabilirsi , sentendosi protetti dalle gole profonde create dal fiume Akhurian. Ani ha poi visto passare 23 civiltà e dinastie diverse nel corso dei secoli ed è stata saccheggiata e distrutta fino ai giorni nostri, dove vandali e qualcuno di passaggio ancora si diletta a rovinare ciò che ne resta.

Solo dal luglio del 2010 l’UNESCO l’ha inclusa nella lista dei suoi patrimoni e, per i pochi edifici rimasti in questa città fantasma, c’è speranza di poter sopravvivere nel tempo, preservando una storia che dura da secoli.

La Chiesa di San Gregorio di Tigran Honents, ad Ani, Turchia
Foto di Marco Tomasini da Shutterstock

Ani emana una bellezza autentica anche oggi, nonostante sia rimasto poco della capitale di un tempo. Le stagioni diverse regalano colori sempre vivi e, a differenza di altri siti archeologici o ghost town turistiche, qui non troverete grandi folle di turisti, ma solo persone attratte dal senso di avventura e dal luogo speciale.

Gli edifici di Ani sono costruiti in basalto vulcanico della zona, che si presta bene all’uso, ha poteri isolanti e colori che variano dal rossastro al nero. L’edificio più importante di Ani è la cattedrale, danneggiata gravemente dal terremoto del 1319 e da un’invasione mongola. Sparsi tra i prati e le colline risiedono edifici che necessitano comunque di una visita. Considerate che sulla via principale ( turistica) ne troverete alcuni dei più importanti come la moschea e le tre chiese( Santissimo Salvatore, San Gregorio e Santo Redentore), ma se volete esplorare le colline attorno per scoprire tutta l’antica città, forse dovreste prendervi qualche ora in più.

Arrivare ad Ani

Per arrivare ad Ani è necessario innanzi tutto raggiungere Kars da Ankara o da dovre preferite. Una volta arrivati a Kars si può scegliere tra i diversi tours giornalieri offerti dalle varie agenzie oppure potete cercare qualche autobus locale che può portarvi fino al sito archeologico attraverso una strada di circa 42 km.
In alternativa potete noleggiare un auto e ammirare con ancora più calma il paesaggio rurale.

Ani: the Turkish ghost town protected by UNESCO

Ani was once a bustling trading town located along the Silk Road. What remains of it today is found in the Kars region of Turkey, but it was once the capital of Armenian kingdom that encompassed much of present-day Armenia and eastern Turkey.

The first people arrived here around 3000 BC. and they found a safe place to settle, feeling protected by the deep gorges created by the Akhurian River. Ani has then seen 23 civilizations and different dynasties pass over the centuries and has been sacked and destroyed to the present day, where vandals and someone passing by still delight in ruining what remains of it.

Only since July 2010 has UNESCO included it in the list of its heritage and, for the few buildings left in this ghost town, there is hope of being able to survive over time, preserving a history that has lasted for centuries.

The Church of St Gregory of Tigran Honents, in Ani, Turkey
Photo by Marco Tomasini from Shutterstock

Ani exudes authentic beauty even today, despite little left of the former capital. The different seasons always give vivid colors and, unlike other archaeological sites or tourist ghost towns, here you will not find large crowds of tourists, but only people attracted by the sense of adventure and the special place.

Ani’s buildings are constructed from the area’s volcanic basalt, which lends itself well to use, has insulating powers and colors ranging from reddish to black. The most important building in Ani is the cathedral, which was badly damaged by the 1319 earthquake and a Mongol invasion. Scattered among the meadows and hills are buildings that still need a visit. Consider that on the main (tourist) street you will find some of the most important such as the mosque and the three churches (Most Holy Savior, St. Gregory and Holy Redeemer), but if you want to explore the hills around to discover the whole ancient city, maybe you should take a few more hours.

Getting to Ani

To get to Ani it is first of all necessary to reach Kars from Ankara or wherever you prefer. Once you arrive in Kars you can choose between the different daily tours offered by the various agencies or you can look for some local bus that can take you to the archaeological site via a road of about 42 km.
Alternatively, you can rent a car and admire the rural landscape even more calmly.

Røros: l’antico villaggio minerario norvegese protetto dall’UNESCO

Røros è un antichissimo villaggio minerario tipico del Trøndelag, dove troverete casette di legno e colori come in nessun altro posto. Il Natale e in inverno tutto si colora di bianco, di luci e l’atmosfera diventa ancora più caratteristico.
Fondata nel 1644 dopo il ritrovamento di giacimenti di rame nella zona, Røros è diventata prima una delle città minerarie più importati della Norvegia e poi patrimonio dell’UNESCO dal 2010.

Sebbene le case di Røros risalgano ad un periodo compreso tra il 1700 e il 1800, oggi tutto è conservato col fascino originario e questa piccola destinazione ha anche ottenuto la certificazione di meta sostenibile per l’impegno che hanno dedicato gli abitanti nella riduzione dell’impatto ambientale del turismo.

Cosa fare e vedere a Røros
Thomas Rasmus Skaug – VisitNorway.com

Come già detto, Røros si colora tantissimo nel periodo natalizio e, se riuscite, venite a godervi la neve e i mercatini di Natale di questo caratteristico villaggio norvegese.
Le attività invernali non mancano sicuramente: dal dog sledding , fino allo sci, qui la varietà di sport invernali è infinita.
In estate invece le attività cambiano ma non mancano sicuramente. La natura offre la possibilità di fare escursioni a piedi o in bici, pescare ed esplorare tutta la zona.

Il vanto maggiore di Røros è senza dubbio la sua chiesa , la Bergstadens Ziir ( foto sopra) che significa “orologio della città mineraria”.
Questa chiesa ha una lunghissima storia, lunga almeno quanto quella del villaggio a cui appartiene: la primissima chiesa di Røros fu costruita nel 1651, pochi anni dopo la “nascita” del villaggio minerario.
Destino volle che, essendo anch’essa costruita interamente in legno ( come il resto del villaggio), dopo un po’ di anni cominciò a manifestare alcuni segni di cedimento. Fu allora che si iniziò a pensare ad un nuovo progetto.

Nel 1779 fu demolita la vecchia chiesa e iniziarono i lavori di quella nuova, disegnata da Peter Leonard Neumann. La nuova chiesa venne costruita con pietre di ardesia e fu completata e consacrata nel 1784.
Nel 1814 questa e altre chiese norvegesi furono utilizzate come seggio elettorale per l’Assemblea Costituente norvegese, durante la quale si scrisse la Costituzione norvegese.
Agli inizi del ‘900 fu aggiunta l’elettricità, a un centinaio di anni più tardi risale il successivo restauro.

I dintorni
Thomas Rasmus Skaug – VisitNorway.com

Quando l’oscurità si posa intorno ai tronchi di pino è bello sentire il calore del fuoco. È facile lasciarsi sedurre dalle fiamme danzanti, ma non bisogna dimenticare di guardare le stelle di tanto in tanto.

I parchi nazionali di Femundsmarka e Forollhogna assicurano tutto lo spazio la natura e la vita all’aria aperta che, eventualmente, vi fosse mancato durante il resto dell’anno. Qui vivono tantissime renne e se siete in cerca della tipica atmosfera nordica, questo è il posto giusto.
Non dimenticate il Jutulhogget , il canyon più grande di tutta l’Europa settentrionale

Curiosità
Thomas Rasmus Skaug – VisitNorway.com

In inverno, la gente usa spesso uno spark per spostarsi tra le vie del villaggio. Non è altro che una slitta perfetta per ammirare ogni angolo della cittadina e cercare negozietti e ristorantini perfetti per il vostro viaggio.

Come arrivare a Røros

Per arrivare a Røros potete utilizzare tutti i mezzi di trasporto:
Da Trondheim potete prendere l’autobus, se invece preferite il treno avete diverse opzioni con o senza cambio lungo il percorso.
L’aeroporto di Røros dista 50′ di volo da quello di Oslo Gardermoen.
Dall’aeroporto di Trondheim invece potete raggiungere molte città norvegesi e altrettante capitali europee.

Se invece optate per l’auto, contate che Røros dista circa 5 ore da Oslo e un paio da Trondheim.

Fonte: Visit Norway e roros.no

Røros: the old Norwegian mining village protected by UNESCO

Røros is an ancient mining village typical of Trøndelag, where you will find wooden houses and colors like nowhere else. Christmas and in winter everything turns white, lights and the atmosphere becomes even more characteristic. Founded in 1644 after the discovery of copper deposits in the area, Røros first became one of the most important mining towns in Norway and then a UNESCO World Heritage Site since 2010.

Although the houses of Røros date back to a period between 1700 and 1800, today everything is preserved with its original charm and this small destination has also obtained the certification of sustainable destination for the commitment that the inhabitants have dedicated to reducing the impact environmental tourism.

What to do and see in Røros
Thomas Rasmus Skaug – VisitNorway.com

As already mentioned, Røros is very colorful during the Christmas period and, if you can, come and enjoy the snow and the Christmas markets of this quaint Norwegian village.
Winter activities are certainly not lacking: from dog sledding to skiing, here the variety of winter sports is endless. In summer, however, the activities change but certainly not lacking.
Nature offers the possibility of hiking or biking, fishing and exploring the whole area.

The greatest pride of Røros is undoubtedly its church, the Bergstadens Ziir (pictured above) which means “mining town clock”. This church has a very long history, at least as long as that of the village to which it belongs: the very first church of Røros was built in 1651, a few years after the “birth” of the mining village. Destiny wanted that, being also built entirely of wood (like the rest of the village), after a few years it began to show some signs of subsidence. It was then that they began to think about a new project.

In 1779 the old church was demolished and work began on the new one, designed by Peter Leonard Neumann. The new church was built with slate stones and was completed and consecrated in 1784. In 1814 this and other Norwegian churches were used as a polling station for the Norwegian Constituent Assembly, during which the Norwegian Constitution was written. At the beginning of the 1900s electricity was added, and the subsequent restoration dates back to a hundred years later.

The surroundings
Thomas Rasmus Skaug – VisitNorway.com

When darkness settles around the pine logs it is nice to feel the warmth of the fire. It’s easy to be seduced by the dancing flames, but don’t forget to gaze at the stars from time to time.

The national parks of Femundsmarka and Forollhogna ensure all the space, nature and outdoor life that, if any, were missing during the rest of the year. Lots of reindeer live here and if you are looking for the typical Nordic atmosphere, this is the place.
Don’t forget the Jutulhogget, the largest canyon in all of northern Europe

Curiosity
Thomas Rasmus Skaug – VisitNorway.com

In winter, people often use a spark to navigate the village streets. It is nothing more than a perfect sled to admire every corner of the town and look for the perfect little shops and restaurants for your trip.

How to get to Røros

To get to Røros you can use all means of transport: From Trondheim you can take the bus, but if you prefer the train you have several options with or without changes along the way. Røros airport is a 50 ‘flight from Oslo Gardermoen airport. From Trondheim airport, on the other hand, you can reach many Norwegian cities and as many European capitals.

If you prefer to travel by car, Røros is 5 hours from Oslo and a couple of hours from Trondheim

Source: Visit Norway and roros.no

Salonicco: come scoprire una città unica ricca di storia e bellezza

Piazza Aristotelous, Salonicco, Grecia di Viktor Posnov
da Adobe Stock

Salonicco è una moderna città portuale fondata agli inizi del 300 dal suo primo re Cassandro che diede a questa città il nome di sua moglie Tessalonica, sorella di Alessandro Magno.
Il passaggio di diversi periodi ed epoche in cui Salonicco ha visto prosperità, guerre e occupazioni ha permesso di creare la storia di questa città che oggi vanta monumenti paleocristiani e bizantini riconosciuti come patrimonio dell’UNESCO.

Il patrimonio dell’UNESCO
Le Mura di Salonicco @GNTO HKakarouhas

La storia della città è presente in ogni angolo di Salonicco.  Le mura (foto sopra) misurano 4 km e sono state costruite insieme alla città stessa.
Nell’angolo superiore delle fortificazioni della città si trova l’Eptapyrgion, una fortezza bizantina di epoca ottomana.
Assolutamente da non perdere è la Rotonda, tempio romano a cupola convertito negli anni del cristianesimo nella Chiesa di San Giorgio.

Proseguendo per un giro tra le chiese, si possono ammirare quelle di San Demetrio (foto sotto), San Davide (o Monastero di Latomou) e il Monastero di Vlatadon che offre una bellissima vista sul Golfo Termaico e mosaici di epoca bizantina.

E ancora, la chiesa del Profeta Elia, la chiesa dei Dodici Apostoli (sempre di epoca tardo bizantina), la chiesa paleocristiana di Panagia Ageropolltos.
Se, una volta arrivati qui, volete vedere più storia, ecco le due chiese nelle foto sopra: La chiesa di Santa Sofia del VII secolo e la chiesa di Panagia Calcheon conosciuta anche come la chiesa rossa.

Cosa fare di giorno

Salonicco è prima di tutto una città di mare. Gli amanti dello jogging e delle passeggiate possono approfittare del famoso viale Nikis per conoscere uno dei lati più famosi della città greca.
Partendo poi da Piazza Aristotele fino alle vie dello shopping come Mitropoleos, Tsimiski, Pavlou Mela, Proxenou Koromila ad esempio, potrete buttarvi nel cuore della città e lasciarvi andare allo shopping più sfrenato.
In alternativa si possono visitare i mercati tradizionali come quelli di Modlano, Kapati o Vatikioti dove si possono trovare prodotti freschi o semplicemente godersi i profumi tipici del luogo.

Mostre e musei

Come non parlare delle mostre e dei musei di Salonicco? Il punto di riferimento della città, ovvero la Torre Bianca, offre una mostra in cui è raccontato il passato storico della città. Se è vero che la Grecia ha una storia antica che quasi nessun altro paese al mondo può vantare, perché non iniziare da qui per conoscere un po’ il passato del luogo che state esplorando?

Salonicco, Torre bianca @GNTO, KKouzouni

Il Museo Archeologico, il Museo della Cultura Bizantina, il Museo Ebraico di Salonicco, il Museo Statale d’Arte Contemporanea, il Museo del Cinema e il Museo della Fotografia sono solo tra i tanti musei che potrete visitare in città.


Cosa fare la sera

Quando arriva l’ora di cena e la città comincia ad animarsi con le prime luci della notte, i quartieri dove si può andare sono Ladadika, Evosmos e Ano Poli. Se in tanti abbiamo familiarità con i fantastici ristoranti greci, forse alcuni non conoscono bene le taverne più tradizionali come l’ouzeri, dove servono ouzo con mezedes (gustosi bocconcini di pesce o carne) o la rebetadiko, una taverna con musica rebetiko dal vivo.

Salonicco,Nighlife, @GNTO HKakarouhas


Per chi vuole fare le ore piccole, ci sono bar e locali lungo via Valaritou, nella zona del porto, a Kalamarià, Toumpa, Kastra e Polichni. Il Casino Regency si trova a 12 km dalla città, in direzione dell’aeroporto. Ma ricordate che dovete avere più di 25 anni per entrare.
Se invece siete a Salonicco con la vostra dolce metà, non dimenticate una passeggiata al tramonto a Nea Paralia.

Fonte e foto: visitgreece.gr

Thessaloniki: how to discover a unique city rich in history and beauty

Aristotelous Square in Thessaloniki, Greece by Viktor Posnov
from Adobe Stock

Thessaloniki is a modern port city, founded in the early 300 by its first King Cassander who gave this city the name of his wife Thessalonica, sister of Alexander the Great.
The transition of different periods and eras in which Thessaloniki has seen prosperity, wars and occupations has made it possible to create the history of this city which today boasts early Christian and Byzantine monuments recognized as UNESCO heritage.

The UNESCO heritage
Thessaloniki walls @GNTO HKakarouhas

The history of the city is present in every corner of Thessaloniki. The walls (photo above) measure 4 km and were built together with the city itself.
In the upper corner of the city fortifications you can find the Eptapyrgion, a Byzantine fortress from the Ottoman era.
Absolutely not to be missed is the Rotonda, a Roman domed temple converted in the years of Christianity into the Church of San Giorgio.

Continuing for a tour among the churches, you can admire those of San Demetrius ( photo below), San Davide (or Monastery of Latomou) and the Monastery of Vlatadon which offers a beautiful view of the Thermaic Gulf and mosaics of the Byzantine period.


And again, the church of the Prophet Elias, the church of the Twelve Apostles (also from the late Byzantine period), the early Christian church of Panagia Ageropolltos.
If, once you get here, you want to see more history, here are the two churches in the photos above: The church of Santa Sofia from the 7th century and the church of Panagia Calcheon also known as the red church.

What to do during the day

Thessaloniki is above all a seaside city. Lovers of jogging and walking can take advantage of the famous Nikis avenue to get to know one of the most famous sides of the Greek city.
Then starting from Aristotelous Square up to the shopping streets such as Mitropoleos, Tsimiski, Pavlou Mela, Proxenou Koromila for example, you can throw yourself into the heart of the city and let yourself go to the wildest shopping.
Alternatively you can visit traditional markets such as those of Modlano, Kapati or Vatikioti where you can find fresh products or simply enjoy the typical scents of the place.


Exhibitions and museums

How can we not talk about the exhibitions and museums of Thessaloniki? The landmark of the city, namely the White Tower, offers an exhibition in which the history of the city is represented. If it is true that Greece has an ancient history that almost no other country in the world can boast, why not start here to learn a little about the past of the place you are exploring?

Thessaloniki, White Tower @GNTO, KKouzouni


The Archaeological Museum, the Museum of Byzantine Culture, the Jewish Museum of Thessaloniki, the State Museum of Contemporary Art, the Museum of Cinema and the Museum of Photography are just among the many museums that you can visit in the city.



What to do in the evening

When dinner time arrives and the city begins to come alive with the first lights of the night, the districts where you can go are Ladadika, Evosmos and Ano Poli. If we are familiar with the fantastic Greek restaurants, perhaps some are unaware of the more traditional taverns such as ouzeri, where they serve ouzo con mezedes (tasty morsels of fish or meat) or rebetadiko, a tavern with live rebetiko music.

lifeThessaloniki, Nighlife, @GNTO HKakarouhas

For those who want to stay up later, there are bars and clubs along Valaritou street, in the harbor area, in Kalamarià, Toumpa, Kastra and Polichni. The Casino Regency is 12 km from the city, towards the airport. But remember that you must be over 25 to enter.
If, on the other hand, you are in Thessaloniki with your sweetheart, you can take a sunset walk the Nea Paralia.

Source and photos: visitgreece.gr